Home Pasticceria Una cascata di panettoni. 54 milioni di pezzi per le feste 2018
Traduci l'articolo nella tua lingua ArabicChinese (Simplified)EnglishFrenchGermanHindiItalianJapanesePolishPortugueseRomanianRussianSpanish

Una cascata di panettoni. 54 milioni di pezzi per le feste 2018

0
panettone

L’Italia si prepara ad affrontare una vera e propria invasione di panettoni e pandori. La rilevazione è di Assolatte, Associazione delle Industrie del Dolce e della Pasta Italiane (Aidepi).
Il dato di consumo si attesterà sui 54 milioni di prodotti tra panettoni e pandori, in linea con il consumo dello scorso anno.
L’Italia è leader mondiale nel consumo dei panettoni e pandori stimata in circa 3 kg annui procapite. La leadership è dovuta principalmente al fatto di essere un paese produttore.
Le aziende dolciarie tricolori sfornano circa 6.550 tonnellate l’anno, con un 10% esportato all’estero.
Nella sua analisi, Assolatte ha anche ricordato l’importanza di alcuni ingredienti nella preparazione dei lievitati natalizi (ma non solo), come il lievito naturale da pasta acida, le uova fresche, lo zucchero e il burro che deve rappresentare almeno il 16% degli ingredienti del panettone e almeno il 20% di quelli del pandoro, secondo il decreto del 2005 che stabilisce le fasi di preparazione ed è mirato a tutelare la tradizione dolciaria italiana dalle imitazioni di scarso valore.
L’unica eccezione ammessa nella sostituzione del burro – precisa infine Assolatte – è il burro di cacao.
All’interno di questa tradizione sarà derby tra panettone e pandoro con il primo che è stato scelto dal 76% degli italiani nel 2017.

Come nascono panettone e pandoro

La tradizione vuole che l’invenzione del panettone sia avvenuta per puro caso a Milano, alla corte di Ludovico il Moro, duca di Milano: per salvare il pranzo della vigilia di Natale, Toni il pasticciere o Ugo, falconiere del duca divenuto garzone del maestro dolciere, sostituì il dolce bruciato del cuoco con del pane condito all’ultimo momento con ciò che aveva a disposizione. La ricetta conquistò la corte e da quel momento fu conosciuta come il Pan del Toni, da cui panettone.

Il nome pandoro, invece, sembra risalire ai tempi della Repubblica Veneziana, quando andava di moda ricoprire alcuni cibi pregiati con sottili foglie d’oro, da cui pan de oro.

Il panettone generalmente possiede tra le 330 e le 360 calorie per 100 grammi, mentre il pandoro arriva fino a 410 calorie. Il panettone, però, ha più zuccheri. La porzione perfetta: 80 grammi a ridosso dei pasti.

Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Suggerisci una correzione all’articolo

[recaptcha]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here