Home Eventi Ristopiù Lombardia sulla manifestazione M.I.O. Italia per l’ospitalità

Ristopiù Lombardia sulla manifestazione M.I.O. Italia per l’ospitalità

Ristopiù Lombardia appoggia la manifestazione del prossimo 25 gennaio indetta da M.I.O, Movimento Imprese Ospitalità.

Ristopiù Lombardia sulla manifestazione M.I.O. Italia per l'ospitalità

Riceviamo e pubblichiamo da Ristopiù Lombardia una nota stampa relativa alla manifestazione del prossimo 25 gennaio indetta da M.I.O, Movimento Imprese Ospitalità.


300.000 imprese – 1 milione di lavoratori – un giro di affari di oltre 85 miliardi sono in pericolo.
Questi dati devo farci riflettere, non solo per l’immenso valore che rappresentano ma, anche per l’immensa perdita che possono arrecare all’intero comparto.
Giuseppe Arditi Presidente dell’Associazione e Consorzio Ursa Major, Presidente della Rete d’Impresa Surgelite e Presidente di Ristopiù Lombardia Spa ha deciso di appoggiare a gran voce Paolo Bianchini Presidente M.I.O., Movimento Imprese Ospitalità e invita tutti i suoi colleghi a fare altrettanto ed essere presenti il 25 Gennaio a Roma – Piazza del Popolo – ore 10.30 per far valere in modo assolutamente civile il diritto al lavoro.
“Tra qualche mese sarà un anno che siamo abbandonati a noi stessi, in balia di DPCM che si susseguono tra continue aperture, chiusure e cambi di direzione che, ogni volta, lasciano solo molte incertezze” afferma Giuseppe Arditi.
La manifestazione indetta da M.I.O. Italia vuole essere il forte segnale del fronte comune di un’intera filiera alla quale per quasi un anno il Governo ha chiesto solo di dare e rispettare (protocolli di sicurezza, distanziamenti, sanificazione dei locali) senza ricevere, però, nulla di quanto promesso.
“Restare con le braccia conserte è un delitto per l’intera filiera dell’ospitalità, agire uniti e compatti ma usando la testa senza azioni d’impulso, è l’unico modo per far sentire la nostra voce, far valere le nostre posizioni senza andare a intaccare una situazione già alquanto dura e difficile. Creare ulteriore disagio non porta a nulla” conclude Giuseppe Arditi.

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.

    Print Friendly, PDF & Email
    Ancora nessun voto.

    Lascia una valutazione

    Condividi su: