Home Associazioni ANBC: l’intero comparto catering e banqueting rischia rischia di saltare

ANBC: l’intero comparto catering e banqueting rischia rischia di saltare

ANBC: l'intero comparto catering e banqueting rischia rischia di saltare

In questo momento in cui l’emergenza sanitaria causata dalla diffusione del COVID-19 va di pari passo con le difficoltà delle imprese e delle attività del nostro Paese, a causa delle misure contenitive, abbiamo bisogno anche di segnali positivi. Per questo Horecanews.it, tenendo fede al patto d’informazione con i suoi lettori, ha deciso di non fermare la normale programmazione ma di tenervi aggiornati sulle notizie del settore, anche per concedere un momento di svago dalle difficoltà del momento.

ANBC, Associazione Nazionale Banqueting e Catering, lancia un grido d’allarme per le difficili condizioni in cui versa l’intero comparto degli eventi e le industrie collegate. Di seguito le parole del presidente di ANBC Paolo Capurro e la lettera che ha indirizzato al Governo.


Il comparto Banqueting e Catering (Rif. Cod. Ateco 56.21.00) è seriamente preoccupato in considerazione delle specificità di settore e di come e quando prevedere una ri-partenza.

È stato il primo settore ad essere in lockdown e l’ultimo a ripartire. Un settore che non ripartirà il 1° Giugno.

Tutti gli eventi programmati sono stati spostati dalla primavera 2021 in poi. Fatturati azzerati per 65,5 mld di euro.

Gli imprenditori del banqueting, insieme al comparto degli eventi, costituiscono quell’industria – motivo anche di attrazione turistica – che produce con maestria e stile ricevimenti privati, aziendali e culturali: matrimoni, convegni, convention, fiere e molti degli appuntamenti significativi legati alla convivialità ed alla socialità, cuore dell’identità italiana

1300 aziende direttamente coinvolte su tutto il territorio nazionale ed un indotto di circa 100.000 posti di lavoro. Non si possono più sprecare ore, giorni, mesi. Non c’è più tempo.

ANBC: l'intero comparto catering e banqueting rischia rischia di saltare
Paolo Capurro

Crediamo, invece, che sia giunto il tempo di avere concretamente delle indicazioni chiare con tempistiche e protocolli tecnici e igienico-sanitari correlati alle nostre specificità, utili a permettere una ri-programmazione ed una ri-partenza seria e responsabile.

Finora, tutti gli incontri informali, le richieste formali così come la manifestata disponibilità a lavorare insieme al Governo per individuare le disposizioni migliori e più responsabili, non hanno avuto esiti concreti.

Manifestiamo, ancora una volta con responsabilità, la disponibilità al dialogo ed al confronto.

Abbiamo bisogno di risposte immediate o l’unico triste e drammatico evento a cui assisteremo sarà il fallimento delle nostre imprese e la disperazione di migliaia di imprenditori e lavoratori.

CLICCA SULL’IMMAGINE E LEGGI LA LETTERA DEL PRESIDENTE PAOLO CAPURRO AL GOVERNO

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.

    Print Friendly, PDF & Email
    Ancora nessun voto.

    Lascia una valutazione

    Condividi su: