Home Alcolici Amaro Nardini si aggiudica la medaglia d’oro all’International Wine & Spirit Competition...
Traduci l'articolo nella tua lingua ArabicChinese (Simplified)EnglishFrenchGermanHindiItalianJapanesePolishPortugueseRomanianRussianSpanish

Amaro Nardini si aggiudica la medaglia d’oro all’International Wine & Spirit Competition 2019

0

In occasione della IWSC – International Wine & Spirit Competition 2019 – punto di riferimento internazionale per la qualità e il riconoscimento dei migliori vini e liquori al mondo – Nardini, la più antica distilleria d’Italia e leader dal 1779 nel mercato delle grappe e dei distillati di eccellenza, vince la medaglia d’oro per la categoria Bitter e Digestif, per il prestigioso Amaro Nardini.

Con il suo equilibrio di sapori dai sentori di liquirizia, ricavata dalla radice di genziana, menta piperita ed arancio, il rinomato amaro veneto ottiene il primo premio alla competizione internazionale che valuta e classifica i migliori vini e liquori del mondo.

International Wine & Spirit Competition, giunta alla sua 50esima edizione, ha ideato questa competizione nel 1969 ed è basata non solo sul giudizio organolettico della bevanda, ma anche sulle analisi chimiche alle quali deve sottoporsi il prodotto.

Nel complesso, alla Ditta Bortolo Nardini, sono state attribuite nove medaglie, di cui sei Argento, due Bronzo e quella Oro per l’Amaro Nardini.

L’IWSC stabilisce il punto di riferimento internazionale della qualità dei vini e dei liquori: le candidature vengono ricevute da quasi 90 paesi in tutto il mondo e ogni prodotto viene valutato in base alla sua classe di appartenenza e giudicato, per sette mesi all’anno, da oltre 400 esperti.

Nardini continua i festeggiamenti per i suoi 240 anni di eccellenza nel mondo beverage, ottenendo sempre più importanti riconoscimenti che confermano nuovamente il prestigio di un prodotto che racconta una storia di tradizione ed innovazione.

La storia della famiglia Nardini è sinonimo di passione, amore per il proprio territorio e qualità. È la storia della più antica distilleria d’Italia nata nel 1779 all’ingresso del Ponte Vecchio a Bassano del Grappa e frutto del lavoro della famiglia Nardini. Una vita dedicata ad esaltare il proprio territorio, culla di un prodotto prezioso ancora oggi, dopo due secoli.
5/5 (1)

Lascia una valutazione

Suggerisci una correzione all’articolo

[recaptcha]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here