Home Mercato Indagini e Ricerche Non si arresta il trend di crescita del turismo enogastronomico

Non si arresta il trend di crescita del turismo enogastronomico

turismo enogastronomico, rapporto turismo enogastronomico

Sempre più turisti si mettono in viaggio pensando non solo alle bellezze paesaggistiche, ma anche alle bontà della tavola e alle tradizioni del Paese che visitano: cantine, birrifici, oleifici e locali storici diventano meta degli itinerari di viaggio. È quanto emerge dal Rapporto sul turismo enogastronomico italiano 2020 redatto da Roberta Garibaldi in collaborazione con World Food Travel Association e l’Associazione Italiana Turismo Enogastronomico.

Quello del turismo enogastronomico si conferma un trend mondiale in continua crescita dal 2016; ad oggi i turisti che hanno svolto almeno un viaggio negli ultimi anni seguendo questo interesse sono il 53% a livello globale. I Millennials guidano questo trend seguiti dalla Generazione Z, già di per sé molto interessata al cibo.
Emerge dal Rapporto che circa il 50% dei turisti vuole arricchire il proprio viaggio anche con un’esperienza enogastronomica memorabile, in abbinamento ad altre attività ludiche o culturali. Da questo punto di vista solo per i francesi prevale la ricerca di un’esperienza enogastronomica “pura” con un interesse particolare per il locale, l’autentico e il gourmet.

turismo enogastronomico, rapporto turismo enogastronomicoPer quanto riguarda l’Italia, emerge dall’analisi che l’esperienza di turismo enogastronomico più apprezzata – e ricercata sul web – è quella del cibo di strada conn un particolare interesse soprattutto per i food truck. Ma ad essere apprezzati ci sono anche ristoranti e bar storici, dimore storiche sede di aziende di produzione agroalimentare, visite ai produttori di vino, e infine i corsi di cucina amatoriale.
Per quanto riguarda il cibo è certamente la pizza il prodotto trainante del Paese, e per questo lo studio suggerisce che potrebbe diventare motore trainante del turismo, con la creazione, ad esempio, di musei tematici. Inoltre, la pizza insieme al Gorgonzola sono i prodotti italiani ad Indicazione geografica più ricercati sul web tra il 2017 e il 2019. Tra novembre 2019 e gennaio 2020 per gli utenti di Stati Uniti, Cina, Francia, Spagna, Germania e Regno Unito figurano tra i più ricercati online prodotti e piatti tipici, tra cui arancini, l’ossobuco, il Parmigiano Reggiano e il Pecorino romano; tra le produzioni vitivinicole ‘Sparkling wine’, i vini dell’Alto Adige e il Chianti (dati Semrush).

turismo enogastronomico, rapporto turismo enogastronomico

L’articolata analisi del Rapporto risulta essere molto positiva per il turismo enogastronomico in Italia: a confronto con altri paesi europei l’offerta enogastronomica nostrana risulta essere vincente in sette degli indicatori considerati: produzioni di eccellenza, aziende vitivinicole, aziende olearie, imprese di ristorazione, musei del gusto, birrifici e Città Creative Unesco legate all’enogastronomia, con il Centro-Sud come zona più dinamica con il maggiore incremento dell’offerta. Inoltre, l’Italia risulta essere il Paese ad avere il maggior numero di iscrizioni alla liste Unesco di beni materiali e immateriali legati all’enogastronomia. Il confronto, insomma, con l’Europa regge, quasi fungendo da esempio. Unico punto debole: la promozione. Secondo il Rapporto, infatti, i tour operator riscontrano difficoltà a recuperare informazioni da portali ufficiali e dai siti aziendali per le esperienze enogastronomiche, che ritengono comunque di qualità eccellente.

Print Friendly, PDF & Email
5/5 (3)

Lascia una valutazione

Condividi su: