Home Attualità Italia Keeps on coooking: l’iniziativa dei ristoratori milanesi dilaga in Italia

Italia Keeps on coooking: l’iniziativa dei ristoratori milanesi dilaga in Italia

0
Italia keeps on cooking

In questo momento in cui l’emergenza sanitaria causata dalla diffusione del COVID-19 va di pari passo con le difficoltà delle imprese e delle attività del nostro Paese, a causa delle misure contenitive, abbiamo bisogno anche di segnali positivi. Per questo Horecanews.it, tenendo fede al patto d’informazione con i suoi lettori, ha deciso di non fermare la normale programmazione ma di tenervi aggiornati sulle notizie del settore, anche per concedere un momento di svago dalle difficoltà del momento.

Si chiama ITALIA KEEPS ON COOKING ed è l’evoluzione di quanto realizzato su scala locale con @milanokeepsoncooking (“Milano continua a cucinare”).

La campagna social ideata dal team dell’agenzia Alessia Rizzetto PR & Communication, specializzata in ambito food & beverage, è stata estesa a tutto il territorio nazionale dopo che il lockdown causato dall’emergenza sanitaria ha coinvolto l’Italia intera con la conseguente chiusura forzata di tutti i ristoranti.

È così che è stata avviata la produzione di una nuova serie di speciali grembiuli riportanti la scritta “ITALIA KEEPS ON COOKING”, destinati a chef, ristoratori e appassionati di cucina che da Nord a Sud potranno sostenere il progetto, veicolando un messaggio di incoraggiamento per la categoria, messa a dura prova dall’immobilismo di questi giorni, e, al tempo stesso, allietando le giornate di tutti coloro che sono reclusi nelle loro abitazioni tramite la realizzazione di video-ricette facilmente replicabili a casa.

Filippo La Mantia e la sua brigata
Daniel Canzian e la sua brigata

L’iniziativa persegue anche una finalità benefica: il ricavato della vendita dei grembiuli, infatti, sarà interamente devoluto all’ospedale “Luigi Sacco” di Milano, una delle realtà in prima linea nella lotta al COVID-19 con la sua terapia intensiva in queste difficili settimane.

“Avendo molto a cuore la situazione in cui i protagonisti del mondo dell’ospitalità e della ristorazione sono venuti a trovarsi, abbiamo pensato – spiega Alessia Rizzetto, founder dell’omonima agenzia di comunicazione e PRdi creare una campagna social che, tramite la pubblicazione di post con indosso un grembiule con il claim da noi ideato ‘MILANO KEEPS ON COOKING’, incoraggiasse la categoria, e non solo, a non fermare la propria creatività, il dinamismo e la produttività che da sempre contraddistinguono noi italiani, contribuendo al tempo stesso anche a fare del bene. Quando poi il lockdown è diventato generale, abbiamo deciso di estendere l’iniziativa coinvolgendo quanti più cuochi possibile in tutta Italia, così da amplificare ulteriormente il messaggio e trasmettere un segnale positivo importante sia al nostro Paese che all’estero. Un modo anche per rilanciare su scala nazionale e internazionale l’attrattività della gastronomia made in Italy in un momento in cui la grave emergenza sanitaria in corso impone necessariamente una pausa”.

Andrea Berton
Wicky Priyan

Sono più di 60 i cuochi che hanno aderito al progetto e di cui si potranno trovare le video ricette sull’account ufficiale dell’iniziativa @milanokeepsoncooking.

Tra questi Andrea Berton, Antonio Guida, Wicky Priyan, Andrea Aprea, Davide Oldani, Daniel Canzian, Enrico Bartolini, Eugenio Boer, Eugenio Roncoroni, Ernst Knam, Fabrizio Borraccino, Luigi Taglienti, Lorenzo Sirabella, Gianluca Fusto, Roberto Di Pinto, Giuseppe Zen, Riccardo Gaspari, Cristina Bowerman, Andrea Tortora, Michelangelo Mammoliti, Lorenzo Cogo, Simone Circella, Giuseppe Maglione, Luca Natalini, Antonia Klugmann, Moreno Cedroni, Cristiano Tomei, Chiara Pavan e tanti altri che stanno rispondendo numerosi all’appello all’insegna del claim #italiakeepsoncooking.

Andrea Aprea e la sua brigata

Per sostenere la raccolta fondi a favore dell’ospedale “Luigi Sacco” e ricevere il proprio grembiule è sufficiente scrivere a [email protected]

5/5 (2)

Lascia una valutazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here