Home Eventi Chiusa con successo la terza edizione di Chef Awards
Traduci l'articolo nella tua lingua ArabicChinese (Simplified)EnglishFrenchGermanHindiItalianJapanesePolishPortugueseRomanianRussianSpanish

Chiusa con successo la terza edizione di Chef Awards

0
chef awards

Grande successo ad Assisi, cuore pulsante dell’Italia, lunedì 16 settembre per la terza edizione di Chef Awards, un grande evento di 3 giorni all’insegna del gusto al Teatro Lyrick.

Prima della premiazione, sabato e domenica in Piazza del Comune è stato possibile fare tappa grazie al Festival degli Chef nelle postazioni food a cielo aperto che hanno proposto ricette con il meglio delle eccellenze selezionate e firmate da una vera dai migliori talenti culinari nazionali.
In questa occasione è stato lanciato “Chef Award Catering & Delivery” diretto magistralmente da Hakam Buti di Foodie e Frantoio Catering.
Chef awards è stato voluto ad Assisi da “Assisi Convention Bureau” nella persona del presidente Elena Angeletti. I partecipanti all’evento sono stati accolti in modo impeccabile dal prima cittadina Stefania Proietti e dalla sua amministrazione.

L’evento gourmet ha visto protagonisti tanti “cappelli bianchi” arrivati da tutta Italia per esaltare i prodotti del territorio. In questi tre giorni gli chef hanno proposto ricette con il meglio delle eccellenze guidati dallo Chef Gregori Nalon e con la partecipazione straordinario dello chef Natale Giunta.

Il Museo Monte Frumentario ha aperto le sue porte alla finalissima del campionato culinario italiano Chef League un evento a gironi con chef attentamente selezionati da Chef Awards secondo il sistema Gastroranking.it,
Protagonisti della Chef League gli “umbricelli” realizzati con le farine umbre 100% ORO PURO Molino sul Clitunno SpA e reinterpretati dai 7 chef in sfida – Luca Trabalzini, Daniele Maf Famà, Mattia Abussi, Paolo Scaccabarozzi, Mauro Buonanno, Tiziano Paolini, Paolo Trippini – secondo la tradizione culinaria del proprio territorio e anche in base alla propria filosofia di cucina.
Una sfida intesa ma ricca di passione ed impegno, moderata dalla giornalista molisana Barbara Fino e dallo chef Gregori Nalon da Rai uno e Alice Tv, con il supporto dello chef Corrado Amato.
In giura tecnica alcuni degli esponenti delle aziende food presenti e giornalisti di settore: Antonio Minenna del Frantoio Olerario Bitontino, Nadia Toppino di Projectfood International, Franco Flagell, Alessio D’Aguanno di Italian Gourmet, Ruth Maria Talaya Monteagudo GastroRanking Spagna, Massimo Basile di celebreMagazine, Chiara Comparozzi esperta di Marketing & Comunicazione.

chef awards Ma il Teatro Lyrick è stato anche il palcoscenico della finale degli Chef Awards che ha visto coinvolti oltre 100 chef da tutta Italia selezionati secondo i parametri oggettivi di Gastroranking.it, il più grande aggregatore di ristoranti presente online, dove i ristoranti sono raccolti e visualizzati con le migliori offerte presenti nei vari siti web di prenotazione, uniti ai giudizi degli utenti in rete.
GastroRanking.it analizza più di 45 directory e social network ed è presenti in 4 paesi del mondo: Italia, Spagna e Francia, in via di espansione in America Latina.
Il mondo del digitale è in continua evoluzione e così come anche la cucina, Gastroranking.it rappresenta la nuova frontiera per l’utente in cerca della raccomandazione più affidabile e, allo stesso tempo lo strumento fondamentale per il ristorante per monitore mediante un solo sistema le opinioni dei suoi clienti: la voce più sincera e vera, quella di chi ha testato la sua cucina ed ha lasciato un commento.
Direttamente dalla Spagna per l’occasione il CEO Francesco Muñoz Bosch e Ruth Maria Talaya Monteagudo Manager di GastroRanking Spagna,

La guida digitale Gastroranking.it contiene oltre 147.470 ristoranti presenti in Italia e ogni anno grazie alla piattaforma, Chef Awards premia i Best 100 Chef durante un prestigioso evento.
Un premio autorevole ed ambito dalla ristorazione italiana, sinonimo di trasparenza ed oggettività, dove per la prima volta è il web a premiare i migliori chef italiani.

I vincitori di Best chef sono i fratelli Sandro e Maurizio Serva Ristorante la Trota. Mentre il vincitore della Chef League è l’abruzzese Tiziano Paolino con il suo Ristorante le Prospettive.

Questi gli altri premiati della serata:

Best chef tradizione Chef: Emanuele Mazzella Ristorante Nun Assisi.
Best chef Sostenibile: Antonio e Vincenzo Lebano Terrazza Gallia Milano.
Best Chef Innovativo: Andrea e Stefano Rodella Dell’Antico Forziere di Deruta.
Best chef digital: Luigi Mazzei Ristorante Manfredi Catanzaro.
Best chef donna: Marcella Schillaci Ristorante Bistrot Lo Zero.
Best chef social: Giuseppe Lo Presti ristorante il Casale Arezzo.
Special Awards: Chef Corrado Amato, Giovanni Gigante, Jonas Bargoni, Luca Gragnano, Gaetano Esposito.

TIl Festival degli Chef ha ottenuto un grande successo esaltando la bellezza ei sapori della terra umbra. Gli organizzatori di Chef Awards, Maria Elena Randetti e Patrizio Beltrami, già sono all’opera per l’edizione 2020 e danno l’appuntamento all’anno prossimo con tante nuove sorprese.

 

 

5/5 (2)

Lascia una valutazione

Suggerisci una correzione all’articolo

[recaptcha]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here