Home Notizie Salute La dieta mediterranea allunga la vita di 9 anni, lo rivela uno...

La dieta mediterranea allunga la vita di 9 anni, lo rivela uno studio pugliese

Una ricerca dell’Irccs Saverio de Bellis di Castellana Grotte (BA) su un campione di 5.000 pugliesi ha dimostrato come seguire la dieta mediterranea può allungare la vita di 9 anni

È stata pubblicata sull’International Journal of Epidemiology una ricerca dell’Irccs Saverio de Bellis di Castellana Grotte (BA) che dimostra come la dieta mediterranea, oltre ad avere effetti positivi sulla nostra salute, ha anche la capacità di allungare la vita.

Lo studio è stato condotto a partire dal 1985 su un campione di 5.000 pugliesi provenienti dalle città di Castellana Grotte, coinvolti nel 1985, e Putignano, coinvolti invece nel 2005, anno in cui si è iniziato a raccogliere i dati sullo stato di salute e sulle abitudini alimentari dei gruppi presi in analisi.
Tramite un questionario alimentare è stato chiesto a tutti di rispondere a domande sulla frequenza di assunzione di ben 233 alimenti stimando anche le porzioni tramite fotografie.
Da questi elementi i ricercatori hanno calcolato un punteggio in base all’aderenza alla dieta mediterranea e valutato lo stato di salute: ciò che è emerso è che i soggetti che non la seguivano o seguivano parzialmente vivevano tra i 9 e i 5 anni in meno rispetto a chi aveva fatto di questo modello alimentare uno stile di vita.

Si tratta di un dato in più che conferma la validità della dieta mediterranea; fin ora tutti gli studi si erano concentrati sulla maggiore o minore probabilità dell’insorgere di alcune patologie: ora sappiamo che i benefici sono ancora più rilevanti per il nostro organismo.

Dieta mediterranea

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.

    Print Friendly, PDF & Email
    Ancora nessun voto.

    Lascia una valutazione

    Condividi su: