Home Notizie Aziende Sodexo ha regalato un pranzo di Natale a oltre 700 anziani di...

Sodexo ha regalato un pranzo di Natale a oltre 700 anziani di Collegno

Pranzo solidale Collegno Sodexo

Sodexo ha permesso a oltre 700 anziani residenti nelle strutture di Collegno (TO) di trascorrere alcune ore assieme, sentendosi parte integrante della comunità e festeggiare il Natale in anticipo con un lauto pranzo.

L’iniziativa sociale organizzata da Sodexo, leader mondiale nei servizi che migliorano la qualità della vita, e il Comune di Collegno ha avuto luogo sabato 13 dicembre nei centri civici: Centro Anziani Berlinguer, Centro Civico Bonavero, Centro Anziani S. Maria, Centro Anziani Gibin Auser, Centro Sassi, Centro d’ascolto Frassati, Madonna dei Poveri – Padre Salesio, Fili d’Argento, Polisportiva Borgonovo, Centro Anziani Leumann, Alvuss.

Ai pranzi hanno partecipato 765 anziani, 102 volontari, 8 addetti del personale e 7 politici.

Sodexo, realtà multinazionale che da sempre fornisce il proprio contributo alle attività che mettono al centro la qualità della vita e il benessere delle persone, quest’anno ha deciso di fornire generi di prima necessità e organizzare un grande pranzo natalizio per supportare le famiglie durante le festività natalizie.

Ringrazio Sodexo per la scelta fortemente orientata al sociale e per aver organizzato questa nobile iniziativa – ha spiegato Francesco Casciano, sindaco di Collegno – La distribuzione dei pacchi di generi alimentari per le persone in difficoltà della città e il grande momento festoso del pranzo di Natale sono occasioni che rafforzano le relazioni della nostra comunità, creando senso di appartenenza e coltivando l’inclusione e la solidarietà. Questa è una città sociale: prima di tutto occorre aiutare i più deboli, perché ognuno di noi è cittadino ed è un essere umano. L’attenzione alla persona è un valore fondante della nostra comunità e questa attenzione diventa protezione, tutela e cura nel momento in cui qualcuno o qualcuna dei nostri concittadini attraversa un momento di difficoltà”.

Print Friendly, PDF & Email
5/5 (2)

Lascia una valutazione

Condividi su: