Home Salute Sanità animale e Sicurezza alimentare: dati 2018 dei Posti di Ispezione Frontaliera
Traduci l'articolo nella tua lingua ArabicChinese (Simplified)EnglishFrenchGermanHindiItalianJapanesePolishPortugueseRomanianRussianSpanish

Sanità animale e Sicurezza alimentare: dati 2018 dei Posti di Ispezione Frontaliera

0
Posti di Ispezione Frontaliera

I Posti di Ispezione Frontaliera (PIF) e gli Uffici Veterinari per gli Adempimenti degli obblighi Comunitari (UVAC) sono Uffici del ministero della Salute, che svolgono attività di tutela della sanità animale e della sicurezza alimentare attraverso controlli sanitari di animali, prodotti di origine animale e mangimi provenienti dall’estero e destinati al mercato comunitario.

Dagli inizi del Novecento fu stabilito, attraverso la legge Crispi-Pagliani, che fossero nominati dal Ministero dell’interno veterinari governativi di confine e di porto, il cui ruolo è quello di provvedere alla visita sanitaria degli animali, delle carni e dei prodotti animali importati ed esportati. Dal 1993, con l’attuazione del Mercato Unico (tramite le direttive 90/675/CEE e 91/496/CEE) gli uffici veterinari di confine italiani acquisiscono la qualifica di Posti di Ispezione Frontaliera (PIF). Ed è sempre nel 1993 che nascono i nuovi Uffici Veterinari per gli Adempimenti Comunitari (UVAC), dipendenti dal Ministero della Salute.

Il Ministero della Salute ha pubblicato la relazione sull’attività dei Posti di Ispezione Frontaliera e Uffici Veterinari per gli Adempimenti Comunitari del 2018.

Attività dei PIF nel 2018

Nel 2018 sono state importate sul territorio nazionale attraverso i PIF italiani, 48.095 partite di animali, prodotti di origine animale e mangimi di origine animale da oltre 100 Paesi terzi con un aumento dell’1,7% rispetto all’anno precedente. I prodotti della pesca con 35.010 partite (72,8%) rappresentano il gruppo merceologico più numeroso seguito dalle carni con 3.754 partite (7,8%), dagli animali vivi con 2.748 partite (5,7%) e dai mangimi ed integratori con 2.157 partite (4,5%). Inoltre, sono state importate attraverso i PIF italiani 3.269 partite di prodotti di origine non animale ad uso mangimistico.

I controlli sanitari, eseguiti sulla base delle frequenze di controllo programmate, delle valutazioni degli ispettori veterinari, delle disposizioni comunitarie e delle notifiche ricevute tramite il sistema di allerta dell’Unione Europea (RASFF: Rapid Alert System for Food and Feed) hanno consentito il respingimento di 199 partite di merci provenienti dai Paesi Terzi, lo 0,4% circa delle partite presentate all’importazione con una percentuale analoga a quella riscontrata nel 2017 (0,4%).

Attività dei UVAC nel 2018

L’attività degli UVAC, rappresentata ordinariamente dall’organizzazione dei controlli a sondaggio e non discriminatori sulle merci provenienti da Paesi UE, nel 2018 ha visto l’intensificarsi dei controlli nel campo della sanità animale attraverso il monitoraggio delle introduzioni di animali vivi da quegli Stati membri nei quali si sono registrati nuovi focolai di malattie infettive.

Inoltre, gli UVAC hanno continuato a svolgere il consueto importante ruolo di gestione dei controlli sanitari sulle merci in stretto coordinamento con le Autorità centrali e locali competenti ed hanno disposto il controllo documentale e fisico su 9.870 spedizioni di animali vivi e prodotti di origine animale (11,01% caprini, 7,59% uova e derivati, 5,31% altri animali vivi, 4,6% ovini, 4,45% equidi, ecc.). Su 9.870 partite in totale, 4.437 sono state sottoposte a controlli di laboratorio e i controlli veterinari effettuati dalle Aziende Sanitarie Locali hanno portato al respingimento/distruzione di 59 partite di merci potenzialmente pericolose per la salute del consumatore o per la salute degli animali.

Clicca qui per scaricare L’attività dei Posti di Ispezione Frontaliera e Uffici Veterinari per gli Adempimenti Comunitari del 2018

Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
5/5 (1)

Lascia una valutazione

Suggerisci una correzione all’articolo

[recaptcha]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here