Home Indagini e Ricerche Supermercato24 rivela le “Abitudini di consumo” dell’estate 2018
Traduci l'articolo nella tua lingua ArabicChinese (Simplified)EnglishFrenchGermanHindiItalianJapanesePolishPortugueseRomanianRussianSpanish

Supermercato24 rivela le “Abitudini di consumo” dell’estate 2018

0
Supermercato24

L’estate è proprio giunta al termine: sono arrivati i primi venti freddi e sono comparse le prime giacche. Nel salutare la caldissima estate 2018, Supermercato24, primo player italiano della spesa online con consegna a domicilio in giornata e anche entro un’ora, ha analizzato le abitudini di consumo nella spesa online da giugno a settembre.

Nel periodo più caldo dell’anno lo scontrino medio delle le spese effettuate su Supermercato24 è stato di circa 58€. Cosa hannoacquistato online gli italiani in questi caldi ultimi mesi? E quali sono state le categorie di prodotto più gettonate nelle diverse province?

A queste e altre domande ha risposto “Abitudini di Consumo”, l’indagine di Supermercato24 che analizza periodicamente le abitudini di consumo degli italiani nella spesa online, per conoscere e confrontare le differenze di acquisto a seconda della stagionalità, della provincia e dei gusti.

I trend della spesa online dell’estate 2018

Nell’estate 2018 gli utenti di Supermercato24 hanno acquistato cibi, bevande e golosità, evitando trasporti di borse pesanti o noiose file alle casse, e risparmiando tempo prezioso da dedicare ai momenti di divertimento e svago tipici della stagione più bella dell’anno.

La spesa media per carrello su Supermercato24 nei mesi che vanno da giugno a settembre è stata di 58€.

Roma e Milano le province in testa per numero di ordini, seguite da Torino e, poi, dalle venete Verona e Padova, che chiudono la top five.

Il podio dei prodotti più acquistati vede in testa la categoria Acqua, Bibite e Alcolici, col13,5% degli ordini totali, seguita da Formaggi e Salumi (12%), e al terzo posto Frutta e Verdura (11,5%). A completare la top 5, ci sono poi Carne e Pesce (8,5%) e Sughi, Scatolame e Condimenti (8%).

Supermercato24 - Abitudini di consumoLa Categoria dell’Estate

A farla da padrone in questa calda estate 2018, non poteva che essere la categoria dei gelati: qualunque ne sia il tipo o il gusto, il gelato resta l’intramontabile compagno dei momenti di pausa o relax delle torride giornate estive. Da giugno ad agosto,Supermercato24 ne ha consegnati più di 7 tonnellate! Primi in classifica le mitiche vaschette, poi ecco i coni e gli stecchi, seguiti da biscotti e dagli immancabili ghiaccioli.

La provincia più “gelatosa”? La bellissima Catania: ai piedi dell’Etna, i gelati hanno riempito i carrelli online su Supermercato24, rinfrescando i pomeriggi e le serate dei catanesi. Seguono sul podio Varese Trieste.

Le province top per ogni categoria

Esaminando più in dettaglio gli acquisti dei mesi estivi e confrontando le abitudini di acquisto online tra provincia a provincia, emergono alcune interessanti curiosità. Eccole di seguito.

Qual è la provincia più sana?

La capitale vince il premio di provincia più sana dell’estate 2018. Roma è stata infatti la provincia con la più alta percentuale di spesa per frutta e verdura sul carrello complessivo, con un 14% sugli ordini totali. Al secondo posto la “città del cibo”, Bologna, con il 12,7% e, a seguire, Treviso (11%).

Qual è la provincia più golosa?

Qual è la parte d’Italia che ha ceduto maggiormente alla gola durante questa calda estate? La risposta è Rimini, dove questa categoria di prodotti ha pesato quasi il 9sulla spesa totale. Sul podio anche Bergamo Verona (entrambi a circa l’8%).

Dove si consumano più carne e pesce?

La provincia di Varese si aggiudica il primato nel consumo di carne e pesce: il 12% della spesa media di quest’estate nella provincia è stato dedicato infatti ai prodotti di questa categoria. Seguono Genova (10%) e Roma (9,5%).

Dove si consumano più alcolici?

Il primo posto nell’acquisto di generi alcolici è occupato dalla provincia di Genova, dove il 7% della spesa totale è stato riservato a vino, birra e simili. Seguono a breve distanza Trieste e Varese, al secondo e al terzo posto del podio (con il 6% della spesa totale).

Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Suggerisci una correzione all’articolo

[recaptcha]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here