Home Eventi & Fiere Premi & Riconoscimenti Superior Taste Award: l’annuncio ufficiale dei 1510 nuovi prodotti certificati

Superior Taste Award: l’annuncio ufficiale dei 1510 nuovi prodotti certificati

Superior Taste Award: l'annuncio ufficiale del 1510 nuovi prodotti certificati

Come ogni anno, la prestigiosa giuria di Chef e Sommelier del’International Taste Institute ha valutato il gusto dei prodotti alimentari registrati per la certificazione Superior Taste Award. Martedì 2 giugno sono stati ufficialmente comunicati i risultati dei test.

Quest’anno sono stati certificati 1510 prodotti: i nomi dei prodotti premiati e dei rispettivi produttori sono pubblicati sul sito web dell’International Taste Institute .

I premi per i prodotti certificati sono distribuiti come segue:
1 stella (“Gusto molto buono” o un punteggio tra il 70 e l’80%): 430 assegnati
2 stelle (“Gusto notevole”, o un punteggio tra l’80 e il 90%): 755 assegnati
3 stelle (“Gusto eccezionale”, o un punteggio superiore al 90%): 325 assegnati

Tutti i prodotti certificati hanno superato una rigorosa valutazione sensoriale di rinomati Chef e Sommelier di diverse associazioni europee secondo una metodologia di degustazione alla cieca. A ogni bevanda o alimento viene assegnato un punteggio di gusto e, a seconda dei risultati, può ricevere la nota certificazione “Superior Taste Award”

La qualità italiana ha dominato ancora una volta

Oltre il 50% dei prodotti italiani premiati ha ottenuto le 3 Stelle, un dato ben superiore rispetto alla statistica globale in cui in media solo un prodotto su 5 supera la soglia del 90%. A dimostrazione che, anche in un periodo di difficoltà, le aziende hanno lavorato su tutti gli aspetti fondamentali dei prodotti non tralasciando gusto e qualità, elementi imprescindibili per i consumatori.

Superior Taste Award: l'annuncio ufficiale del 1510 nuovi prodotti certificatiCaffè Italiano al top

Una sempre più crescente presenza di grandi e piccole torrefazioni italiane, rende il caffè uno dei prodotti di punta dell’Italia anche al di fuori dei confini. Quest’anno per questa categoria si sono attestati punteggi altissimi e i torrefattori italiani hanno presentato un’ampia gamma di miscele apprezzate dalla giura.

Tra le torrefazioni caffè Italiane premiate troviamo: Caffè Gioia, Amigos Caffè, Mister Caffè (So.Ge.Ca), Torrefazione Bugella, Torrefazione Caffè Roen, Caffè Carracci, Caffè Borbone

I premi speciali per le italiane

Alcuni produttori si distinguono per la loro attenzione al gusto e registrano gli stessi prodotti su base regolare. Due premi speciali riconoscono tali prodotti che mantengono un gusto eccezionale nel tempo:

Il Crystal Taste Award (3 stelle per 3 anni consecutivi) e il Diamond Taste Award (3 stelle, 7 volte in 10 anni). Quest’anno 35 prodotti hanno ricevuto il Crystal Taste Award e 16 prodotti hanno ricevuto l’esclusivo Diamond Taste Award.

Sono due le aziende italiane che hanno ottenuto i premi speciali Crystal e Diamond Award. Il Panettone Biologico la Fornarina ha ottenuto per il terzo anno consecutivo 3 stelle e di conseguenza è stato insignito del Crystal per la sua continuità nell’alta qualità gustativa del prodotto. Discorso simile vale per l’Acqua San Martino Lievemente Frizzante che invece raggiunge il Diamond Award (3 stelle, 7 volte in 10 anni), entrando così nell’élite dei 16 prodotti al mondo ad aver raggiunto questo traguardo nel 2020.

L’importanza del gusto per produttori e consumatori

Perché i produttori attenti alla qualità si impegnano costantemente sul gusto dei loro prodotti? “I produttori sanno che i consumatori si aspettano prodotti piacevoli al gusto e vogliono dare delle garanzia su questo elemento” ha detto Eric de Spoelberch, Amministratore Delegato del Taste Institute, “c’è così tanta scelta per il consumatore che i produttori devono mantenere una mentalità di costante miglioramento del prodotto, sia per i nuovi prodotti che per quelli esistenti”.

E in effetti, in un sondaggio del 2019 della International Food Information Council Foundation, l’86% dei consumatori ha dichiarato che il gusto è il motivo principale per l’acquisto di un prodotto, molto più avanti degli altri criteri, come il prezzo (68%) o se un prodotto è sano (con il 62%).

Durante la pandemia di Covid, i produttori hanno svolto un ruolo vitale in quanto hanno dovuto continuare la produzione di alimenti e bevande nonostante circostanze molto difficili. A dispetto del carico di lavoro, sono stati numerosi a continuare a concentrarsi sul gusto, come dimostrato dall’elevata partecipazione alla valutazione del Superior Taste Award del 2020. “La qualità è molto importante per noi e il gusto è un aspetto chiave della qualità. La valutazione ci aiuta a confermare che i nostri prodotti sono gustosi e di altissima qualità. Dopo tutto, i consumatori non compreranno di nuovo un prodotto se non lo apprezzassero per la prima volta. Noi produttori dobbiamo guadagnarci la fiducia dei consumatori su base giornaliera e questa certificazione dimostra che la prendiamo molto sul serio”, ha commentato Andre Woldt, Category Development Manager Global Cider – Heineken International.

Stijn Roelandt – Sous-Chef di Hof van Cleve, 3 stelle Michelin – spiega come lui e i suoi colleghi eseguano le valutazioni per l’International Taste Institute: “È un processo rigoroso. I prodotti sono gustati alla cieca; ciò significa che i campioni valutati sono anonimi: non vediamo la confezione e non conosciamo il marchio né il nome del produttore; non sappiamo nemmeno da quale paese provenga. Questo ci obbliga ad essere completamente obiettivi mentre facciamo l’analisi sensoriale. Solo i prodotti veramente buoni sono certificati”

Di seguito il video dell’annuncio ufficiale

L’International Taste Institute, fondato nel 2005 e con sede a Bruxelles, in Belgio, valuta e certifica il gusto di cibi e bevande da tutto il mondo. La giuria è composta da oltre 200 rinomati chef e sommelier di 15 associazioni europee. Nel corso degli anni, oltre 16’000 prodotti sono stati certificati dalla giuria del Taste Institute che comprende Chef e Sommelier di prestigio come Ferran Centelles (capo sommelier della Fondazione El Bulli), Manuel Jimenez (miglior sommelier della Spagna 2017), Alain Nonnet ( 2 stelle Michelin per 36 anni), Gaetano Raguni (vincitore dell’Italia Bocuse d’Or 2017 ), Alan Coxon (ambasciatore britannico per cibo / bevande e Chef presentatore della BBC) o Cristina Figueira (1 stella Michelin)-
Il Taste Institute esegue una valutazione sensoriale obiettiva: la sua giuria segue una rigorosa metodologia di degustazione alla cieca in cui i campioni sono resi anonimi per evitare distorsioni nel punteggio. Oltre al punteggio dei diversi criteri di analisi sensoriale, la giuria fornisce commenti ed eventuali suggerimenti per un ulteriore miglioramento del prodotto, o suggerimenti di abbinamento.
Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.

Print Friendly, PDF & Email
5/5 (3)

Lascia una valutazione

Condividi su: