Home Notizie Aziende Vinci e Aiuta. Il concorso Monini si veste di solidarietà

Vinci e Aiuta. Il concorso Monini si veste di solidarietà

Vinci e Aiuta è il concorso Monini che mette in palio gift card e la possibilità di vincere 5.000 euro da donare per progetti solidali.

Vinci e Aiuta. Il concorso Monini si veste di solidarietà

L’iniziativa commerciale che sposa la solidarietà: è manifesta fin dal claim – Vinci e Aiuta – la doppia anima, competitiva e solidale, del nuovo concorso firmato Monini per il 2021, che coinvolge la sua intera gamma di extravergini.

Da aprile e fino al 31 dicembre di quest’anno, acquistando una qualsiasi bottiglia di olio EVO Monini, sarà infatti possibile concorrere alla vincita immediata di una delle 39 gift card del valore massimo di 1.000 euro e partecipare al contempo all’estrazione di un premio “altruistico”: una donazione del valore di 5.000 euro a favore di un progetto di valenza sociale in campo ambientale, urbanistico ed educativo.

Tre sono infatti le possibili destinazioni benefiche, in base al periodo di partecipazione al concorso: dal 9 aprile al 6 giugno si potrà donare per un progetto di salvaguardia delle api; dal 7 luglio al 3 ottobre per la riqualificazione di un’area verde urbana; dal 4 ottobre al 31 dicembre, infine, per acquistare dell’attrezzatura sportiva a favore di una scuola.
Il vincitore avrà la facoltà di scegliere autonomamente quale specifico progetto, spazio e scuola sostenere. L’azienda potrà fornire un sostegno nella scelta e avrà comunque il compito di vigilare sulla sua correttezza e congruità.
Sul fronte tutela delle api, ad esempio, Monini porta avanti da anni una collaborazione con LifeGate, che potrà supportare il vincitore qualora non fosse a conoscenza di iniziative specifiche da sostenere. La partnership tra l’azienda spoletina e LifeGate ha già permesso di adottare e tutelare 750 mila piccole “sentinelle” dell’ambiente.

Monini con questa formula innovativa sceglie così di condividere con il proprio cliente una visione di futuro, invitandolo a mettersi in gioco in prima persona e a prendersi cura di un pezzo del mondo che lo circonda, sia esso l’ambiente o il tessuto urbano e sociale in cui siamo quotidianamente immersi.

Un’opera di “responsabilizzazione” e di gratificazione solidale che parte dal cuore dell’azienda, che lo scorso anno, in occasione del suo Centenario, ha inaugurato un percorso all’insegna della sostenibilità attraverso un piano decennale da 25 milioni di euro di investimenti con progetti specifici che partono dalla terra e dalla salvaguardia dell’ambiente per arrivare all’educazione alimentare nelle scuole e alla promozione di un corretto stile di vita. “Perché il presente – spiegano Maria Flora e Zefferino Monini, terza generazione alla guida dell’impresa – ci impone una profonda riflessione: le nuove generazioni ci chiedono a gran voce di dare un contributo per rendere il mondo un posto migliore”. 

 Fondata nel 1920 da Zefferino Monini, nonno di Maria Flora e Zefferino che guidano oggi l’azienda, Monini è da sempre ai vertici tra i brand leader di mercato in Italia nella produzione e commercializzazione di olio extravergine d’oliva. A oltre cento anni dalla sua nascita, si basa ancora sulla tradizione artigianale del “saper fare” e della qualità a difesa di un prodotto simbolo del Made in Italy e della dieta mediterranea. La società fattura 155 milioni di euro, realizzati per il 48% all’estero dove esporta in più di 60 Paesi, impiega 138 persone e produce una media annua di oltre 35 milioni di litri di olio, di cui l’84% extravergine. Lo scorso anno, nel segmento extravergine,ha registrato una crescita a doppia cifra in volume (+14,5%) e un ancora più significativo balzo in valore (+8,1%). Una performance guidata dallo “storico” Monini Classico 1lt (+16,4%), ma anche dal segmento premium, dove l’azienda è leader per i “100% italiani” con il Gran Fruttato Selezione Italiana (+35%). Tradizione e modernità, solide radici locali e vocazione internazionale sono le due anime che convivono nell’impresa che ha fatto conoscere l’extravergine agli italiani e che sta contribuendo a farlo scoprire e apprezzare al resto del mondo, pur mantenendo una vocazione sartoriale.

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.

    Print Friendly, PDF & Email
    Ancora nessun voto.

    Lascia una valutazione

    Condividi su: