Home Notizie Attualità Ristorazione: persi 11 miliardi nel 4° trimestre 2020. Fipe: “Abisso senza fine”

Ristorazione: persi 11 miliardi nel 4° trimestre 2020. Fipe: “Abisso senza fine”

Nel IV trimestre del 2020 la ristorazione italiana ha perso 11,1 miliardi di euro secondo l'Ufficio Studi Fipe su dati Istat.

Nel IV trimestre del 2020 la ristorazione italiana ha perso 11,1 miliardi di euro, chiudendo così con un -44,3% di fatturato rispetto allo stesso periodo del 2019, certificato dal centro studi Fipe su dati Istat.

Fanno peggio solo i trasporti marittimi e aerei, gli alloggi e le agenzie di viaggio e tour operator.

I dati Istat riflettono la situazione di mesi molto difficili a causa dell’arrivo della temuta seconda ondata della pandemia, con chiusure e restrizioni Horeca generalizzate.

La perdita di fatturato ha colpito la quasi totalità dei settori, risultando particolarmente marcata nelle attività più colpite dalle restrizioni, quindi la Ristorazione e la filiera del Turismo.

Un risultato determinato da quello che è stato, a tutti gli effetti, commentano da Fipe, un secondo lockdown autunnale per il comparto della ristorazione che, complessivamente, lo scorso anno ha perso 34,6 miliardi di euro, il 36,2% rispetto al periodo pre Covid.

“Siamo davanti a un abisso apparentemente senza fine – commenta la Federazione italiana dei Pubblici esercizi –. Con la fine di marzo si chiuderà, con ogni probabilità il quinto trimestre consecutivo con segno negativo per un settore che rappresenta, più di ogni altro, l’italianità. Un settore che, oltre a dare lavoro direttamente a 1,3 milioni di persone, rappresenta il terminale essenziale della filiera agroalimentare. Numeri che richiedono almeno una graduale riapertura per evitare che l’intero settore vada in default.

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.

    Print Friendly, PDF & Email
    Ancora nessun voto.

    Lascia una valutazione

    Condividi su: