Home Notizie Ambiente & Sostenibilità World Food Day 2021. Mare Aperto conferma il suo impegno sostenibile

World Food Day 2021. Mare Aperto conferma il suo impegno sostenibile

In occasione del World Food Day 2021 Mare Aperto ribadisce la necessità di operare concretamente nel rispetto per l’ambiente e delle risorse marine.

La stretta vicinanza temporale a eventi internazionali dedicati all’agricoltura, all’ambiente e al cambiamento climatico come il G20 sull’Agricoltura di Firenze, la settimana del PreCop-26 a Milano e la conferenza Cop-26 che si svolgerà a Glasgow ai primi di novembre, carica inevitabilmente di aspettative l’appuntamento di sabato 16 ottobre con il World Food Day.

Mare Aperto, azienda leader in materia di sostenibilità nel comparto delle conserve ittiche, accoglie e rilancia il tema scelto dalla FAO per l’edizione 2021 della Giornata Mondiale dell’Alimentazione: Le nostre azioni sono il nostro futuroUna produzione migliore, una nutrizione migliore, un ambiente migliore e una vita migliore”. 

Facciamo nostro l’appello lanciato dalla FAO per un’assunzione di responsabilità che coinvolga tutti gli attori del sistema agroalimentare, nessuno escluso, affinché la sostenibilità passi dal piano dei buoni propositi a quello delle scelte concrete, che abbiano ricadute tangibili sull’ambiente e sull’accesso al cibo” – dichiara Carlos Blanco, Amministratore Delegato di Mare Aperto. “I messaggi di questa ricorrenza sono in totale sintonia con l’impegno che abbiamo assunto verso l’ambiente, le risorse marine e le persone con il programma di responsabilità sociale d’impresa We Sea. Contrastare la pesca illegale, migliorare costantemente i processi produttivi abbattendo i consumi d’acqua e di energia da fonti fossili, azzerare lo spreco di materia prima sono il nostro modo di contribuire quotidianamente alla sicurezza alimentare e alla nutrizione per tutti senza compromettere il fragile equilibrio del pianeta.”

Allineati all’Agenda 2030 ONU – l’impegno concreto di Mare Aperto

La sintonia di Mare Aperto e dell’industria conserviera spagnolo Jealsa, cui l’Azienda genovese fa capo dal 2015, con i temi portanti del World Food Day è tutto tranne che occasionale. Il Gruppo, infatti, è impegnato da tempo a conformare le proprie attività agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) tracciati dall’ONU nella sua Agenda 2030

Nello specifico, Jealsa contribuisce a 15 dei 17 SDGs, di conseguenza Mare Aperto è allineato ad alcuni macro-obiettivi più strettamente legati a questa ricorrenza:

  • SDG n. 2 – Porre fine alla fame, raggiungere la sicurezza alimentare, migliorare l’alimentazione e promuovere l’agricoltura sostenibile
  • SDG n. 3 – Garantire una vita sana e promuovere il benessere di tutti a tutte le età

Mare Aperto produce conserve alimentari di qualità, sane e sicure, nel pieno rispetto delle normative nazionali e internazionali di settore e degli stringenti standard industriali IFS e BRC, oltreché in ottemperanza allo standard ISO 9001.

Inoltre, le conserve ittiche costituiscono una fonte di proteine nobili che rientra a pieno titolo in una nutrizione varia, gustosa e amica del benessere a tutte le età.

L’azienda, in particolare, ha ampliato la sua offerta con proposte innovative come il tonno “Leggero”, oppure “Basso in Sale”, o, ancora, conla giusta quantità di olio o di acqua minerale”, che permette di preservare il sapore dei prodotti ma è migliorativa in un’ottica di sostenibilità, praticità e integrazione nei regimi dietetici e negli stili di vita dei consumatori.

  • SDG n. 7 “Energia pulita ed accessibile” e 13 – “Agire per il clima”

Dal 2019, grazie all’energia generata dai parchi eolici propri e partecipati, il Gruppo ha annunciato di aver portato a compensazione la totalità delle sue emissioni di CO2 grazie al fatto che sia possiede direttamente sia partecipa allo sfruttamento di parchi eolici che raggiungono una potenza installata di 190MW. Altri investimenti rilevanti in ottica di produzione sostenibile hanno riguardato la riduzione nell’uso delle materie plastiche e dell’impronta idrica. Il nostro Sistema di Gestione Ambientale rispetta i requisiti della norma ISO 14001.

  • SDG n. 12 – “Garantire modelli di consumo e produzione sostenibili

Tra i progetti che concorrono al raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda ONU 2030, spicca il supporto al progetto Patto contro lo Spreco Alimentare promosso da Too Good To Go. Si tratta di un’alleanza virtuosa che mira ad abbattere gli sprechi alimentari nei prossimi anni con azioni e iniziative concrete a tutti i livelli della filiera agroalimentare. Jealsa, inoltre, è un’eccellenza nell’industria conserviera europea per essersi strutturata per integrare il recupero e la valorizzazione del 100% della materia prima nella sua produzione attraverso un proprio ecosistema di aziende specializzate. Infatti, le parti del pescato non destinate all’alimentazione umana sono recuperate e trasformate in prodotti di alta qualità, destinati a diversi mercati come l’acquacoltura, il pet food e l’industria cosmetica. Riguardo al confezionamento, inoltre, l’azienda utilizza solo packaging riciclabile e il cartoncino dei cluster è certificato FSC come proveniente da foreste gestite responsabilmente.

  • SDG n. 14 – “Conservare e utilizzare in modo sostenibile gli oceani, i mari e le risorse marine

Mare Aperto e Jealsa hanno acquisito la leadership in materia di sostenibilità nel comparto delle conserve ittiche in virtù del loro rigore nel garantire che la materia prima impiegata nelle loro conserve ittiche provenga esclusivamente da fonti di approvvigionamento sostenibile e non dalla cosiddetta IUU – pesca illegale non dichiarata né regolamentata.

A riprova di ciò figurano l’affiliazione all’International Seafood Sustainability Foundation (ISSF) e l’ottenimento delle certificazioni volontarie Marine Stewardship Council (MSC), Friends of the Sea (FOS) e Atún de Pesca Responsable (APR), che impongono standard particolarmente rigorosi e sfidanti alle attività svolte dalle flotte dei pescherecci. In particolare, nell’ultimo anno il gruppo ha ottenuto per la sua flotta di pescherecci la certificazione MSC per la pesca del tonno Skipjack realizzata su banchi liberi nell’Atlantico, la quale si aggiunge a quella già ottenuta per il tonno a pinne gialle.

Jealsa ha, inoltre, sottoscritto il protocollo Dolphin Safe e stretto alleanze con la Sustainable Fisheries Partnership, la International Pole & Line Foundation e la Global Ghosh Gear Initiative, organizzazioni che promuovono la diffusione di buone pratiche di pesca sostenibile. 

Il settore delle conserve di tonno viene generalmente dipinto come abbastanza tradizionalista anche nell’approccio alla sostenibilità, intesa in primis come relativa all’ambiente marino” – conclude Blanco – “Con We Sea abbiamo dimostrato come sia possibile puntare a una sostenibilità a 360 gradi, attenta alla protezione dell’ambiente, pienamente rispettosa della materia su cui lavora a ma anche delle persone.”

 

Mare Aperto Foods, società genovese che fa capo a Jealsa – uno dei principali produttori di conserve ittiche a livello mondiale – nasce nel 2015 per la commercializzazione di conserve di tonno in Italia. Da allora, il marchio Mare Aperto è diventato un fiore all’occhiello di Jealsa, registrando negli ultimi anni un tasso di crescita medio del 19,1%, che le ha permesso di chiudere il 2019 con un fatturato di quasi 70 milioni di euro. Tutti i suoi prodotti contengono tonno proveniente da pesca sostenibile, certificato Friend of the Sea o MSC (Marine Stewardship Council), oppure pescato con il metodo tradizionale a canna.

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.

    Print Friendly, PDF & Email
    Ancora nessun voto.

    Lascia una valutazione

    Condividi su: