Home Eventi Le infinite proprietà del baccalà novergese all’evento “Roma Baccalà”

Le infinite proprietà del baccalà novergese all’evento “Roma Baccalà”

A Roma Baccalà è stato approfondito il percorso culturale e culinario del baccalà norvegese, prodotto perfetto per una dieta sana e sostenibile

La seconda edizione di “Roma Baccalà”, kermesse capitolina dedicata al baccalà e allo stoccafisso tenutasi dal 9 al 12 settembre, ha rappresentato per il Norwegian Seafood Council, che collabora in prima linea con le industrie norvegesi della pesca e dell’acquacoltura, l’ennesima tappa di un percorso culturale ed alimentare che evidenzia come il baccalà sia divenuto un prodotto principe delle tavole italiane, apprezzato principalmente per le sue proprietà nutritive e per la sostenibilità come ingrediente.

Il baccalà norvegese segue una catena naturale dall’inizio alla fine che garantisce la sua consistenza unica ed il sapore inconfondibile. Per quanto negli anni il metodo sia stato modernizzato, il prodotto finale è lo stesso che viene preparato ed esportato dalla Norvegia da più di 300 anni.
Il sale estrae l’acqua e satura il contenuto liquido rimasto nel pesce, in un processo di maturazione che richiede solitamente diversi mesi. Quando il contenuto d’acqua del pesce essiccato scende al di sotto del 48%, può essere chiamato baccalà.

“Per quanto il processo di produzione sia piuttosto semplice, e gli ingredienti non siano molti, la produzione di baccalà norvegese di alto livello è tutt’altro che facile. Nessuno strumento tecnico o scientifico può indicare quando il prodotto è pronto: è tutta una questione di conoscenza ed esperienza, che in Norvegia vengono tramandate di generazione in generazione.” dichiara Gunvar Lenhard Wie, Direttore Italia del Norwegian Seafood Council.

Il connubio tra l’alta qualità del merluzzo proveniente dalle acque fredde e limpide del mare di Barents e le tecniche di lavorazione antiche di secoli regala al baccalà norvegese una carne dalla consistenza e dal gusto eccezionali, che si sfalda in deliziose lamelle, ideale per diverse ricette entrate nell’immaginario collettivo.

Inoltre, poiché l’acqua viene rimossa, i contenuti nutrizionali del baccalà sono più concentrati di quelli del normale pesce fresco. Il baccalà è pertanto ricco di proteine ad alto valore biologico, vitamine A e D, particolarmente importanti nei mesi invernali, e vitamine del gruppo B e di alcuni minerali come potassio, fosforo, iodio e ferro, adatte per chi deve seguire diete ipocaloriche. Le sue carni, bianche e magre, risultano anche prive di allergeni, ideali per chi soffre di intolleranze alimentari, e grazie al suo buon contenuto di omega-3 può essere anche utile per ridurre il rischio di insorgenza di malattie cardiovascolari.

Al largo delle coste norvegesi, la quantità di merluzzo norvegese viene gestita in un’ottica sostenibile per garantire la produzione del pesce migliore.

Il baccalà norvegese è realizzato con risorse al 100% naturali ed è stata adottata una politica di produzione zero scarti: tutte le parti del pesce scartate nel processo di produzione vengono impiegate per realizzare snack e altri prodotti alimentari.

Di seguito una ricetta realizzata per lo showcooking di “Roma Baccalà” che racchiude tutte le proprietà nutrizionali di uno dei migliori prodotti dei mari norvegesi. Molte altre ricette sono disponibili sul sito: https://pescenorvegese.it/

Baccalà con insalata di patate e salsa al burro profumata al limone

Ingredienti per 4 porzioni

600 g di baccalà norvegese
Olio EVO
Sale e pepe
Per l’insalata di patate:

500 g di patate
100 g fagiolini
100 g pomodorini
100 g cipolla rossa caramellata

Per la cipolla rossa caramellata:

100 g cipolla rossa
100 ml aceto
200 ml zucchero
300 ml acqua

Per la salsina per l’insalata:

60 ml olio EVO
30 ml aceto di mele
Miele
Erbe fresche
Per la salsa al burro:

50 ml vino bianco
Succo e scorza di 1 limone
400 g di burro salato

Tagliate il pesce in pezzi da 150 grammi ognuno e infornate a 160 gradi per 10 minuti. Mettete il pesce in una padella e fatelo rosolare con un po’ di olio EVO e pepe. Salate se necessario.

Per preparare la cipolla caramellata, fate bollire aceto, acqua e zucchero fino a quando lo zucchero non si sia sciolto e versate sopra la cipolla rossa.

Mescolate le patate già cotte e tagliate a dadi insieme ai fagiolini, anch’essi già cotti. Aggiungete la cipolla rossa caramellata e i pomodorini tagliati in quattro parti. Aggiungete la salsina e regolate di sale e pepe. Prima di servire aggiungete le erbe aromatiche a scelta.

Fate una riduzione con il vino bianco, il succo e la scorza di limone fino a ottenere un cucchiaio circa di liquido. Poi aggiungete poco a poco il burro mentre lavorate costantemente con la frusta. La salsa dovrà essere calda ma non bollente al momento di servirla. (La salsa si separa facilmente, quindi per facilitare la preparazione potete aggiungere 50 ml di panna liquida durante la riduzione).

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.

    Print Friendly, PDF & Email
    Ancora nessun voto.

    Lascia una valutazione

    Condividi su: