Home Sostenibilità Too Good To Go: arriva anche a Bologna l’app contro gli sprechi...
Traduci l'articolo nella tua lingua ArabicChinese (Simplified)EnglishFrenchGermanHindiItalianJapanesePolishPortugueseRomanianRussianSpanish

Too Good To Go: arriva anche a Bologna l’app contro gli sprechi alimentari

0
Too good to go

Arriva a Bologna, dopo le esperienze di Milano e Torino l’app antispreco Too Good To God, piattaforma nata in Danimarca nel 2015 con l’obiettivo di ridurre ed eliminare gli scarti alimentari e che permette ai vari esercizi commerciali, dai bar ai supermercati, di vendere a prezzi scontati il cibo invenduto.

Come sottolineano i dati FAO, ogni anno circa 1,3 miliardi di tonnellate di cibo vengono gettate nella pattumiera, uno spreco che ha dei costi non soltanto a livello economico (in Italia si calcolano oltre 15 miliardi di euro l’anno) ma anche ambientale.
In Italia sono oltre 10 milioni le tonnellate di cibo che vengono gettate via, in termini di spesa corrispondono a uno spreco di circa 15 miliardi di euro l’anno e la maggior parte dello spreco avviene tra produzione e distribuzione, ma anche nei piatti di mense, ristoranti e perfino in casa.

Dieci milioni di utenti in Europa, 70mila in Italia, Too Good To Go permette a ristoratori e commercianti di mettere in vendita prodotti e piatti freschi rimasti invenduti a fine giornata, le così dette Magic Box il cui contenuto resta sconosciuto all’acquirente. Scaricando l’app sullo smartphone e geolocalizzandosi, i consumatori possono trovare i locali aderenti e acquistare ottimi pasti a prezzi minimi – tra i 2 e i 6 euro,un prezzo pari al 30% del cartellino – che consentono un risparmio complessivo del 70%.
Una volta ordinata la propria Magic Box, sarà possibile pagarla direttamente tramite app e ritirarla nella fascia oraria specificata.

Con oltre 35mila Magic Box vendute dalla nascita dell’app gli ideatori dichiarano di aver “salvato” più di 11 milioni di pasti dal bidone dell’immondizia.

5/5 (2)

Lascia una valutazione

Suggerisci una correzione all’articolo

[recaptcha]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here