Home Prodotti Alcolici Un week end esclusivo con GIASS al Milano White Spirits Festival

Un week end esclusivo con GIASS al Milano White Spirits Festival

Gias, White Spirits Festival

GIASS, il primo London Dry Gin 100% milanese, sarà protagonista al Milano White Spirits Festival, l’imperdibile manifestazione dedicata al mondo dei distillati bianchi e del gin che si terrà a Milano sabato 23 e domenica 24 febbraio.
L’evento si svolgerà al Marriott Hotel e rappresenta una grande opportunità di confronto e conoscenza per tutti gli amanti e gli appassionati di gin e distillati bianchi d’eccellenza.

Nato dall’intuizione di cinque amici – Andrea e Simone Romiti, Richard D’Annunzio, Francesco Niutta e Francesco Braggiotti -, GIASS è un progetto ambizioso dedicato a Milano.
Diciotto botaniche selezionate hanno dato vita a un prodotto dall’anima complessa da assaporare on the rocks. Ma il suo carattere si completa nella diciannovesima essenza, l’elemento instabile e sempre diverso.

Con GIASS ci saranno Farmily e Tovel’s, due partner d’eccellenza, con i quali verrà offerto quanto di meglio si possa trovare nel mondo dei distillati legati ai profumi e ai gusti che regala la natura.
Farmily è un Botanical Spirit nato per offrire un twist inconfondibile ai cocktail grazie a botaniche naturali e mai di sintesi.
Tovel’s è il London Dry delle Dolomiti, prodotto nella Val di Non dalle storiche distillerie Valentini.
In occasione del Festival verrà proposta una drink list esclusiva, curata dal MAG Cafè di Milano. I protagonisti saranno cocktail iconici, quali il Gin Tonic, fresco e piacevole, uno tra i drink più amati e bevuti al mondo, il London Mule, variante a base gin del Moscow Mule, con un tocco più diretto e aromatico, e il Negroni; un grande classico della miscelazione, che quest’anno festeggia 100 anni di vita.
Tre cocktail contemporanei nei quali il gin è l’ingrediente perfetto per una degustazione dai sapori ricchi, persistenti e ben strutturati, offrendo un’opportunità sicuramente insolita e speciale per approfondire l’arte della miscelazione.

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Condividi su: