Home Notizie Lifestyle Le 10 regole di Bord Bia per un barbecue a regola d’arte

Le 10 regole di Bord Bia per un barbecue a regola d’arte

Le 10 regole di Bord Bia per un barbecue a regola d’arte

Il clima favorevole, le giornate più lunghe, la voglia di stare all’aperto dopo tanti mesi in casa e di godersi la stagione: l’estate è il periodo ideale per organizzare delle grigliate in compagnia di amici e parenti.

Gli ingredienti principali per un ottimo barbecue sono essenzialmente due: la compagnia perfetta e una carne di prima qualità come quella irlandese.

La carne di manzo irlandese vanta il giusto equilibrio tra quantità di massa muscolare e contenuto di grassi il che la rende perfetta per la cottura alla brace. Oltre alla carne di manzo perché non provare anche quella di agnello, sempre affidandosi alla qualità irlandese, dal gusto più deciso e capace di soddisfare anche i palati più esigenti.
Per ottenere una cottura perfetta bisognerà poi aggiungere i consigli di Bord Bia, l’ente governativo per la promozione del Food & Beverage irlandese: in questo modo anche i meno esperti potranno diventare dei veri re della griglia!

I 10 consigli di Bord Bia per un BBQ perfetto

Cucinare sulla griglia rende il cibo delizioso. Padroneggiare l’antica tecnica del barbecue non è complicato: richiede solo attenzione ai dettagli.

Ricorda:

  1. Prendi dimestichezza con il tuo barbecue prima di usarlo per grigliate importanti. Fai una prova per pochi intimi, esercitandoti a conoscere i tempi di cottura.
  2. Acquista attrezzature di buona qualità, quelle più economiche devono essere sostituite più spesso e non sono un buon investimento a lungo termine. Uno degli strumenti più importanti sono le pinze con il manico lungo per girare il cibo, assicurati di poterle controllare facilmente poiché molte sono scomode e non permettono di avere la giusta presa.
  3. Lo strato di carbonella deve essere maggiore della dimensione del cibo da cuocere. Lascia la carbonella bruciare indisturbata per 30-45 minuti, o fino a quando le fiamme si saranno spente e si sarà formata la brace.
  4. Controlla il calore: allarga la brace per ridurre il calore o raccoglila insieme per aumentarlo. Ѐ utile avere uno spruzzino d’acqua a portata di mano per spegnere le fiammate quando si verificano: il vero barbecue si fa solo con la carbonella.
  5. Posiziona un fascio di erbe aromatiche fresche sulla carbonella: produrrà un sapore eccezionale.
  6. Le bistecche risulteranno più gustose se precotte in forno, per poi terminare la cottura sul barbecue.
  7. L’olio d’oliva nella marinatura aggiunge sapore e assicura che la carne non si attacchi alla griglia. Evita le salse dolci e ricche di zucchero che bruciano molto facilmente.
  8. Inizialmente cuoci la carne su una brace molto calda, per scottare la superficie, girando spesso i pezzi per sigillarne i succhi, poi termina la cottura più lentamente.
  9. Assicurati che la carne abbia uno spessore uniforme. Disossa le cosce d’agnello e rimuovi il grasso in eccesso altrimenti gocciolerà sulla carbonella e produrrà fumo eccessivo.
  10. 10. Sii molto organizzato prima di iniziare, pianificando bene e preparando dei piatti di appoggio e dei contorni prima di iniziare a grigliare.

Dopo aver imparato le regole per padroneggiare perfettamente l’arte della griglia, è tempo di sbizzarrirsi con delle ricette semplici ma originali per valorizzare al meglio sia la carne di manzo che quella di agnello. Di seguito due proposte dai sapori deliziosi per stupire gli invitati ai vostri barbecue estivi.

Costata di manzo Irlandese (Hereford) con caponata bianca in agrodolce

La proposta dello Chef Francesco Cassarino (membro di Chefs’ Irish Beef Club)

Ingredienti per 4 persone:

  • 1200/1400 di costata di manzo (intera, pezzo unico)
  • 150 di aceto di mele
  • 70 di miele millefiori (per la marinatura)

Per la caponata:

  • 300 sedano
  • 300 carote
  • 350 melanzana violetta
  • 350 cipolla bianca
  • 40 capperi (piccoli)
  • 40 pinoli
  • 30 basilico
  • 30 menta
  • 200 aceto di vino bianco
  • 150 zucchero
  • 40 miele
  • Sale e pepe di sichuan macinato o meglio pestato nel mortaio

Pulire bene la costata e metterla in un contenitore con l’aceto di mele ed il miele a marinare per 2/3 ore.

Mondare e tagliare le carote a piccoli pezzi (di circa 7/8 mm), il sedano e la cipolla, mentre la melanzana viola va tagliata a dadini di circa 2,5×2,5 cm. Friggere tutte le verdure separatamente in olio di semi a 200° (ogni verdura ha la sua tempistica).

Mettere tutto in un contenitore e alla fine aggiungere i capperi e i pinoli (tutto ben scolato precedentemente).

Per l’agrodolce: mettere tutto in una padella grande con aceto e miele, a fiamma alta aggiungere lo zucchero e appena si amalgama tutto scolare come la pasta e conservare il liquido. La caponata va abbattuta in temperatura positiva o messa in frigo dopo aver portato la caponata a temperatura di +4°/6°, alla fine aggiungere il basilico e la menta tritata finemente.

Dopo averla asciugata, mettere la costata su una griglia molto calda, cuocere per circa 2 minuti per lato (per ognuno dei 4 lati). Metterla poi su un tagliere e aspettare 3/4 minuti prima di tagliarla a strisce da 2,5 cm. In una padella mettere il liquido agrodolce insieme alla caponata e riscaldare fino a 60°.

Impiattare mettendo prima la caponata e sopra la carne, condire con poco sale e pepe (in base ai propri gusti è possibile aggiungere un filo di evo o noce di burro).

Costolette di agnello alla brace glassate alla senape e miele con insalata di quinoa

Proposta da Bord Bia

Ingredienti per 4 persone:

  • 8 costolette di agnello o bistecche di agnello
  • Sale e pepe nero macinato fresco
  • 2 peperoni rossi e 2 gialli, senza semi e tagliati in quarti
  • 2 cipolle rosse, sbucciate e tagliate a spicchi
  • Un po’ d’olio d’oliva

Per la marinatura:

  • 1 cucchiaio di senape di Digione
  • 2 cucchiai di senape in grani
  • 2 cucchiai di miele
  • 1 cucchiaio di succo di limone
  • 2 spicchi d’aglio, pelati e tritati finemente
  • 1 cucchiaio di foglie di rosmarino, tritate finemente

Per l’insalata di quinoa:

  • 175 di quinoa normale oppure tricolore
  • 1 cucchiaio di succo di limone
  • 2 cucchiai d’olio d’oliva
  • 1 piccola cipolla rossa, tritata finemente
  • 2 spicchi d’aglio, pelati e tritati finemente
  • ¼ di cetriolo, tagliato a cubetti
  • 2 pomodori, senza semi e tritati
  • 60 di olive nere snocciolate, tagliate in quarti
  • 1 cucchiaio di prezzemolo a foglia piatta, tritato
  • 1 cucchiaio di foglie di menta, tritate

Per preparare la marinatura: mescolare insieme i due tipi di senape, miele, succo di limone, aglio e rosmarino. Mettere le costolette in un piatto e versare metà della marinatura. Conservare il resto per servirlo con le costolette. Marinare le costolette per 15 minuti.

Per preparare l’insalata: cuocere la quinoa seguendo le istruzioni sulla confezione. Scolare e far raffreddare completamente. Mescolare insieme il succo di limone e l’olio e condire con un po’ di sale e pepe nero. Mettere la quinoa raffreddata in una ciotola con il condimento. Quindi mescolare con la cipolla rossa, l’aglio, il cetriolo, i pomodori, le olive, il prezzemolo e le foglie di menta. Assaggiare e condire.

Per cuocere le costolette: scaldare il barbecue. Condire le costolette con un po’ di sale e pepe nero. Mettere sul barbecue per 2-3 minuti su ogni lato o fino a quando saranno cotte a proprio piacimento. Condire i peperoni e le cipolle rosse con un filo d’olio e cuocere insieme alle costolette.

Suggerimenti per servire il piatto: versare la restante marinatura sopra le costolette e servire con l’insalata di quinoa, peperoni arrosto e cipolle.

 

Bord Bia, Irish Food Board, è un ente governativo dedicato allo sviluppo dei mercati di esportazione dei prodotti alimentari, bevande e prodotti ortofrutticoli irlandesi. Lo scopo di Bord Bia è quello di promuovere il successo dell’industria food&beverage e dell’orticoltura irlandese attraverso servizi di informazione mirati, la promozione e lo sviluppo dei mercati. Nel 2019 le esportazioni dell’industria food&beverage irlandese sono arrivati a quota 13 miliardi di euro, con una crescita di quasi il 67% dal 2010. L’Italia è un mercato importante, con esportazioni del valore di 314 milioni di euro nel 2019; è il quarto mercato più importante per l’export di manzo irlandese in Europa con scambi valutati, per l’anno scorso, a 176 milioni di euro.
Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.

Print Friendly, PDF & Email
Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Condividi su: