Home Norme & Leggi Proroga per l’entrata in vigore della SCA per i pagamenti online. Soddisfazione...
Traduci l'articolo nella tua lingua ArabicChinese (Simplified)EnglishFrenchGermanHindiItalianJapanesePolishPortugueseRomanianRussianSpanish

Proroga per l’entrata in vigore della SCA per i pagamenti online. Soddisfazione Confindustria Alberghi

0
sca

È stata concessa dalla Banca d’Italia una proroga per l’obbligo di applicazione della così detta Autenticazione Forte, la SCAStrong Customer Authentication per i pagamenti online da remoto.

La SCA – collegata a una nuova direttiva europea sui servizi di pagamento – prevede che i clienti forniscano al momento del pagamento due modi congiunti di identificazione da scegliere tra una password, la carta di credito fisica o i dati biometrici.

La scarsità di informazioni tecniche e di linee guida soprattutto per l’ambito alberghiero, fortemente interessato dalla questione dato il forte peso che oramai hanno per il settore le prenotazioni online, aveva spinto le associazioni di categoria a chiedere una proroga per evitare l’entrata in vigore del nuovo metodo il 14 settembre.
Per ora non è ancora stata fornita la data di scadenza della proroga in cui ufficialmente la SCA diventerà obbligatoria.

“È un’ottima notizia quella comunicata dalla Banca d’Italia, che concede una proroga all’applicazione della SCA (Strong Custmer Autentication) ai pagamenti on-line con carta di credito – si legge in una nota di Associazione Italiana Confindustria AlberghiLa decisione va incontro alle criticità segnalate dall’Associazione, tra l’altro anche in occasione della riunione di inizio luglio con ABI e Banca d’Italia, in cui avevamo sottolineato la scarsità di informazioni a disposizione degli operatori alberghieri in merito alle novità introdotte dal Regolamento Delegato della CE del 27 novembre 2017 che traducendo in norme quanto stabilito dall’EBA su delega della PSD2, introduce la SCA. Infatti, la mancanza di linee guida e indicazioni tecniche, in particolare per il settore alberghiero, avevano generato molta preoccupazione.”

 

Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Suggerisci una correzione all’articolo

[recaptcha]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here