Home Alcolici San Valentino: le proposte beverage per menù romantici

San Valentino: le proposte beverage per menù romantici

0
san Valentino

A san Valentino si celebra l’amore e la serata perfetta passa anche attraverso il menù, rigorosamente accompagnato dal beverage perfetto e dagli abbinamenti giusti.

Che sia prima, dopo o durante la cena, tante sono le proposte alcoliche per trascorrere una serata piacevole, all’insegna del buon bere (responsabile) per godere appieno della compagnia.

Un’ottima birra, cocktail facili da preparare, food pairing con le bollicine, bottiglie imperdibili e un amaro che incanta. Ce n’è per tutti i gusti.

A San Valentino la Camilla di GRITZ è la birra degli innamorati (e gluten free)

Claudio Gritti, dal suo Birrificio Gritz ci racconta una storia d’amore bellissima. Con una dichiarazione desueta, quasi d’altri tempi, ha sugellato il sentimento per la sua metà dedicandole una delle sue birre.

Nasce così la Ipa della Camilla, che porta proprio il nome della sua compagna. Una dedica che fa invidia a tutte quelle stelle “acquistate” e a cui è stato dato il nome di migliaia di fidanzate.

Per gli amanti del buon bere, la Camilla può rivelarsi l’ideale per centrare il segno: come regalo e gesto simbolico o come protagonista liquida della serata di San Valentino, è una birra decisa e seducente (6% vol.), dall’aroma floreale che prima inebria il naso e poi avvolge la bocca, con un sapore di luppolato delicato e piacevole al suo passaggio. È una Indian Pale Ale dal colore ambrato e schiuma persistente e si abbina a piatti di verdure, carne alla griglia e piatti speziati, Ideale, quindi, anche per la cena di San Valentino.

Aspetto da non trascurare, la qualità del prodotto: il birrificio della Franciacorta è l’unico in Italia, nonché uno dei pochissimi al mondo, specializzato nella produzione totalmente senza glutine da processo gluten removed.

Tutte le birre Gritz sono certificate AIC e distribuite direttamente in numerosi locali e ristoranti e nei punti vendita specializzati (gluten free) di tutta Italia.

BIRRIFICIO GRITZ – Nato nel 2015 dalla passione di Claudio Gritti, il birrificio Gritz è l’unico in Italia e uno dei pochissimi birrifici artigianali al mondo specializzato nella produzione totalmente senza glutine da processo gluten removed. Ha sede a Erbusco (BS), nel cuore della Franciacorta. Le sue referenze sono: la Belga della Danda, la Pils della Graziella, la Weiss della Barbara, la IPA della Camilla e la speciale Birra di Natale, tutte rigorosamente senza glutine e certificate AIC.

Per San Valentino il cocktail by Koval proposto da Pellegrini SpA

Per un aperitivo o dopocena romantico, il cocktail by Koval è un Cranberry Gin Spritz proposto da Pellegrini S.p.A. in grado di mettere d’accordo tutti. Facile da preparare, il tempo di preparazione riportato è di soli 5 minuti.

Ingredienti:
– 90 ml di spumante
– 60 ml di Koval Cranberry Gin Liqueur
– 30 ml di soda
– Cubetti di ghiaccio
– Scorza di limone

Preparazione:

– Unisci lo spumante al Koval Cranberry Gin Liqueur
– Aggiungi la soda
– Agita bene
– Versa il tutto in un bicchiere precedentemente riempito con qualche cubetto di ghiaccio
– Guarnisci con un po’ di scorza di limone

K-Love Mule di Keglevich: un mix di gusto e passione

Keglevich, in occasione di san Valentino, propone la sua ricetta che farà innamorare persino i romantici più scettici e i single più convinti. Un cocktail dal gusto unico capace di attivare tutti i sensi e con una ricetta dal piglio decisamente originale. Nasce così il K-Love Mule.

Per i più romantici Keglevich consiglia K-Fruit Mule alla Fragola, rosso come la passione e dolce come l’amore. Per chi invece è alla ricerca di un risvolto piccante, Keglevich consiglia il K-Fruit Mule al Limone, che unisce al gusto pungente del limone il sapore piccante del peperoncino tritato.

Ecco le ricette per prepararli a casa o per ordinarli nel vostro locale preferito durante la serata di San Valentino:

K-Fruit Mule Limone

INGREDIENTI

·       2cl Keglevicg Limone

·       2 cl Keglevich Dry

·       1 cl succo di limone, peperoncino tritato e foglia di alloro pestata

·       Top di ginger beer

·       Guarnizione foglia di alloro

K-Fruit Mule Fragola

INGREDIENTI

·       2 cl Keglevich Fragola

·       2 cl Keglevich Dry

·       1 cl succo di lime e basilico pestato

·       Top di ginger beer

·       Guarnizione di basilico

Le bollicine giuste: proposte di abbinamento da Comte de Montaigne

Non è sempre facile orientarsi negli abbinamenti, soprattutto se si tratta di una serata speciale in cui è impossibile sbagliare, perché ogni Champagne esprime un allure speciale che nasce dalle caratteristiche di Cuvée diverse.

In soccorso agli innamorati di ogni età, Stéphane Revol, Ceo di Comte de Montaigne, che ci regala alcuni importanti suggerimenti. Ma non solo: alla regia del menù Angelo NastaExecutive Chef del Ristorante Il Vico della Torretta, del Grand Hotel Villa Torretta Curio Collection By Hilton di Sesto San Giovanni (MI), storica dimora di charme e partner d’eccezione della Maison di Champagne dell’Aube.

Il Brut, perfetto per l’aperitivo: 

Prodotto con uve provenienti da diversi vitigni e annate differenti, si presenta come un vino fresco e leggero e, soprattutto, non dolce. Queste sue caratteristiche lo rendono perfetto per un aperitivo. Si sposa divinamente con scampi, salmonetartare di pesce e parmigiano, oltre che con le lumache.

Il consiglio dello Chef: regalatevi l’abbinamento con Bon Bon di tonno ai fiori di campo e fresca robiola agli agrumi

L’Extra Brut, ideale per un antipasto ai frutti di mare:

Champagne dai sapore naturali, unisce con armonia acidità, lunghezza e mineralità. Gli aromi al primo sentore svelano gli agrumi di pompelmo, limone e poi si percepiscono gli aromi di frutta come la pesca, la pera e la mela. Si abbina alla perfezione alle ostriche, ai crostaceiai frutti di mare e ai formaggi affinati

Il consiglio dello Chef: perfetto con rochers caldi di ombrina e patate, su specchio di datterini e chips croccanti

Champagne rosé, consigliato con il sushi:

Lo Champagne rosé è perfetto con un’insalata di salmone o con le ostriche per la sua acidità. Fruttato e vinoso, si sposa anche con dolci a base di frutta rossa, carpacci di carne, tonno e Sushi.

Il consiglio dello Chef: per momenti di assoluta dolcezza, il rosé è ideale con cremoso fondente al cioccolato con cuore morbido al frutto della passione.

Champagne Blanc de Blancs, quintessenza della finezza e dell’eleganza:

Prodotti esclusivamente con uve a bacca bianca, gli Champagne Blanc de Blancs, sono ideali per momenti speciali. Esaltano la raffinatezza dello Chardonnay, con gusto leggero, delicato e molto elegante. Il Blanc de Blancs accompagna in modo particolarmente sfizioso l’anatra, ipesce, l’astice, l’aragosta, le tartare di pesce e di carne. 

Il consiglio dello Chef: se volete gustarlo con un primo piatto, il Blanc de Blancs si sposa perfettamente con le fettuccine cremose, pistacchi, gamberi, con una leggera emulsione al limone

Champagne Cuvée Spéciale, il Top di gamma:

È davvero il top degli champagne. Si tratta della selezione migliore di ogni cantina produttrice, che racchiude le uve dei vitigni più esclusivi. In abbinamento a crostacei pesce garantisce un abbinamento gourmand. E ancora: la Cuvée Speciale, quintessenza del Pinot Noir, è ideale con selvaggina, foie gras, e formaggi.

Il consiglio dello Chef: raffinato e sfizioso l’abbinamento con lombetto di manzo marinato al sale rosa, coulis di lenticchie e patate in essenza di ribes ed ibisco

Amarone Tedeschi: brindisi o regalo

Per brindare a un’occasione così speciale, Tedeschi propone il , un vino corposo ed elegante, dalle sfumature rosso rubino, al naso rivela morbide note di vaniglia e di etereo, sentori di frutta dolce (ribes, mirtillo, ciliegia). In bocca dimostra tutto il suo carattere: rotondo e ben bilanciato, è un vino complesso, lungo e persistente. È l’abbinamento perfetto con carni rosse e formaggi stagionati.

E per i più esigenti, l’asso nella manica è il Capitel Monte Olmi, Amarone della Valpolicella DOCG Classico Riserva. Difficile resistere a un’etichetta così prestigiosa ed elegante: un vino rosso di grande struttura, invecchiato in botte per almeno 3 anni. Monte Olmi è il nome del vigneto situato a Pedemonte di Valpolicella, proprio nel cuore della Valpolicella Classica, da queste vigne nasce un vino dal colore rubino intenso, con una sinfonia di aromi di ciliegia, lampone e ribes rosso amalgamate a ricche note balsamiche; al gusto denota una struttura raffinata, robusta, ma elegante al tempo stesso.

Tenuta Mazzolino propone un Pinot Noir per chi ama i rossi e un Cruasè per chi predilige le bollicine

Rosso (il colore di san Valentino) e affascinante come il vitigno da cui deriva, il Pinot Noir, un enfant terrible dei filari come amano chiamarlo i francesi; raffinato e inebriante una volta nel bicchiere -: il Noir di Tenuta Mazzolino, che nel nome porta quella giusta dose di mistero che lo renda ancor di più un regalo sorprendente.

Nasce nei vigneti di Corvino San Quirico, in provincia di Pavia, presenta un colore rosso rubino con leggeri riflessi aranciati. Al naso si apre con eleganti aromi di piccoli frutti rossi, rosa canina e cuoio. Al palato risulta pieno e ricco, con un finale gradevolmente lungo e persistente. Un vino superlativo, oggi simbolo della cultura e della tradizione vinicola dell’Oltrepò Pavese che, con l’annata 2015, festeggia i 30 anni dalla prima produzione del 1985.

Per chi al rosso fermo preferisce le bollicine, ecco l’eleganza del rosa antico: Cruasè, sempre un Pinot Nero, ma vinificato in rosa – la cui denominazione nasce dalla crasi di Cru e Rosè. Una piccola chicca spumantistica con struttura e profumi invidiabili, che racconta un mix elegante tra la forza delle uve rosse e la piacevole freschezza dei bianchi. Uno spumante rosé perfetto per alzare i calici e omaggiare la festa degli innamorati, con un brindisi pieno di passione, creatività, eleganza e potente piacevolezza. Al naso si rivela intenso e complesso: un bouquet ampio con profumi di piccola frutta – mora, ribes e il lampone -. Al palato morbido, piacevole, delicato e molto equilibrato, deciso e rigoroso. Il gusto è la materializzazione delle sensazioni olfattive.

Elisir d’amore per San Valentino: il Canto Amaro della Sirena del Garda

Canto Amaro nasce da un amore struggente per il Lago di Garda e le sue botaniche: quello della Sirena, da donna a musa ispiratrice della linea, che grazie al suo “canto amaro” ha attirato l’attenzione di un fauno lacustre, che l’ha trasformata in sirena dalle acque per salvarle la vita e renderla sua sposa, proprio nella Baia delle Sirene, a Punta San Vigilio, in quello specchio di acqua tra Garda e Torri del Benaco, conosciuta per i forti mulinelli lacustri dove si dice che ancor oggi nuotino delle donne bellissime, metà donna, metà pesce.

Ma che ha segnato anche la profonda passione della sua creatrice, Elisa Carta, raccoglitrice da generazioni, che si è ispirata all’energia di questo luogo realizzando un gusto mediterraneo che sposa i limoni del Lago di Garda alle note amaricanti del cardo mariano di questi luoghi. Recuperata quindi una ricetta trovata in un libro antico sulla potatura, appartenuta al nonno paterno, Elisa ha cercato alcune botaniche riportate come la rosa canina e i limoni che hanno reso famose le sponde di questo lago.

Canto Amaro della Sirena del Garda: il nuovo amaro di Liquori delle Sirene

Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
5/5 (3)

Lascia una valutazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here