Home Tecnologia Arriva Rights App, per scegliere un ristorante che rispetta i diritti dei...
Traduci l'articolo nella tua lingua ArabicChinese (Simplified)EnglishFrenchGermanHindiItalianJapanesePolishPortugueseRomanianRussianSpanish

Arriva Rights App, per scegliere un ristorante che rispetta i diritti dei lavoratori

0
Rights App

Scegliere un ristorante non solo per la qualità del cibo e dell’accoglienza, ma anche per il rispetto dei diritti di chi ci lavora è ora possibile grazie a Rights App, la nuova applicazione dedicata alla difesa dei diritti e per un “consumo responsabile”, nata dalla collaborazione tra Cgil Umbria e il Dipartimento di Matematica e informatica dell’Università di Perugia.

L’obiettivo di quella che è stata definita una sorta di Tripadvisor dei diritti dei lavoratori, è quello di creare una sinergia tra sindacato e clienti per un consumo responsabile che tenga conto non solo della qualità del cibo ma anche di un aspetto etico. L’idea è di fare di questa app un esperimento che possa poi essere esteso anche alle produzioni industrali.
Il primo atto è la certificazione delle aziende riconoscendo quelle che applicano il contratto e difendono i propri lavoratori rispettando orari, paghe, dritti in generale; va quindi riempito un database  con quegli indirizzi che rispettano gli elementi presenti nel protocollo firmato a Perugia tra Università e Cgil Umbria.
Alla presentazione di Rights App è intervenuto anche il professor Osvaldo Gervasi, docente del dipartimento, che ha sottolineato il contributo fondamentale degli studenti, due laureandi, Alex Dominici e Matteo Baldassarrini, che hanno concretamente realizzato il sito web www.rightsapp.it e l’app collegata.
“È molto importante – ha detto il docente – che nell’arco del percorso di sviluppo delle loro tesi di laurea siano riusciti ad arrivare ad un prodotto finito ed utilizzabile”. “Per noi questa convenzione con la Cgil è molto importante – ha detto il direttore del dipartimento di Matematica e Informatica, Gianluca Vinti – perché ci permette di concretizzare gli studi che svolgiamo sulle nuove tecnologie con delle applicazioni pratiche e, come in questo caso, anche socialmente ed eticamente rilevanti”.

5/5 (1)

Lascia una valutazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here