Home Notizie Le Aziende informano Dishcovery per l’ambiente: sostiene il progetto di Treedom

Dishcovery per l’ambiente: sostiene il progetto di Treedom

Grazie alla partnership, ogni nuovo ristorante che sceglierà di digitalizzare i propri menu con Dishcovery potrà scegliere e piantare il proprio albero sulla piattaforma Treedom.

Dishcovery per l'ambiente: sostiene il progetto di Treedom

Dishcovery, start-up modenese specializzata in menu multilingua digitali abbinati ad un funzionale software gestionale specifico per la ristorazione collabora con Treedom, la prima piattaforma web al mondo che permette di piantare un albero a distanza e seguirlo online, per promuovere la biodiversità e la riforestazione.

Dalla fondazione avvenuta nel 2010, Treedom ha piantato oltre 1.300.000 alberi in Africa, America Latina, Asia e Italia, sostenendo più di 78.000 contadini, e vanta una community di 490.000 persone. Tutti gli alberi vengono piantati direttamente dai contadini locali e contribuiscono a produrre benefici ambientali, sociali ed economici.

L’iniziativa permetterà a ogni nuovo ristorante che si iscriverà al servizio di digitalizzazione del menu Dishcovery di piantare un albero in uno dei progetti agroforestali realizzati da Treedom in Camerun, Kenya, Tanzania, Madagascar, Guatemala, Haiti. Attraverso la pagina web dedicata alla start up modenese, i ristoratori potranno scegliere la varietà e il nome della pianta, dando vita così alla foresta Dishcovery. Partecipando all’iniziativa, i ristoratori non faranno bene solo all’ambiente ma potranno anche risparmiare carta e denaro: un ristorante spende mediamente 1.000 euro all’anno per la stampa dei menu cartacei, un costo che potrà abbattersi fino all’80% aderendo al servizio di Dishcovery.

La collaborazione con Treedom si inserisce nelle politiche legate alla sostenibilità di Dishcovery, che attraverso la digitalizzazione consente di limitare l’uso di carta e plastica all’interno dei ristoranti. Una soluzione ecologica ma anche importante nell’era post Covid-19, in quanto elimina la possibilità di proliferazione di virus e batteri causata dal passaggio del menu tra gli utenti e che necessariamente richiede l’igienizzazione dopo essere stato visionato da ogni cliente. L’offerta digitale di Dishcovery, inoltre, consente di visualizzare informazioni sugli ingredienti, sugli allergeni e link a pagine di approfondimento sulle origini delle ricette, oltre al servizio di traduzione in svariate lingue per chi lo desidera.

Il progetto di sostenibilità ambientale non coinvolgerà unicamente i ristoratori ma anche i consumatori in sala. Infatti, ad ogni apertura del menu dei ristoranti partecipanti all’iniziativa, l’utente potrà visualizzare i dettagli circa l’albero adottato e i dati relativi alle emissioni di CO2 risparmiate, che al traguardo delle prime 200 piante si raggiungerà l’assorbimento di 40.875 kg di CO2. In questo modo anche gli utenti sono sensibilizzati sull’impatto che l’eliminazione dei menu cartacei ha sull’ambiente. In quest’ottica, Dishcovery progetta come successivo sviluppo dell’iniziativa di coinvolgere ulteriormente la clientela dei ristoranti incentivandoli a prediligere la visualizzazione digitale tramite QR code e su dispositivi mobili. Infatti, al raggiungimento di una quota di visualizzazioni verrà adottato un nuovo albero nella foresta Dishcovery.

Dishcovery nasce con l’obiettivo di digitalizzare i menu dei ristoranti, permettendo a chiunque di accedere in maniera semplice e intuitiva ai piatti disponili”, afferma Marco Simonini, Co-Founder di Dishcovery. “Attraverso il QR code a disposizione del ristoratore, il menu cartaceo viene completamente sostituito e digitalizzato, all’utente non basta che scansionare con la fotocamera del proprio smartphone il codice e visionare i piatti proposti, senza dover toccare materiali di carta o plastica passati di mano in mano e che richiedono l’igienizzazione”.

La digitalizzazione dei menu non solo si traduce solo in un beneficio per il cliente che non deve più toccare carta o plastica per scegliere il proprio piatto, o per il ristoratore che non deve più preoccuparsi dell’igienizzazione o della ristampa, ma anche per l’ambiente”, dichiara Giuliano Vita, Co-Founder di Dishcovery. “Eliminando i menu cartacei, infatti, si limita l’uso di carta e di conseguenza la sua produzione. Grazie alla collaborazione con Treedom, vogliamo sensibilizzare ulteriormente ristoranti e utenti a far leva sui servizi digitali e prediligere una soluzione più eco-sostenibile”.

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.

    Print Friendly, PDF & Email
    Ancora nessun voto.

    Lascia una valutazione

    Condividi su: