Home Ho.Re.Ca. Ristorazione Procida è Capitale della Cultura 2022. A Roma chef Muro celebra l’isola...

Procida è Capitale della Cultura 2022. A Roma chef Muro celebra l’isola con un menu speciale

A Procida, Capitale della Cultura 2022, chef Gabriele Muro di Adelaide a Roma dedica il menu degustazione "Sull'isola di Gabriele".

Procida è diventata la Capitale della Cultura 2022 e “ci accompagnerà nell’anno della ripartenza e della rinascita“, come ha dichiarato il ministro dei Beni Culturali Franceschini.

Le motivazioni della Giuria lette dal Ministro durante la proclamazione della vincitrice in diretta Zoom:

Il progetto culturale presenta elementi di attrattività e qualità di livello eccellente. Il contesto di sostegni locali e regionali pubblici e privati è ben strutturato, la dimensione patrimoniale e paesaggistica del luogo è straordinaria, la dimensione laboratoriale, che comprende aspetti sociali e di diffusione tecnologica è dedicata alle isole tirreniche, ma è rilevante per tutte le realtà delle piccole isole mediterranee. Il progetto potrebbe determinare, grazie alla combinazione di questi fattori, un’autentica discontinuità nel territorio e rappresentare un modello per i processi sostenibili di sviluppo a base culturale delle realtà isolane e costiere del paese. Il progetto è inoltre capace di trasmettere un messaggio poetico, una visione della cultura, che dalla piccola realtà dell’isola si estende come un augurio per tutti noi, al paese, nei mesi che ci attendono. La capitale italiana della cultura 2022 è Procida”.

Procida

Gabriele Muro chef di Adelaide al Vilòn celebra le sue origini procidane con un menu speciale

Sono così emozionato – ha raccontato chef Gabriele Muroche la mia piccola Procida sia stata scelta come Capitale della cultura 2022 che ho deciso di dedicarle un intero menu degustazione a partire da lunedì 25 gennaio e presente da Adelaide tutti i giorni, sia a pranzo che a cena. Sarà un menu con tutti i prodotti tipici dell’isola da sempre con tanta agricoltura e i piatti di tradizione: una cucina povera marinara, per quanto rivista con gli occhi di chi ha viaggiato”.

Gabriele Muro è lo chef di Adelaide al Vilòn, Luxury Hotel romano, originario di Procida, l’isola decretata appena tre giorni fa Capitale della Cultura 2022. Lo chef ha quindi dedicato alla sua “piccola isola” un menu degustazione ispirato alla sua infanzia: “Sull’isola di Gabriele”.

Chef Gabriele Muro – Ristorante Adelaide dell’Hotel Vilon © Francesco Vignali Photography

Un menu ricco di colori. Anche quello che mangiavo da bambino è giallo, arancio come gli agrumi, il rosso del pomodoro nei barattoli. Su tutto sempre l’azzurro forte del mare, dal gusto salmastro. Procida per me è una visione, un paesaggio che ho negli occhi e nel cuore da quando sono andato via dall’isola e che ogni volta che torno riaccarezzo dal vivo. D’altra parte se a 16 anni mi sono innamorato della cucina, complice fu proprio il mare e il pesce di Procida“.

Il menu viene proposto in formula STAYVilòn dal 25 gennaio per chi vorrà soggiornare in Hotel con una “piccola fuga tra i sapori, le suggestioni e i ricordi”, malgrado la fascia arancione sancita dall’ultimo Dpcm di contrasto alla pandemia.

Federpesca: Procida Capitale della Cultura 2022 è una buona notizia per il settore pesca

Accogliamo con grande soddisfazione la scelta dell’isola di Procida come prossima capitale italiana della cultura per il 2022. Un giusto riconoscimento ad un’isola meravigliosa, che oltre alle sue bellezze naturali conosciute da tutti, rappresenta una comunità nella quale il settore della pesca ha sempre avuto un ruolo fondamentale.” dichiara Antonio Veneziano, rappresentante di Federpesca nell’isola di Procida.
Una comunità che ha fatto del lavoro e dei sacrifici in mare uno stile di vita, rappresentativo di tutti i piccoli borghi marinari del nostro Paese. Per questo la scelta di Procida, che coincide con la prima volta in cui una piccola realtà isolana viene nominata capitale italiana della cultura, rappresenta una grande opportunità per coniugare cultura e sviluppo. Un’occasione affinchè l’Italia possa ripartire dalla ricchezza dei luoghi, dalle specificità locali, dalla sua identità Mediterranea. Una sfida per tutto il settore della pesca italiana, a sostegno della quale Federpesca farà certamente la sua parte!” Conclude Luigi Giannini, Presidente della Federazione Nazionale delle Imprese di Pesca.

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.

    Print Friendly, PDF & Email
    5/5 (2)

    Lascia una valutazione

    Condividi su: