Home Ho.Re.Ca. Ristorazione 50 Top Italy: ecco quali sono i migliori ristoranti del Paese

50 Top Italy: ecco quali sono i migliori ristoranti del Paese

Si è svolta martedì 20 ottobre in diretta streaming la cerimonia di premiazione di 50 Top Italy 2021, seconda edizione della guida on-line ai Migliori Ristoranti Italiani. Al primo posto delle 4 classifiche i locali degli chef Massimo Bottura, Gianluca Gorini, Franco Cimini e Gabriele Bonci.

Si è svolta martedì 20 ottobre in diretta streaming, raccogliendo migliaia di visualizzazioni, la cerimonia di premiazione di 50 Top Italy 2021, seconda edizione della guida on-line, completamente gratuita, ai Migliori Ristoranti Italiani.

Un progetto firmato LSDM – storico congresso di cucina d’autore in scena dal 2008 a Paestum – e curato dai suoi ideatori, Barbara Guerra e Albert Sapere, insieme al giornalista Luciano Pignataro.

La serata, condotta da Federico Quaranta, ha visto dunque l’annuncio dei migliori locali della Penisola seguendo la divisione in quattro categorie, secondo prezzo e tipologia di ristorazione: Ristoranti Oltre 120€, Ristoranti Fino a 120€, Trattorie/Osterie e Low Cost.

Le quattro distinte classifiche, composte ognuna da 50 locali, sono state svelate attraverso un emozionante countdown, fino ad arrivare alle quattro insegne posizionate al vertice delle rispettive fasce: Osteria Francescana, a Modena, dello chef Massimo Bottura; daGorini, a San Piero in Bagno (FC), guidato da Gianluca Gorini; Antica Osteria del Mirasole, a San Giovanni in Persiceto (BO), di Franco Cimini; Panificio Bonci, a Roma, di Gabriele Bonci.

“Quello di daGorini – commentano i tre curatori – è l’unico cambio al vertice rispetto alla precedente edizione. Del resto, i locali di Bottura, Cimini e Bonci sono da considerare, nelle rispettive categorie, tre pesi massimi della ristorazione italiana, riconosciuti anche a livello internazionale. Ma le nuove generazioni non stanno certo a guardare, come testimoniato dalle tante insegne di qualità, tra le 200 totali recensite, guidate da giovani cuochi e ristoratori, a cominciare appunto da Gianluca Gorini. Allo stesso modo, se è vero che tre vincitori su quattro provengono dall’Emilia Romagna, accertando la grande storia gastronomica di questa regione, scorrendo le classifiche è facile constatare come siano rappresentati tanti e diversi territori dello Stivale, da Nord a Sud. Ciò a conferma di quanto il nostro Paese sia unico nel panorama mondiale, intriso, dalla testa ai piedi, di cultura del buon cibo”.

Gianluca Gorini

Un’eterogeneità regionale attestata già dai podi delle quattro categorie. Per i Ristoranti Oltre 120 euro, in seconda e terza posizione troviamo infatti: Uliassi, a Senigallia (AN), dello chef Mauro Uliassi, e il ristorante Daní Maison, a Ischia (NA), di Nino Di Costanzo. Nella fascia Ristoranti Fino a 120 euro: L’Argine a Vencò, a Dolegna del Collio (GO), di Antonia Klugmann, e Lido 84, a Gardone Riviera (BS), di Riccardo Camanini. Per la categoria Trattoria/Osteria: La Brinca, a Ne (GE), che vede ai fornelli Simone Circella, e Nù Trattoria Italiana dal 1960 – Trattoria di civiltà e libertà contadina, ad Acuto (FR), nelle sapienti mani di Salvatore Tassa. In Low Cost: Da Gigione Hamburgheria & Braceria, a Pomigliano d’Arco (NA), guidato in cucina da Gennaro Cariulo, e Anikò, a Senigallia (AN), di Moreno Cedroni.

“Ci teniamo a ringraziare – concludono i tre curatori – i nostri 150 ispettori che, in anonimato e pagando il conto, hanno visitato i locali più volte, giudicandoli in totale autonomia. Riteniamo che la narrazione gastronomica non si debba fermare proprio ora che le attività ristorative vivono un momento durissimo. Lo dobbiamo proprio a chi va avanti tra mille difficoltà, non abbassando mai l’asticella della qualità. Come più volte sostenuto, tenere alta l’attenzione su un settore che fa grande l’Italia è il nostro lavoro, oltre che la nostra passione”.

I premi speciali

Diversi infine gli ambiti premi speciali – Italian Special Awards – 50 Top Italy 2021 – conferiti a importanti personaggi del mondo dell’enogastronomia nazionale:

Piatto dell’Anno 2021 – Mulino Caputo Award
We Are All Connected Under One Roof – Osteria Francescana – Modena, Emilia-Romagna


Pranzo dell’Anno 2021 – Pastificio dei Campi Award
Uliassi – Senigallia (AN), Marche
Pasticceria dell’Anno 2021 – Mulino Caputo Award
Daní Maison – Ischia (NA), Campania
Sommelier dell’Anno 2021 – Consorzio Tutela Prosecco Doc Award
Alessandro Tomberli – Enoteca Pinchiorri – Firenze, Toscana
Ospitalità 2021 – D’Amico Award
Da Vittorio – Brusaporto (BG), Lombardia
Modello d’Ispirazione 2021 – Pastificio dei Campi Award
Famiglia Cerea – Da Vittorio – Brusaporto (BG), Lombardia
Chef dell’Anno 2021 – D’Amico Award
Gianluca Gorini – daGorini – San Piero In Bagno (FC), Emilia-Romagna
Migliore Carta dei Vini 2021 – Consorzio Tutela Prosecco Doc Award
Villa Maiella – Guardiagrele (CH), Abruzzo
Maître dell’Anno 2021 – Consorzio Tutela Prosecco Doc Award
Pino Savoia – Cannavacciuolo Bistrot Torino – Torino, Piemonte
Novità dell’Anno 2021 – Latteria Sorrentina Award
Tre Olivi – Capaccio Paestum (SA), Campania
Giovane dell’Anno 2021 – S.Pellegrino & Acqua Panna Award
Antonio Ziantoni – Zia Restaurant – Roma, Lazio
Valorizzazione del Territorio 2021 – Olitalia Award
Antica Osteria del Mirasole – San Giovanni in Persiceto (BO), Emilia-Romagna
Performance dell’Anno 2021 – Olitalia Award
Trattoria Da Burde – Firenze, Toscana
Trattoria Contemporanea 2021 – Latteria Sorrentina Award
Irina Trattoria – Savigno (BO), Emilia-Romagna
Tradizione Familiare 2021 – Mulino Caputo Award
Sora Maria e Arcangelo – Olevano Romano (RM), Lazio
Restaurant Manager dell’Anno 2021 – Birrificio Fratelli Perrella Award
Piero Pompili – Ristorante Al Cambio – Bologna, Emilia-Romagna
Innovazione e Sostenibilità 2021 – Birrificio Fratelli Perrella Award
Panificio Bonci – Roma, Lazio
Best Format 2021 – Latteria Sorrentina Award
Da Gigione Hamburgheria & Braceria – Pomigliano d’Arco (NA), Campania
Formare il Futuro 2021 – Voce di Napoli Award
Matteo Lorito – Rettore Università di Napoli Federico II – Campania

“Siamo orgogliosi di essere partner di 50 Top Italy, una guida che sposa i nostri stessi valori e che riconosce, valorizza e premia le nuove eccellenze della cucina italiana presenti nel nostro Paese” – commenta Maria D’Amico, Marketing Manager di D’Amico che ha assegnato i premi “ospitalità” e “chef dell’anno” Il periodo particolare che stiamo vivendo non ha frenato la qualità, la ricerca, l’innovazione della tradizione italiana ma ha incentivato il tempestivo sviluppo di nuovi servizi e attività.”

Clicca qui per leggere le quattro classifiche complete.

Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.

Print Friendly, PDF & Email
Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Condividi su: