Home Notizie Media & TV #Parlaconme: Donne del mondo bio protagoniste della seconda puntata

#Parlaconme: Donne del mondo bio protagoniste della seconda puntata

Per la seconda puntata del programma radiofonico #Parlaconme Simona Riccio ha messo a confronto tre protagoniste del mondo bio

#Parlaconme: Donne del mondo bio protagoniste della seconda puntata

Dopo il grande successo della prima puntata tutta al femminile e dedicata al ruolo delle Donne nel mondo del lavoro, #Parlaconme, la trasmissione di Simona Riccio in onda su Radio Vida Network, è tornato il 13 maggio con tre donne e professioniste d’eccezione con le quali è stato affrontato un tema per il quale la conduttrice ha un forte debole professionale e che conosce a fondo: il settore del biologico.

Le Tre Donne del biologico che sono alternate ai microfoni di #Parlaconme sono state Carola Gullino – Managing director at Gullino Import Export srl; Ilenia Nordera – General Manager Sì…amoBio; Simona Fiorentini – Marketing & sales manager presso Fiorentini Alimentari S.p.A

I dati Nomisma confermano ancora una volta l’andamento positivo del settore del biologico che in fase di pandemia ha registrato una crescita dell’11% che continua. Il Covid-19 ha segnato un cambiamento nello stile di vita e di abitudini di acquisto delle persone, ha lasciato il desiderio di consumare cibi più salutari, buoni, garantiti, italiani e biologici. I sistemi alimentari in tutto il mondo si stanno muovendo per promuovere il cambiamento verso stili di vita più sani e sostenibili. Quest’anno l’ONU ha proclamato il 2021 come “Anno Internazionale della frutta e della verdura” per sensibilizzare l’opinione pubblica sui benefici nutrizionali e sull’importanza dell’ortofrutta per l’alimentazione umana, la sicurezza alimentare e la salute.

E le Aziende come si sono comportate di fronte a questo nuovo scenario e a questo cambiamento delle persone che sono diventate e saranno sempre più esigenti? Come hanno affrontato il periodo anche a livello di investimenti e comunicazione? Di questo e molto si è parlato con Carola, Ilenia e Simona che in comune hanno molto: donne, imprenditrici, a capo di aziende territoriali di famiglie che si occupano prettamente di biologico che con professionalità, intraprendenza, determinazione, simpatia e con il sorriso sulle labbra, hanno brillantemente cavalcato l’onda cogliendo opportunità di fronte ad un periodo come quello che abbiamo vissuto.

Carola Gullino dirige, insieme a suo fratello Giovanni, l’azienda ortofrutticola Piemontese di famiglia, Gullino srl. È entrata nel gruppo nel 2009, dopo diversi percorsi formativi e professionali che le hanno permesso di affezionarsi ad una tradizione familiare, nella quale investire tutte le sue competenze. Lo stimolo più grande è stato quello creativo, nato dall’esigenza di dare un nuovo indirizzo all’azienda, trasformandola in una realtà di nuova generazione, sia per metodi produttivi che per investimenti green. Oggi Gullino si colloca nel mercato come azienda sostenibile e le sue produzioni biologiche la rendono un’eccellenza nel mercato ortofrutticolo. Si distinguono per le produzioni di mele, kiwi, mirtilli e fanno il possibile per restituire alla terra ciò che ci dona, in termini di rispetto dei suoi cicli e dei suoi equilibri. da anni è impegnata attivamente in un processo di riduzione del proprio impatto ambientale sul territorio e lo fa sia preservando le emissioni dannose in atmosfera che coltivando la propria frutta con metodi green. L’azienda opera da protagonista nel mercato dell’ortofrutta biologica perchè ha scelto di aderire a pieno ai 4 principi dell’agricoltura biologica: benessere, ecologia, equità e precauzione.

Ilenia Nordera, si è laureata in Economia e specializzata in Legislazione di Impresa, con tesi di ricerca sulle “Prassi aziendali sostenibili nel settore agroalimentare biologico”. Fin da giovane ha seguito, con passione, l’attività agricola di suo padre e contribuito a far crescere l’azienda familiare, Bio Trading srl, che commercializza esclusivamente prodotto biologico, di cui è socia titolare e responsabile commerciale.
Con la società agricola di famiglia, infatti, producono frutta biologica, in particolare mele, pere, kiwi e zucche, da più di 20 anni e grazie alla pregressa esperienza di suo padre nel settore vivaistico e sperimentale, oggi, Bio Trading – Erbè, Veneto – con il marchio Sì…amoBio, commercializza la frutta anche di altri produttori biologici e biodinamici locali veneti, puntando alla sperimentazione varietale territoriale e ad aumentare costantemente il livello di sostenibilità aziendale, valori per noi già consolidati e insiti nel loro modo di lavorare e vivere.

Simona Fiorentini, dopo la Laurea in Economia Aziendale all’Università degli Studi di Torino con specializzazione in gestione delle attività internazionali, fa il suo ingresso nell’azienda di famiglia nel 2004, affiancando l’allora direttore commerciale per occuparsi delle relazioni con i clienti B2B, dal dettagliante ai buyer della GDO. Dal 2008 assume l’attuale ruolo di Marketing ed Export Manager. Con sua sorella Fabrizia, CFO, rappresenta la quarta generazione della famiglia alla guida dell’azienda.
Di meritevole attenzione è la storia di Fiorentini: Leonildo Fiorentini apre la sua bottega alimentare a Torino nel 1918. Negli anni ’40 arrivano i primi prodotti etnici, grazie al figlio Vittorio, che importa prodotti allora sconosciuti come pane azimo e cous cous. A metà degli anni ‘70 avviene la vera svolta: Roberto Fiorentini e sua moglie Adriana trasformano l’attività da vendita al dettaglio a ingrosso.
All’importazione di prodotti salutistici e macrobiotici affiancano la produzione a marchio proprio: nasce il brand Fiorentini. Dal 2002 l’azienda produce alimenti biologici a forte connotazione salutistica, sostituivi del pane, snacks e gallette di cereali soffiati. La ricerca di gusto e leggerezza continua con Fabrizia e Simona, quarta generazione.
Da oltre 100 anni Fiorentini sceglie di produrre in Italia e a Torino, città in cui è nata. Con un recente importante investimento, si è dotata di un avveniristico stabilimento, ipertecnologico e avveniristico, dotato di numerosi accorgimenti per il risparmio energetico nel rispetto e tutela dell’ambiente. Gran parte delle materie prime utilizzate, così come delle tecnologie, sono prodotte in Italia.

La trasmissione può essere riascoltata sul sito www.vidanetwork.it

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.

    Print Friendly, PDF & Email
    Ancora nessun voto.

    Lascia una valutazione

    Condividi su: