Home Ho.Re.Ca. Ristorazione “Un anno da Chef”: la prima edizione di un calendario unico nel...

“Un anno da Chef”: la prima edizione di un calendario unico nel suo genere

Da un’idea del fotografo Gianni Cesariello e della dott.ssa Allegra Ammirati, mercoledì 19 dicembre alle 18, presso il ristorante “Il Principe” di Pompei, verrà presentato la prima edizione del calendario “Un Anno da Chef“.

L’intento era quello di proporre, attraverso l’obiettivo, un’immagine diversa del solito chef da sempre visto dietro ai fornelli tra pentole, mestoli e mille ingredienti – sottolineano gli ideatori – In copertina non poteva mancare lo chef Alfonso Iaccarino, Ambasciatore della Dieta Mediterranea, nonché Maestro ai fornelli per tutti noi amanti del food”.

I 12 chef da calendario

Dodici professionisti, uno per ogni mese dell’anno, sono stati accuratamente scelti sulla base delle loro esperienze professionali.

La pagina mensile vede riprodotta la foto dello chef, la sua visione della cucina, una piccola ricetta e la classica griglia dei giorni personalizzata.

I protagonisti delizieranno gli ospiti presenti alla serata di mercoledì 19 con gustose ricette preparate al momento, con l’ausilio di prodotti speciali offerti per l’occasione: olio dell’Azienda Agricola Ruocco; pomodoro San Marzano di Il Miracolo di San Gennaro; pasta di Gragnano igp da “La Selezione” Pastifici Gentile, Faella, Di Nola, Carmiano, Il Vecchio Pastaio; salumi e carni da La Stella delle Carni; pane dal Panificio Malafronte. Inoltre, per i vini Cantine Federiciane, Cantine Iovine e Poggio delle Baccanti; per i dolci Pasticceria Di Nocera e per i liquori Alambicco Rosso srl e Terre Pompeiane.

Chef Alfonso Iaccarino (Don Alfonso 1890) – Copertina

Per noi la grande cucina si fa nel campo, come i grandi vini in vigna. Il cibo è frutto di cose semplici: amore, passione, onestà, cultura, antropologia, storia. È vita dei popoli. Tanti sono i messaggi e le emozioni che il cibo e la cucina sono in grado di esprimere e di trasmettere. Ho sempre sentito forte dentro di me una grande responsabilità ed è per questa ragione che, mia moglie ed io, nel 1985 cominciammo a seguire la filosofia del biologico, tramite la nostra azienda agricola biologica Le Peracciole”. Immerso nello straordinario scenario di Punta Campanella, Alfonso Iaccarino guida l’azienda agricola biologica “Le Peracciole”, sette ettari distribuiti nella zona più selvaggia della Penisola Sorrentina. Produce un pregiato olio d’oliva extravergine, la maggior parte degli ortaggi per il ristorante ed il celebre liquore di limoni, tutti ingredienti che rendono unici i piatti del Don Alfonso 1890.
Il Ristorante Don Alfonso 1890 è lo specchio di una filosofia che innova rispettando la cultura e le tradizioni alimentari millenarie della Penisola Sorrentina e della Costiera Amalfitana. Ricavati da un palazzo napoletano del XIX secolo, gli ambienti design del ristorante hanno colori vivaci – lilla, giallo, arancio e rosa – pensati per esaltarsi con la luce naturale del mediterraneo, un modo per trasportare il viaggiatore nella straordinaria atmosfera del Sud Italia.

Chef Aniello Abagnale (Personal Chef) – Gennaio

Ha iniziato presto, a soli 14 anni, per caso o forse per gioco con un suo cugino. È entrato per la prima volta in una cucina professionale e solo a vedere quei cuochi che correvano e si davano da fare ha provato emozioni che non ha più dimenticato. Le stesse emozioni che ancora oggi lo stimolano a crescere e ad esplorare questo immenso ed infinito mondo che è la ristorazione. Un vero amore a prima vista.
Dal Trentino alla Valle D’Aosta, dalla Sardegna fino a Copenaghen, per poi ritornare qui e collaborare con numerose aziende, fino a curare l’apertura dell’Osteria a Gragnano. Tanti i premi e le medaglie vinte fino ad ora.

Chef Angelo Borghese (Personal Chef) – Febbraio

Classe 1986, scafatese, un lungo curriculum di esperienze che partono dall’Istituto Alberghiero di Pagani per poi proseguire tra Francia e Svizzera. Angelo continua a dimostrare di avere talento grazie alle continue evoluzioni del suo lavoro e all’instancabile ricerca, nel più totale rispetto degli ingredienti. La sua cucina fatta di prodotti stagionali e locali si trasforma in qualcosa di più. Le sue creazioni sono vive, intense e piene di energia, proprio come lui.

Chef Ciro Campanile (Chef Elisabetta Luxury Events) – Marzo

La sua carriera inizia al Majestic di Napoli con lo chef Giancarlo Elba, poi continua lavorando come catering nelle prestigiose ville di Napoli. Affianca noti chef stellati campani in diverse serate ed è Executive Chef dell’Elisabetta-Luxury Events. Fa parte dell’Associazione Cuochi Torre del Greco con cui ha partecipato alle Internazionali di Cucina Calda ottenendo un argento ed un bronzo. È stato intronizzato come discepolo di Auguste Escoffier. Partecipa a numerose serate di beneficenza. Tra gli eventi, quello in Vaticano alla Festa della Gendarmeria rappresentando la cucina campana dinanzi a Papa Francesco ed il pranzo di beneficenza al Duomo di Napoli con il Cardinale Sepe.

Chef Gian Marco Carli (Chef/Patron ristorante Il Principe) – Aprile

Classe ’88, figlio d’arte di Marco e Pina Carli, patron del Ristorante Il Principe in Pompei.
A 13 anni la prima esperienza nella cucina del ristorante di famiglia, con lo chef Francesco Aliberti stella Michelin, tanto che nasce subito l’amore e la passione per questo lavoro. Passione che dopo 4 anni lo spinge all’estero, Londra ed America Centrale tra Guatemala e Messico, dove inizia il suo vero percorso formativo. Nel 2010 ritorna in Italia ma, non sentendosi ancora pronto per gestire la sua brigata al Principe, intraprende un percorso che gli cambierà il modo di vivere la cucina: inizia così l’esperienza al Don Alfonso a Sant’Agata, tempio sacro dell’enogastronomia italiana, dove affina tecnica e conoscenza delle materie prime campane e non solo.
Giugno 2015 partecipa all’apertura di EXPO Milano 2015 con la presentazione di un suo menù “A tavola con gli antichi romani” dedicato al recupero degli usi e costumi a tavola degli antichi “Pompeiani”, lavoro svolto in collaborazione con il laboratorio di ricerche applicate degli scavi di Pompei. Nel 2016 è chef capo partita antipasti al Ristorante Quattro Passi Nerano. Nel giugno 2017 apre il suo primo locale dal format innovativo e futurista in appena 31 mq: Crudo Fish Lounge. Dopo solo un anno riapre Il Principe: nuova location e nuovo progetto ma, questa volta, con la sua firma. Fra gli ultimi premi conquistati: è vincitore al Ravello Chocolate festival 2017, Premio ambasciatore del Cilento 2017, Segnalazione in guida Touring Club 2018/2019, ottiene la Segnalazione nella guida I ristoranti di Repubblica dal 2014 al 2018, compreso l’anno in corso.

Chef Endoni Di Lieto (Chef/Patron ristorante Tavernetta Cinquantotto) – Maggio

Frequenta l’Istituto Alberghiero “RAFFAELE VIVIANI” Sede Coordinata di Agerola.
Tra i ristoranti in cui ha lavorato: Hotel San Pietro Positano, Grand Hotel Excelsior Vittoria. Adesso è lo chef proprietario del Ristorante Tavernetta Cinquantotto.
Gli ultimi premi vinti: Buona cucina touring club italiano 2018 /2019, Candidato Chef emergente 2018, Premio Accademia Italiana della Cucina.

Chef Marco Di Martino (Personal Chef) – Giugno

Classe ’90, diplomato presso l’Istituto Alberghiero “De Gennaro” di Vico Equense. Nonostante la sua giovanissima età, vanta numerose collaborazioni con chef stellati: da Alain Ducasse, Gennaro Esposito a Massimo Bottura, ma anche Antonino Cannavacciuolo, Domenico Iavarone, Oliver Glowing e tante altre ancora. “Ritornare alla semplicità e alla naturalezza con cui da bambini giocando si scoprivano e si aprivano nuovi orizzonti”, questa la sua filosofia. Adora assemblare e mescolare colori, profumi e sapori nel rispetto della materia prima e soprattutto del degustatore.

Chef Maurizio Di Ruocco (Chef/Patron Villa Zaira) – Luglio

Lo Chef Maurizio Di Ruocco, patron di Villa Zaira, vanta due recenti premi come “miglior chef emergente”. Uno del 2017 all’evento Ritratti di Territorio e un altro nel 2018 all’evento DiVin Castagne.

Chef Paola Fiorentino (Personal Chef) – Agosto

La passione per la cucina nasce dalla nonna materna. Sin dall’età di 8 anni quando vedeva la nonna ai fornelli mentre cucinava il pollo alla cacciatora, la parmigiana di melanzane, le polpette o il ragù. Quando sua madre le regalò il Bimby iniziò con le prime salse, impasti e dolci, tanto da omaggiare un’ospite di Villa Fiorentino che rimase talmente entusiasta da invogliare Paola ad intraprendere questo lavoro. Nonostante il lavoro a Villa Fiorentino a Positano e gli studi universitari, trova tempo per seguire corsi di perfezionamento e affinare le sue tecniche presso ristoranti molto noti. Intanto negli anni frequenta corsi di sommelier, corso ONAF, frequenta la scuola dolce e salato. Partecipa ad Hell’s Kitchen stupendo tutti anche per le sue doti di sciabolatrice essendo maestra di sciabola a Reims.

Chef Alberto Fortunato (Chef/Patron ristorante La Bettola del Gusto) – Settembre

Dalla panificazione con esperienza presso un forno locale al viaggio in pasticceria per conoscere la magia dello zucchero, farina e uova, per poi approfondire l’arte del pizzaiolo ma tutto ciò non faceva per lui. Rientra in cucina seguendo la sua passione.
Con il Ristorante “La Bettola del Gusto” sono presenti nella Guida Michelin dal 2013 ad oggi, passando per l’Espresso, Guida Mangia e Bevi de “Il Mattino”, Guida dei ristoranti della Campania de “La Repubblica”, Osterie d’Italia di Slow Food guida alla quale tiene molto per il valore che da al cibo e al buono della terra. Appena citato nella Guida del Tourig Club Italiano “Buona Cucina”.

Chef Petronilla Naclerio (Chef/Patron La Corte degli Dei di Palazzo Acampora) – Ottobre

Allieva di Iginio Massari e Maurizio Santin, nata ad Agerola e cresciuta a Brescia, imprenditrice e figlia di ristoratori, ha alle spalle un passato di responsabile di produzione e consulente aziendale nel settore gastronomico in Italia ed all’estero. Torna ad Agerola nell’incantevole Palazzo Acampora con il ristorante La Locanda degli Dei.

Chef Giovanni Sorrentino (Chef/Patron Ristorante Gerani) – Novembre

Campano di Sant’Antonio Abate, 36 anni, coltiva la sua passione per la cucina fin da piccolo guardando la mamma e la nonna ai fornelli. Ha frequentato l’Istituto Alberghiero “De Gennaro” di Vico Equense. Ha alternato il percorso formativo ad esperienze stagionali presso strutture alberghiere di famiglia. Dopo il diploma vola a Parigi. Tra le esperienze lavorative più significative spiccano nomi come Gennaro Esposito, Alain Ducasse, Michele De Leo, Mirto Marchesi. Nel 2016 ha aperto, con sua moglie Regina, il suo primo ristorante “Gerani” dove reinterpreta la cucina campana in chiave moderna. Ristorante molto apprezzato tanto da essere inserito nelle prestigiose guide gastronomiche ed ottenere l’ambito riconoscimento “Bib gourmand” della guida Michelin. Vi sono ancora, tre finali del premio Birra Moretti Grand Cru e nel 2017 viene premiato come miglior chef italiano per l’utilizzo della birra in cucina da “Identità Golose”.

Chef Giorgio Vitiello (Chef/Patron ristorante pescheria Acqua&Sale) – Dicembre

Diplomato all’Istituto Alberghiero di Pagani-Nocera ma a soli 12 anni lavorava in un ristorante con lo zio. Ha continuato la lunga gavetta anche presso ristoranti stellati fino ad inaugurare 10 anni fa il suo Ristorante Pescheria Acqua&Sale a Scafati.
Anche quest’anno ha vinto il premio fedeltà Gran Galà 2018 Provolone del Monaco DOP conferito proprio dal Consorzio di Tutela del Provolone del Monaco DOP.

Print Friendly, PDF & Email
Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Condividi su: