Home Mercato Indagini e Ricerche Oltre il 50% dei consumatori spenderebbe di più per la qualità

Oltre il 50% dei consumatori spenderebbe di più per la qualità

spesa

È emerso da una indagine con oltre 2mila questionari compilati nei punti vendita Coop in tutta Italia, in occasione del Cash Mob etico: gli italiani sono disposti a pagare un prezzo maggiore per i prodotti, a fronte di maggiore qualità e controllo.

Il 54,4% del campione, con punte che sfiorano il 60% lo farebbe quando si associa la tutela dei diritti umani dei dipendenti, percentuale che arriva al 57,5% se si utilizzano solo materie prime italiane e al 55,9% se è un’impresa radicata sul territorio.

Disponibili a pagare di più anche se il prodotto è rispettoso dell’ambiente, con materie certificate, con informazioni chiare e numerose, in grado di indicare tutti i passaggi della filiera.

E se il 94,2% dei consumatori si ritiene abbastanza o molto responsabile, è altrettanto vero che non è così facile esserlo. Da qui l’impegno di Coop a proporsi come un laboratorio di sostenibilità.

Per il portavoce dell’ASviS, Enrico Giovannini, gli italiani sono sempre più orientati ad essere consumatori responsabili e chiedono ai produttori di fare altrettanto, offrendo beni che siano prodotti in modo sostenibile.

Il Cash Mob Etico si è svolto grazie alla collaborazione con Ancc-Coop e Coop Italia in 40 punti vendita in tutta la Penisola nel maggio scorso. Durante le due giornate dedicate al consumo informato e alle scelte di acquisto consapevoli, i volontari NeXt e Coop hanno spiegato il Voto col Portafoglio, ormai “marchio di fabbrica” di questa tipologia di eventi organizzati da NeXt negli ultimi 6 anni. Voto col Portafoglio è un’espressione coniata dal prof. Leonardo Becchetti, per evidenziare la grande opportunità dei consumatori di influenzare l’offerta del mercato, scegliendo un’azienda piuttosto che un’altra. Il gesto di acquisto diventa così un vero e proprio voto favorevole nei confronti delle aziende più virtuose, un sostegno concreto che può arrivare ad allargare quote di mercato e rendere la sostenibilità sempre più conveniente.

Print Friendly, PDF & Email
5/5 (1)

Lascia una valutazione

Condividi su: