Home Indagini e Ricerche Svolta green nel carrello degli italiani: 2 su 3 comprano biologico
Traduci l'articolo nella tua lingua ArabicChinese (Simplified)EnglishFrenchGermanHindiItalianJapanesePolishPortugueseRomanianRussianSpanish

Svolta green nel carrello degli italiani: 2 su 3 comprano biologico

0
biologico

Il biologico è sempre più presente sulle tavole degli italiani. Secondo l’indagine Coldiretti/Ixè presentata in occasione del Sana di Bologna, il Salone internazionale del biologico, quasi due italiani su tre (64%) acquistano prodotti alimentari biologici regolarmente (22%) o occasionalmente (42%), con una tendenza che si è costantemente rafforzata nel tempo.

I consumi di biologico hanno raggiunto nel 2018 un valore di 3,6 miliardi con +178% nel corso dell’ultimo anno, ma la tendenza positiva continua anche nel 2019 con le vendite nella grande distribuzione organizzata che segnano +5% nel primo semestre secondo Nomisma.

Secondo Coldiretti, presente per la prima volta al Sana con il mercato di Campagna Amica degli agricoltori biologici italiani, quasi sei italiani su dieci hanno fatto la spesa dal contadino almeno una volta al mese.

L’Italia è leader europeo nel numero di imprese che coltivano biologico con quasi 79 mila operatori coinvolti e circa 2 milioni di terreni coltivati. L’incidenza della superficie biologica ha raggiunto nel 2018 il 15,5% di quella totale nazionale, di gran lunga superiore alla media dell’Unione Europea.

Secondo Maria Grazia Mammuccini, Presidente di FederBio, “la crescita del bio non riguarda solo gli aspetti di mercato; coinvolge il governo del territorio, la tutela della biodiversità, il contrasto e l’adattamento al cambiamento climatico; far crescere l’agricoltura biologica significa investire per il contrasto e la mitigazione del cambiamento climatico. Dobbiamo darci l’obiettivo di raggiungere almeno il 40% della superficie agricola del nostro Paese coltivata con il metodo biologico e per questo ci fa ben sperare che il Governo appena insediato, al quale auguriamo buon lavoro, abbia inserito nel suo programma punti importanti come la “transizione ecologica”, indirizzando l’intero sistema produttivo verso l’economia circolare e lo sviluppo dell’agricoltura biologica come una delle priorità per il nostro sistema agroalimentare”.

5/5 (1)

Lascia una valutazione

Suggerisci una correzione all’articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here