Home Eventi & Fiere Van, la fiera dei Vignaioli Artigiani Naturali in scena a Roma
Traduci l'articolo nella tua lingua ArabicChinese (Simplified)EnglishFrenchGermanHindiItalianJapanesePolishPortugueseRomanianRussianSpanish

Van, la fiera dei Vignaioli Artigiani Naturali in scena a Roma

0
VAN Vignaioli Artigiani Naturali

Torna a Roma la fiera dei poeti contadini: Van, fiera dei Vignaioli Artigiani Naturali in programma il 9 e 10 marzo a Roma alla Città dell’Altra Economia.

Nona edizione per la manifestazione capitolina dei vignaioli artigiani di tutte le regioni d’Italia. Vini realizzati senza protocolli definiti, dando spazio a creatività, storia e cultura. Considerando che questi elementi entrano fortemente nel lavoro agricolo che ogni contadino svolge, i vini possono presentare delle sostanziali diversità che sono considerate una vera ricchezza.

Nella produzione del vino i Vignaioli Artigiani Naturali adottano tutte le pratiche utili a favorire la vitalità dei terreni per lo sviluppo e la salute delle piante, senza interventi di forzatura e soprattutto astenendosi da qualsiasi prodotto che rechi danni all’equilibrio biologico del vigneto, secondo le pratiche in uso in agricoltura biologica e biodinamica.

In crescita di anno in anno, la fiera ha come scopo principale la diffusione della conoscenza dei vini naturali e le scelte ecologiche ed etiche che li contraddistinguono, divulgandone la filosofia di produzione tramite il contatto diretto tra vignaioli, appassionati ed operatori.

Prenderanno parte produttori provenienti da Italia, Spagna e Austria con oltre 200 vini naturali in degustazione e stand gastronomici biologici.

Alla fiera sono ammesse esclusivamente le aziende agricole che hanno superato la selezione in base ai criteri della carta d’intenti VAN e le schede di autocertificazione presentate. Vignaioli che seguono personalmente l’intera filiera di produzione e i cui vini rispettano i seguenti 5 punti:

  • sono ottenuti da uve da agricoltura biologica o biodinamica anche autocertificata, raccolte manualmente
  • unicamente da fermentazioni spontanee (senza lieviti o batteri aggiunti);
  • con un contenuto in solforosa totale all’imbottigliamento di max 40 mg/l per tutti i vini, indipendentemente dal tenore di zuccheri residui;
  • senza l’aggiunta di alcun additivo o coadiuvante enologico in vinificazione, maturazione e affinamento;
  • senza trattamenti fisici brutali e invasivi.
Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Suggerisci una correzione all’articolo

[recaptcha]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here