Home Birre Obiettivo zero per Carlsberg entro il 2030

Obiettivo zero per Carlsberg entro il 2030

0
Carlsberg Group - Obiettivo Zero

Zero emissioni Co2, zero spreco di acqua, zero incidenti sul lavoro, zero consumo di alcol irresponsabile: è l’Obiettivo Zero di Carlsberg, leader mondiale del settore, terza produttrice al mondo di birra.
L’azienda ha presentato il bilancio di sostenibilità 2017, ponendosi come programma l’Obiettivo Zero entro il 2030, passando attraverso alcuni passaggi intermedi.
Together Towards ZERO (Insieme Verso lo Zero) esprime la visione di Carlsberg Group per un domani migliore in un momento di sfide importanti come il cambiamento climatico, la scarsità dell’acqua e le minacce alla salute pubblica. Il programma afferma le nostre ambizioni e obiettivi verso il 2022 e il 2030“, come si legge sul sito di Carlsberg Italia.
Il birrificio di Induno Olona è già impegnato da anni in questo percorso che lo sta rendendo tra i più virtuosi nel panorama industriale italiano, con obiettivi che sono sotto gli occhi di tutti.

La virtuosa sede di Olona di Carlsberg Italia

A cominciare dalle emissioni complessive diminuite dell’1,8%, vale a dire 11mila tonnellate di Co2 in meno; un numero che il bilancio sostenibile dell’azienda paragona a undici piscine olimpioniche.
Determinante per l’ottenimento di questo importante risultato è l’utilizzo di energie derivanti da fonti rinnovabili, con il ripensamento di grandi parti degli stabilimenti di produzione. Sul fronte degli sprechi d’acqua, nonostante un aumento della produzione del 6%, i consumi sono rimasti stabili (443mila cubi d’acqua – 11,3% rispetto al 2016).
Le acque depurate, interessate dal programma in un’ottica di economia circolare, in parte vengono restituite al fiume Olona, in parte utilizzate per il lavaggio degli impianti, senza così dover ricorrere a nuovi consumi.
Per quanto riguarda l’obiettivo sicurezza, il totale di infortuni in azienda è diminuito del 42% in poco più di un anno, segno di una maggiore attenzione sull’argomento da parte dell’azienda.
Sono infine oltre cinquemila le persone coinvolte dalle campagne di promozione per il bere responsabile lanciate sia sui mezzi pubblicitari tradizionali che in altri ambiti.
A livello mondiale, poi, già nel 2011 Carlsberg intevenne sul packaging e sul metodo della spillatura, con l’introduzione di contenitori in Pet riciclabili al 100% invece di quelli di alluminio. Il vetro sarà sostituito presto da contenitori in fibre di legno organico riciclabile.

Print Friendly, PDF & Email
Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here