Home Attualità PepsiCo: ricavi in crescita, ma solo grazie agli snack
Traduci l'articolo nella tua lingua ArabicChinese (Simplified)EnglishFrenchGermanHindiItalianJapanesePolishPortugueseRomanianRussianSpanish

PepsiCo: ricavi in crescita, ma solo grazie agli snack

0
PepsiCo

Secondo trimestre 2018 positivo per i conti di PepsiCo, che ha infatti chiuso con ricavi in aumento del +2,4%, attestandosi sui 16,09 miliardi di dollari; a livello organico la crescita del fatturato sarebbe stata del +2,6%.
Il secondo trimestre del 2018 si è chiuso con un utile netto di 1,82 miliardi di dollari, in calo del 14% rispetto ai 2,11 miliardi del secondo trimestre del 2017 e anche l’utile per azione è calato, passando da da 1,46 a 1,28 dollari.
Ma quello che sembra il dato più preoccupante riguarda le vendite in Nord America, il mercato maggiore per l’azienda, dove la Pepsi vede calare le sue vendite per il terzo trimestre consecutivo: una riduzione dello 0,9%, 5,19 miliardi di dollari.
Positivo invece il dato degli snack, in particolare la società ha battuto le stime del mercato soprattutto per quanto riguarda il marchio Frito Lay. PepsiCo, oltre allo storico marchio Pepsi-Cola possiede fra gli altri i marchi Gatorade, Frito-Lay, SoBe, Lay’s (il brand di patatine più venduto al mondo), Naked, 7 Up e Tropicana. Frito-Lay North America produce distribuisce e vende patatine disidratate e altre tipologie di merendine, snack a base di formaggio, tortilla fritte (brand “Doritos” e “Fritos”), pretzel.
Il comparto delle bevande nordamericano di Pepsi ha dovuto fronteggiare l’aumentata concorrenza da parte di altri brand e i cambiamenti dei gusti dei consumatori. Per questo, molti analisti indicano come via di “salvezza” la possibilità di sganciare il comparto snack da quello delle bevande, cosa che non trova favorevole l’azienda.

Pepsico Beverages International è la quarta multinazionale nel food & beverage, dopo Nestlé, Kraft e Unilever, e prima di The Coca-Cola Company. I vertici di PepsiCo stimano per l’intero esercizio una crescita del fatturato almeno in linea con il trend registrato lo scorso anno (+2,3%). In Italia è presente con i marchi Pepsi, Gatorade, 7 Up, l’aranciata Slam e Propel Fitness water, sviluppando un fatturato vicino ai 250 milioni di euro.
Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Suggerisci una correzione all’articolo

[recaptcha]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here