Home Protagonisti La Tuscia sempre più gourmet. All’Osteria Unicorno Marta Cerbino
Traduci l'articolo nella tua lingua ArabicChinese (Simplified)EnglishFrenchGermanHindiItalianJapanesePolishPortugueseRomanianRussianSpanish

La Tuscia sempre più gourmet. All’Osteria Unicorno Marta Cerbino

0
Marta Cerbino - Osteria Unicorno - Il Podere di Marfisa

La Tuscia si conferma sempre di più terra gourmet. L’ultima edizione della Guida Michelin Italia ha confermato la stella a La Parolina, di Iside De Cesare e Romano Gordini. La stella Michelin è arrivata anche per due Under 35 della regione laziale: Danilo Ciavattini a Viterbo e Lorenzo Iozzia a Vitorchiano.

Marta Cerbino è la nuova regina dell’Osteria Unicorno di Il Podere di Marfisa, un agriturismo a Farnese con wine relais-Spa e l’osteria “Unicorno” in piena cultura Antica Etruria. Marta Cerbino approda in Tuscia dopo significative esperienze in Italia e all’estero: con Heinz Beck, al tristellato La Pergola, dove è stata commis, con Giancarlo Perbellini, due anni con Riccardo Camanini, e poi tre anni a Parigi come sous chef di Inaki Aizpitarte al Le Chateaubriand.

Ha preso distanza dalla città per vivere una campagna inedita. Una campagna dove porta i legumi e i frutti del suo orto di Onano, oltre che specialità degli artigiani del gusto locali. In un ambiente caldo e accogliente con vista sul podere Terre di Marfisa, la cucina può proporre agli ospiti piatti e menu di degustazione legati alla tradizione locale e realizzati con prodotti freschi a chilometro zero: dalle carni provenienti da allevamenti selezionati, ad olio e vino de Le Terre di Marfisa, a pane e dolci fatti in casa.

Il Podere di Marfisa della famiglia Clarici è hotel e agriturismo, immerso in 20 ettari di uliveti, vigneti e coltivazioni tipiche della Tuscia viterbese, in posizione splendida a 380 metri sul livello del mare, con le colline da un lato e il Tirreno dall’altro, che sfiora queste terre con brezze delicate.

Le Terre di Marfisa producono pregiato extravergine D.O.P. da cultivar Canino e uve sangiovese, vermentino, incrocio manzoni e petit verdot, che si trasformano nelle tre referenze della casa, l’Athuni, Thesham e Zamathi, nati da suoli vulcanici e tufacei che omaggiano nel nome l’appartenenza al territorio degli antichi etruschi.

L’hotel dispone di 12 camere molto ben accessoriate, che si affacciano sul giardino e sulla grande piscina scoperta, cuore pulsante di convivialità con l’arrivo della bella stagione, nonché di una Spa interna con idromassaggio, cromoterapia, sauna, bagno turco e trattamenti estetici a disposizione degli ospiti dell’hotel, ma anche in formula day per chi sceglie di regalarsi gusto e piacevolezza per un giorno.

Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
5/5 (3)

Lascia una valutazione

Suggerisci una correzione all’articolo

[recaptcha]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here