Home Acque Minerali Acqua Minerale Calizzano: entro due anni addio alla plastica

Acqua Minerale Calizzano: entro due anni addio alla plastica

0
Acqua Minerale Calizzano, consegna a domicilio

Porta la firma dell’Acqua Minerale Calizzano una nuova iniziativa che, attraverso il servizio di consegna a domicilio dell’acqua delle Fonti Bauda, rigorosamente imbottigliata in vetro, mira a liberare le tavole dai “vecchi contenitori”.

La rivoluzione parte da varie regioni d’Italia dove il marchio Calizzano è presente ed è stata avviata la distribuzione porta a porta, ma il progetto è destinato a espandersi in tutto il territorio Nazionale. “L’azienda – spiega Pier Paolo Gallea, responsabile marketingha varato un progetto di sostenibilità ambientale che mira a ridurre drasticamente il consumo di plastica sia per quanto riguarda le bottiglie da litro sia per quelle da mezzo. Si tratta di un’iniziativa che parte dalla Liguria, ma che è già attiva in Emilia Romagna e nel Veneto e che presto si svilupperà su tutto il territorio nazionale. Approderà nelle scuole. Andremo a spiegare agli studenti l’importanza di sostituire la plastica con il vetro non solo dal punto di vista ambientale, ma anche per quanto riguarda il gusto e la conservazione dell’acqua».

L’Azienda incentiva i propri distributori e le nuove realtà che vogliono organizzare il servizio a domicilio supportandoli a livello logistico e promozionale.

Le ricadute del progetto, inoltre, sono occupazionali“In Liguria ogni giorno le richieste per ricevere acqua a domicilio aumentano dalle 30 alle 50 unità – continua Gallea – L’effetto è una crescita dei posti di lavoro: con l’avvio della distribuzione a domicilio in varie zone d’Italia ha portato ad un incremento di nuove assunzioni”.

Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Suggerisci una correzione all’articolo

[recaptcha]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here