Home Ho.Re.Ca. Gelateria Il gelato non conosce crisi e piace in ogni stagione

Il gelato non conosce crisi e piace in ogni stagione

gelato

Non c’è crisi che tenga. Il gelato industriale chiude il 2017 con una produzione di 213.125 tonnellate, per un valore complessivo di 2.063,9 milioni di euro.

I dati sono stati resi noti dall’Igi, l’Istituto del Gelato italiano, che ha quantificato in tre milioni e mezzo i coni, le coppette, i ghiaccioli venduti negli scorsi dodici mesi, per un consumo pro capite di tre kg a testa.

Multipack e specialità da tavola in confezioni multiple sono le soluzioni più acquistate e confermano che si preferisce il gelato da asporto.

La produzione 2017 di questo segmento ammonta a 97.044 tonnellate, per un valore di 1.048,1 milioni di euro. Seguono vaschette e secchielli, con 58.134 tonnellate corrispondenti a 453,5 milioni di euro.

Export del gelato italiano

Volano anche le esportazioni che nel 2017 hanno riguardato 69.938 tonnellate di gelato con un incremento del 3,1% per un valore di 230,3 milioni di euro.

La Germania è il primo partner per i produttori italiani di gelato, circa il 20% del totale. Poi Regno Unito, Francia, Spagna e Paesi Bassi.

Gelati sfusi

Crescono anche i gelati sfusi, un trait d’union tra mondo artigianale e industriale.

Il loro utilizzo – sostiene Michelangelo Giampietro, nutrizionista e presidente di Igi – è pensato dall’industria per rispondere alle esigenze dei consumatori con una produzione costante di gelati ottimi, sicuri e con gusti vari nel corso di tutte le stagioni, permette così di far convergere la tradizione e l’innovazione, l’artigianale e l’industriale, sfruttando appieno i passi avanti che i reparti di ricerca e sviluppo delle aziende hanno fatto negli anni ottenendo dei prodotti di qualità sempre più alta“.

Indagine Doxa sulle preferenze degli italiani

Secondo una indagine Doxa commissionata, il gelato è un prodotto che piace al 93% degli italiani, una merenda perfetta per la metà dei nostri connazionali, un piacere da condividere in coppia e in famiglia per il 48% degli intervistati, possibilmente con in mano un bel cono (41%) e nel relax della propria casa (56%).

Grande preferenza va al gelato confezionato, preferito dal campione perché, tra le altre cose, ritenuto particolarmente controllato e sicuro dal punto di vista igienico (35%), trasparente grazie ad un’etichetta chiara (29%), prodotto con ingredienti sani e di qualità (11%) e porzionato in maniera da conoscere esattamente i valori nutrizionali assunti (5%).

Print Friendly, PDF & Email
Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Condividi su: