Home Ho.Re.Ca. Ospitalità Affitti Brevi. AIGAB ha presentato al ministro del turismo Garavaglia le istanze...

Affitti Brevi. AIGAB ha presentato al ministro del turismo Garavaglia le istanze del settore

L'incontro fra il Ministero del Turismo Massimo Garavaglia e i vertici dell'Associazione Italiana Gestori Affitti Brevi (AIGAB).

Quanto vale in Italia il settore dei cosiddetti affitti brevi che interessano sempre più persone che viaggiano per piacere, lavoro, motivi culturali o sanitari? Complessivamente 10 miliardi, a fronte di un patrimonio di 6,3 milioni di seconde case inutilizzate, circa 700mila immobili presenti nel circuito del vacation rental, di cui 200mila gestiti da aziende come Italianway, CleanBnB, Altido, Wonderful Italy e Sweetguest, top player che nell’ottobre 2020 hanno dato vita ad AIGAB-Associazione Italiana Gestori Affitti Brevi (www.aigab.it) per dare adeguata rappresentanza istituzionale agli operatori professionali del settore e, a Roma, hanno presentato al Ministro del Turismo Massimo Garavaglia le istanze della categoria.

Il Ministro del Turismo Garavaglia, al centro, tra Marco Celani, Presidente AIGAB, sulla sx, e Francesco Zorgno, Direttivo AIGAB, sulla dx

Marco Celani, Presidente AIGAB, e Francesco Zorgno, che siede nel Direttivo dell’Associazione, hanno condiviso con il Ministro Garavaglia i punti chiave di “un modello di ricettività sostenibile in grado di intercettare i nuovi bisogni dei viaggiatori meglio di altri segmenti”, hanno spiegato, “grazie a caratteristiche connaturate come la possibilità di godere una casa in maniera esclusiva, magari in una destinazione poco affollata e con grandi spazi esterni come terrazzi e giardini, e grazie alle garanzie messe in campo dagli operatori professionali con protocolli di pulizia ed igienizzazione stringenti e la possibilità di proteggere la prenotazione con polizze assicurative.

Le richieste di AIGAB al Ministro Garavaglia

Ringraziamo il Ministro Garavaglia – fa sapere Marco Celani, presidente AIGAB a cui abbiamo presentato le nostre richieste tra cui misure per favorire il recupero del patrimonio immobiliare dei borghi italiani e norme per supportare le aziende del settore nel percorso di digitalizzazione e professionalizzazione. Abbiamo avanzato una serie di proposte concrete a sostegno degli operatori professionali che abbiano investito, o si preparino a farlo, in ristrutturazioni con finalità ricettive. 

Con il sostegno del Governo possiamo crescere, creare maggiore occupazione e contribuire in maniera importante alla ripartenza dell’intero comparto del turismo italiano. Contiamo sul Ministro perché finalmente vengano messe in atto tutte le azioni determinanti per consentire anche al nostro settore di industrializzarsi attraverso procedure sempre più efficienti ed in grado di valorizzare al meglio la filiera che rappresentiamo”.

Il Ministro Garavaglia dopo aver ricevuto la Memoria presentata da AIGAB

Al tempo stesso – continua Francesco Zorgno del Consiglio Direttivo AIGABci siamo messi a disposizione del Ministro per definire il piano industriale del turismo in cui riteniamo strategico apportare il contributo degli imprenditori che rappresentiamo. Abbiamo ribadito anche la necessità di varare un unico codice Ateco a livello nazionale che identifichi lattività di tutti gli operatori professionali, e che consenta loro di accedere in eguale misura ai sostegni, un unico codice nazionale per la promozione degli immobili online con ununica modalità di controllo nazionale, ed infine ununica procedura che disciplini i requisiti per le case gestite con affitti di durata inferiore ai 30 giorni, oggi gestita a livello comunale con tutte le discrasie del caso”.

 

AIGAB, Associazione Italiana Gestori Affitti Brevi (www.aigab.it), si è costituita nell’ottobre 2020 su impulso degli AD delle principali aziende italiane che operano sul mercato del turismo professionale in appartamento, i cosiddetti affitti brevi, e che da sole vantano un giro di affari di 60 milioni di euro, 5 mila case gestite, 300 dipendenti diretti e 1500 nell’indotto.
Si tratta di Italianway con l’AD Marco Celani (presidente AIGAB), Wonderful Italy con Michele Ridolfo (Vicepresidente AIGAB), CleanBnB con Francesco Zorgno, Altido con Davide Ravalli e Sweetguest con Rocco Lomazzi, tutti Consiglieri AIGAB.
AIGAB è nata per dare rappresentanza istituzionale alla categoria degli imprenditori che operano in maniera legale e professionale nel campo dei cosiddetti affitti brevi gestiti in maniera professionale, settore che finora ha faticato a trovare rappresentanza politica. L’istanza fondamentale che AIGAB pone è che questi imprenditori con le loro aziende vengano trattati al pari delle altre categorie che compongono la filiera del comparto turismo-hospitality.

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.

    Print Friendly, PDF & Email
    Ancora nessun voto.

    Lascia una valutazione

    Condividi su: