Home Notizie Attualità DL Semplificazione: più trasparenza per il cibo straniero importato

DL Semplificazione: più trasparenza per il cibo straniero importato

Nel DL Semplificazioni inserita una norma che garantisce la trasparenza per il cibo proveniente dall’estero: tutte i dati saranno reperibili sul sito del Ministero della Salute. Per Coldiretti risultato storico che consentirà di arginare gli allarmi alimentari più facilmente

DL Semplificazione: più trasparenza per il cibo straniero importato

Nel decreto Semplificazioni sul quale il Governo ha ormai posto la fiducia alla Camera è inserita una norma che garantirà la massima trasparenza per il cibo proveniente dall’estero permettendo di conoscere il nome delle aziende che importano alimenti da paesi UE ed extra UE.
A darne notizia è Coldiretti, che ha fortemente sostenuto l’approvazione del provvedimento e che da anni si batte per la trasparenza in etichetta, un metodo essenziale per far sì che i consumatori abbiano precise informazioni su ciò che portano in tavola.

Il decreto – sottolinea la Coldiretti – prevede che il Ministero della Salute renda disponibili, ogni sei mesi, attraverso la pubblicazione sul sito internet nella sezione “Amministrazione trasparente” tutti i dati relativi ad alimenti, mangimi e animali destinati al consumo in arrivo dalla Unione e dai Paesi extracomunitari. Inoltre – precisa la Coldiretti – saranno resi noti anche i dati identificativi “degli operatori che abbiano effettuato le operazioni di entrata, uscita e deposito dei suddetti prodotti”.

Il provvedimento – specifica ulteriormente Coldiretti – renderà la filiera alimentare sempre più trasparente e sicura per il consumatore, aiuterà a combattere i casi di falso made in Italy e consentirà interventi ancor più tempestivi in caso di allarmi alimentari.

Nel 2019 in Italia è infatti scoppiato più di un allarme alimentare al giorno per un totale di ben 371 notifiche inviate all’Unione Europea tra le quali solo 58 (16%) hanno riguardato prodotti con origine nazionale, mentre 162 provenivano da altri Paesi dell’Unione Europea (43%) e 151 da Paesi extracomunitari (41%), secondo uno studio della Coldiretti sui dati del Rassf.

In altre parole – precisa la Coldiretti – oltre quattro prodotti su cinque pericolosi per la sicurezza alimentare arrivano dall’estero (84%). In questi casi – conclude la Coldiretti – le maggiori preoccupazioni sono proprio determinate dalla difficoltà di individuare e rintracciare rapidamente i prodotti a rischio per toglierli dal commercio, un pericolo che grazie al nuovo provvedimento potrà rientrare più facilmente.

Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.

Print Friendly, PDF & Email
Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Condividi su: