Home Notizie Media & TV Nel nuovo appuntamento di #Parlaconme: la crisi climatica nella realtà ortofrutticola

Nel nuovo appuntamento di #Parlaconme: la crisi climatica nella realtà ortofrutticola

Il 3 giugno un nuovo appuntamento con la serie radio #Parlaconme diretta da Simona Riccio ha visto la partecipazione di Marco Dallera, per parlare degli effetti del cambiamento climatico in agricoltura.

Dopo l’interessante puntata dedicata ai packaging, il 3 giugno un nuovo appuntamento con la serie radio #Parlaconme diretta da Simona Riccio ha visto la partecipazione di Marco Dallera, presidente, assicuratore qualità ed addetto alle vendite della Cooperativa Azienda Agricola Il Casone di Isola Sant Antonio (Alessandria). Con il suo ospite, Simona Riccio ha affrontato alcuni temi che Dallera aveva discusso il 1° giugno in videoconferenza con il Ministro delle Politiche Agricole Stefano Patuanelli. Durante questo incontro erano state esposte alcune importanti criticità che gravano sul settore agroalimentare ed in particolare sulla filiera ortofrutticola.

L’esperienza professionale di Marco Dallera nasce dalla profonda conoscenza del settore, considerando il suo lavoro con gli ortomercati all’ingrosso, in primis con quello di Milano ed in passato anche con piattaforme della GDO. Su Facebook è ben riconoscibile in quanto è sempre molto attento alle vendite a Km zero e soprattutto molto appassionato alla meteorologia, ma ne ha fatto un punto forte del proprio lavoro, occupandosi dello studio degli effetti dei cambiamenti climatici in ambito ortofrutticolo. Già membro del direttivo di una Organizzazione di Produttori ortofrutticoli Piemontese ed ex Presidente Cooperative agricole della Coldiretti della provincia di Alessandria. 

Gli argomenti trattati: 

  • Recovery fund – quali i metodi utilizzati per le nuove risorse destinate al comparto? più efficienza e meno burocrazia. A tale proposito il Ministro ha ricordato che la cabina di regia sarà accentrata e costantemente monitorata da Palazzo Chigi al fine di evitare sprechi, disparità e risorse inutilizzate.
  • Maggiore attenzione alla filiera ortofrutticola italiana che è in grado di proporre un’offerta qualificata di prodotti sia per il mercato interno che per l’export, ma che purtroppo ne emerge ancora un settore in crisi sia per vecchi nodi del periodo pre-pandemico mai risolti definitivamente dalla classe politica.
  • Riforma del credito agrario specifica per il comparto, carente presenza politica nella materia delle avversità climatica in agricoltura, internalizzazione soprattutto per le piccole e medie imprese, struttura logistica carente
  • I mercati ortofrutticoli all’ingrosso. Come argomento è stato trattato anche sotto forma di invito al Ministro di visitarli in pieno funzionamento al fine di comprendere meglio il ruolo che ricoprono all’interno della filiera agro-alimentare, ma anche e soprattutto comprendere la qualità dei prodotti che transitano all’interno ed il lavoro degli operatori.
  • Particolare attenzione è stata richiesta per quanto concerne la comunicazione. È necessario investire in comunicazione, in marketing digitale, in digitalizzazione e creare campagne istituzionali sfruttando i mass media e social network al fine di fare conoscere il settore, i prodotti, sensibilizzare il consumo regolare, stagionale, diversificato e in sicurezza dell’ortofrutta italiana soprattutto quest’anno l’assemblea generale dell’Onu ha dichiarato il 2021 l’Anno internazionale della frutta e della verdura.

La trasmissione viene trasmessa in diretta web-radio da Radio Vida Network sul sito www.vidanetwork.it e tramite app Radio Vida Network.

Per collegarsi ed ascoltare la trasmissione:

– collegarsi al sito www.vidanetwork.it

–  app ufficiale RADIO VIDA NETWORK scaricabile gratuitamente per IOS e ANDROID

– nei maggiori aggregatori di radio

– su speaker Alexa e Google Home

–  REPLICA il sabato mattina della settimana successiva alle ore 11.30 

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.

    Print Friendly, PDF & Email
    Ancora nessun voto.

    Lascia una valutazione

    Condividi su: