Home Aziende Ferrarini: stabilimenti al 100% della capacità produttiva e piena occupazione
Traduci l'articolo nella tua lingua ArabicChinese (Simplified)EnglishFrenchGermanHindiItalianJapanesePolishPortugueseRomanianRussianSpanish

Ferrarini: stabilimenti al 100% della capacità produttiva e piena occupazione

0
Ferrarini

Ad appena due mesi dall’ammissione del concordato preventivo con continuità aziendale, con il quale l’azienda si impegna in un percorso di rafforzamento e crescita, Ferrarini Spa annuncia di essere al cento per cento della capacità produttiva degli stabilimenti di Reggio Emilia e Langhirano e in piena occupazione senza l’utilizzo di ammortizzatori.

Lisa Ferrarini, presidente di Ferrarini Spa

Prosegue secondo le previsioni – dichiara la presidente di Ferrarini Spa, Lisa Ferrarini il percorso di continuità aziendale previsto dal piano industriale e dalla proposta concordataria presentata e dichiarata ammissibile dal tribunale di Reggio Emilia. I riscontri ottenuti sul mercato ci stanno consentendo una redditività allineata al piano industriale e il lancio di nuovi prodotti premium come il Cotto Storico sta conseguendo un grande apprezzamento del mercato“.

Ferrarini sarà partner della Festa della Repubblica organizzata dal Consolato Generale di Hong Kong per il 3 giugno. L’azienda è presente da più di 20 anni in Asia con i prodotti simbolo del Made in Italy.

Oltre al Prosciutto di Parma stagionato nelle cantine di Lesignano de’ Bagni, ai Salami e alla Mortadella, è molto apprezzato il Parmigiano Reggiano non Ogm, ottenuto esclusivamente con il latte proveniente dagli allevamenti delle Fattorie Ferrarini.

Continua, quindi, la crescita all’estero per Ferrarini, che oggi è presente in 34 paesi ed è tra i leader di mercato nel food made in Italy di qualità in  Giappone, USA, Svizzera, Spagna, Hong Kong e in importanti Paesi del Sud Est Asiatico come Singapore e Thailandia.

Educare i mercati internazionali al gusto del made in Italy di qualità è un carattere distintivo del nostro Gruppo” continua la presidente di Ferrarini Spa, Lisa Ferrarini. “Vogliamo divulgare la cultura alimentare italiana e formare i rivenditori, attraverso le continue degustazioni con nostro personale dedicato nei paesi in cui siamo presenti, grazie alle quali i consumatori possono conoscere i valori e la storia dei prodotti tipici italiani e imparare ad apprezzarli e consumarli. A Hong Kong e in Asia ci posizioniamo come prodotti di alta qualità, 100 per cento Made in Italy, garantiti dall’affidabilità di un marchio con oltre 60 anni di storia“.

Ferrarini SpA
Fondata a Reggio Emilia nel 1956 da Lauro Ferrarini, l’azienda è ormai una tra le più importanti realtà europee nel settore agroalimentare e propone in tutto il mondo, oltre al suo prosciutto cotto, i prodotti tipici dell’italianità: dal prosciutto di Parma alle diverse specialità di salumeria, accompagnate dai prodotti dell’azienda agricola Ferrarini, dalla quale l’attività imprenditoriale ha preso avvio, come il Parmigiano Reggiano Dop, i vini e l’aceto balsamico di Modena e Tradizionale Dop.
L’area della produzione agricola, delle Fattorie Ferrarini, dalla quale l’attività imprenditoriale ha preso avvio, si è notevolmente sviluppata nel tempo e rappresenta oggi un importante supporto all’attività industriale. La produzione del “Parmigiano Reggiano DOP” vanta il presidio da parte di Ferrarini dell’intera filiera – il foraggio, le bovine da latte, la lavorazione e la stagionatura – oltre che importanti riconoscimenti (prima azienda certificata del comprensorio del Parmigiano Reggiano). L’attività di Ferrarini comprende inoltre la produzione e la commercializzazione di vini ed aceto balsamico, di Modena e Tradizionale di Reggio Emilia, ottenuti da vitigni situati in terreni di proprietà.
Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Suggerisci una correzione all’articolo

[recaptcha]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here