Home Notizie Aziende AB InBev punta sui prodotti premium e superpremium. Fatturato in crescita

AB InBev punta sui prodotti premium e superpremium. Fatturato in crescita

Alcuni dei trend di consumo già in atto prima della pandemia hanno visto una netta accelerazione: la rapida crescita dell’e-commerce, con oltre il +132%[1] di vendite rispetto allo scorso anno, l’importanza attribuita al momento dei pasti e la grande attenzione per la qualità, che si concretizza nella scelta di prodotti premium realizzati con ingredienti naturali.

Questi i macrotrend che caratterizzano il mercato italiano emersi da un’analisi di AB InBev, la più grande azienda al mondo del settore, con oltre 500 marchi tra cui Stella Artois, Corona e Beck’s. AB InBev in Italia ha contribuito per il 13%  in termini di valore  alla crescita del mercato della birra sul periodo gennaio-ottobre, grazie alla solida performance del suo portafoglio di prodotti premium e superpremium, che ha performato di gran lunga meglio rispetto al mercato. In particolare, Stella Artois, Leffe e Hoegaarden  le cui vendite sono cresciute a doppia cifra  sono tra i brand premium e superpremium che crescono più velocemente, mentre Corona e Tennent’s Super hanno registrato una crescita significativa ad una cifra.[2]

Arnaud Hanset, Country Director di AB InBev per l’Italia

“La birra fa parte della cultura e della convivialità italiane, basti pensare che sei italiani su dieci – nonostante le preoccupazioni per la situazione economica – dichiarano di non voler ridurre i propri consumi fuori casa[3], una volta tornati alla normalità. La qualità è particolarmente importante per i consumatori italiani, che la reputano uno dei primi 3 motivi per acquistare un nuovo prodotto[4], con il 79,7%[5] di loro che si dichiara più attento a questo aspetto rispetto a prima della pandemia. La nostra ambizione italiana, per il 2021 e gli anni a venire, risponde perfettamente a questi trend: vogliamo diventare i numero uno nella creazione di valore per clienti e consumatori con il nostro portafoglio di birre premium”, commenta Arnaud Hanset, Country Director di AB InBev per l’Italia.

Pur essendo una realtà globale, AB InBev è fortemente radicata nei territori e nelle economie locali. Il Covid-19 non ha cambiato questa consapevolezza, anzi: l’azienda ha avuto la possibilità di essere ancora più vicina ai propri clienti.

“Con l’iniziativa Salva il tuo Bar – continua Arnaud Hanset – che abbiamo lanciato nella prima metà dell’anno, abbiamo supportato oltre 420 locali, permettendo loro di ricevere un credito anticipato da parte dei consumatori, oltre a una donazione diretta aggiuntiva pari al 30% del valore complessivo da parte di AB InBev, equivalente a circa 21.000 birre da servire alla riapertura. Abbiamo inoltre finanziato l’adozione da parte di alcuni punti vendita del servizio di menu digitale di Dishcovery – una soluzione igienica e interattiva volta a sostituire il menu cartaceo – e, con la stessa azienda, abbiamo attivato servizi di delivery con pagamento digitale, permettendo così loro di adeguarsi alle misure adottate per far fronte alla fase 2 dell’emergenza Covid-19. Continuiamo ad essere al fianco dei nostri partner ed ad ascoltarli, aiutandoli a riadattarsi al nuovo contesto e a prepararsi alla riapertura.”

Per AB Inbev le misure a supporto della filiera sono senz’altro fondamentali, e, consapevole di quanto il settore sia un motore per la ripresa economica di cui le comunità hanno bisogno, l’azienda crede che sia imprescindibile continuare ad investire.

“Ed è quello che stiamo facendo, – sottolinea Arnaud Hanset – in AB InBev crediamo che le nostre persone siano la nostra forza più grande. Stiamo preservando tutti i posti di lavoro e gli orari di lavoro, in alcuni casi riallocando le persone in altre aree, attivando attività di formazione specifiche e tutelando lo spirito di team che ci contraddistingue attraverso l’organizzazione delle Virtual Beer sessions, che hanno spostato sul digitale gli appuntamenti settimanali di networking interni all’azienda. La recente inaugurazione della nostra nuova sede a Milano, che ospita anche il quartier generale della nostra Business Unit Europa Centrale, è il segnale più evidente delle risorse che vogliamo continuare a mettere in campo e di quanto crediamo in una ripresa del settore.”

L’azienda, che ha visto crescere del 4% il proprio fatturato globale nel terzo trimestre del 2020, nonché margini e profittabilità rispetto allo stesso periodo del 2019, ha dimostrato di essere in grado di adattare il business ad un contesto complesso come quello attuale. Questa esperienza ha messo in luce ancor di più i punti di forza di AB InBev: una strategia commerciale vincente e ambiziosa, un portafoglio di birre premium tra le più apprezzate dagli italiani, e un impegno costante al fianco dei propri clienti e delle proprie persone. AB InBev guarda al futuro con ottimismo, è impegnata a proteggere l’industria della birra  vitale per l’economia   dalle conseguenze del Covid, ed è pronta a continuare in questa direzione, con l’obiettivo di sostenere il mercato nella sua ripresa.

 

Anheuser-Busch InBev è una società quotata (Euronext: ABI) situata a Lovanio, in Belgio, con quotazioni secondarie nella borsa del Messico (MEXBOL: ANB) e del Sudafrica (JSE: ANH), e con American Depositary Receipts quotati sul mercato azionario di New York (NYSE: BUD).
Il sogno di AB InBev è quello di unire le persone per un mondo migliore. La birra, il social network originale, unisce le persone da migliaia di anni. AB InBev si impegna a costruire brand che rimangono nel tempo e a produrre le migliori birre usando materie prime di qualità. Il gruppo ha un portfolio diversificato di oltre 500 brand, che comprende marchi globali come Bud®, Corona® e Stella Artois®; marchi multi-paese come Beck’s®, Castle®, Hoegaarden® e Leffe®; e marchi locali come Aguila®, Antarctica®, Bud Light®, Brahma®, Cass®, Cristal®, Harbin®, Jupiler®, Michelob Ultra®, Modelo Especial®, Quilmes®, Victoria®, Sedrin® and Skol®.
Il patrimonio di AB InBev nella produzione di birra risale a oltre 600 anni fa e spazia attraverso interi continenti e generazioni. Dalle radici europee, al birrificio Den Hoorn di Lovanio, in Belgio, allo spirito pionieristico della Anheuser & Co Brewery di St. Louis, negli USA, alla creazione della Castle Brewery in Sud Africa durante la corsa all’oro di Johannesburg, a Bohemia, il primo birrificio in Brasile.
Grazie alla localizzazione geografica diversificata e a una presenza bilanciata tra i mercati sviluppati e quelli in via di sviluppo, AB InBev può far leva sulle capacità dei suoi circa 175.000 dipendenti situati in circa 50 diversi Paesi.
Nel 2018 AB InBev ha raggiunto un fatturato di 54,6 miliardi di dollari (escluse joint venture e consociate).
Per ulteriori informazioni su AB InBev, visitare il sito  www.ab-inbev.com

[1] Rapporto COOP 2020 – “Consumi e stili di vita degli italiani di oggi e di domani”

[2] Dati Nielsen

[3] Report Tradelab

[4] Ricerca McKinsey

[5] Osservatorio sui Consumi degli italiani – Consumers’ Forum

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.

    Print Friendly, PDF & Email
    Ancora nessun voto.

    Lascia una valutazione

    Condividi su: