Home Attualità Napoli. Alla Federico II nasce il corso di laurea in Scienze gastronomiche...

Napoli. Alla Federico II nasce il corso di laurea in Scienze gastronomiche Mediterranee

0
scienze gastronomiche mediterranee, Federico II,

È stata presentata presso la Reggia Borbonica di Portici lunedì 9 luglio il corso di laurea triennale in Scienze Gastronomiche Mediterranee, afferente alla facoltà di Agraria dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, il più grande polo universitario del Sud Italia.
Il nuovo corso di studi, che si avvierà il prossimo anno accademico – e cioè a partire da settembre – è riservato a circa 50 studenti, si avvale della collaborazione di professionisti del settore, chef stellati e partner privati, primo tra tutti Eccellenze Campane, che metterà a disposizione degli studenti la sua struttura per lezioni e laboratori didattici. Dal secondo anno, infatti, gli iscritti al corso di laurea simuleranno la gestione di un ristorante sfruttando proprio le cucine e gli spazi napoletani di Eccellenze Campane.
La facoltà di Scienze Gastronomiche Mediterranee vuole fornire una formazione completa, teorica e pratica, a chi decide di voler operare nel mondo del food; i corsi saranno variegati e toccheranno tutti gli argomenti necessari a creare un vero professionista, dalla storia del patrimonio enogastronomico, alla comunicazione passando per la nutraceutica e la logistica.
Nozioni tutte fondamentali per una conoscenza capillare del settore al fine di formare figure professionali capaci di esaltare e valorizzare il patrimonio enogastronomico del Mediterraneo, in grado cioè di trasformare la ricchezza enogastronomica della Regione – e del Paese – in una risorsa.
Il Rettore della Federico II Gaetano Manfredi ha sottolineato: ”Esploriamo nuove aree perché dobbiamo dare una risposta ai bisogni del territorio e dare opportunità anche ai nostri giovani. Parlare quindi di scienze gastronomiche significa parlare di cibo guardando al fenomeno culturale, dando una formazione di alto livello. Ciò significa guardare al futuro rispetto a quelle che sono le esigenze dei consumatori e dei cittadini”.  

Print Friendly, PDF & Email
Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here