Home Notizie Attualità Nasce la Sustainable Wine Roundtable: verso uno standard globale per il vino

Nasce la Sustainable Wine Roundtable: verso uno standard globale per il vino

40 organizzazioni tra cui l'italiana Equalitas hanno dato vita alla coalizione Sustainable Wine Roundtable per definire in modo univoco nel mondo del vino il concetto di sostenibilità

La Sustainable Wine Roundtable (SWR) è una coalizione unica composta da grandi e piccoli produttori, distributori, rivenditori, organizzazioni ambientaliste e altre ancora, unite dal desiderio di rendere il settore vitivinicolo leader nella sostenibilità. Più di 40 importanti attori nella produzione e commercializzazione del vino in tutto il mondo uniranno le forze per accelerare le azioni richieste dalle crescenti sfide sulla sostenibilità. 

Dalla siccità alle inondazioni, dall’aumento delle temperature e degli incendi fino alle pressioni sociali sui diritti e la diversità dei lavoratori: l’industria del vino, come quelle operanti in altri settori, presenta significativi problemi nel garantire la resilienza, tenere il passo con le richieste dei clienti e contribuire agli obiettivi di sviluppo sostenibile prefissati dalle Nazioni Unite.

Basandosi sui numerosi standard di sostenibilità per il vino adottati dai singoli Paesi, la Sustainable Wine Roundtable svilupperà uno standard di riferimento globale che chiarirà la posizione della comunità del vino relativamente alla definizione di sostenibilità e su come essa possa essere implementata e misurata. Ciò fornirà una guida chiara e credibile su come avviare le aziende vitivinicole in un percorso di crescente sostenibilità, oltre ad aiutare produttori e consumatori a orientarsi tra i vari marchi e dichiarazioni di qualità ecologica.

La SWR riunirà diversi gruppi di lavoro per mettere a punto best practices e strumenti operativi che contribuiscono ad ottenere una crescente sostenibilità delle produzioni, aumentarne la consapevolezza collettiva, collegare i protagonisti della filiera e sostenere la comunità del vino come una forza unitaria che agisce per il bene globale.

Tra le 46 organizzazioni che hanno fortemente contribuito al progetto, c’è Equalitas, la società italiana che ha sviluppato un sofisticato protocollo di certificazione della sostenibilità della filiera vitivinicola basato sulle più innovative acquisizioni scientifiche e metodologiche.
Si tratta di uno “standard” nato in Italia su misura delle aziende vitivinicole e riconosciuto a livello internazionale, perché unisce in un unico strumento la dimensione ambientale, socioeconomica ed alcuni fondamentali valori etici, come il rispetto delle pari opportunità di genere e il rifiuto di ogni discriminazione.
Equalitas si rivolge alla filiera del vino, ne interpreta le dinamiche produttive e consente a tutti i suoi attori di ottenere la certificazione adeguandosi ai previsti requisiti, siano essi agricoltori, trasformatori, imbottigliatori o Consorzi di Tutela. La norma prevede, infatti, la certificazione di tre dimensioni produttive: l’impresa, il prodotto finito e il territorio.

Obiettivo principale della coalizione Sustainable Wine Roundtable è di arrivare a definire uno standard globale per il settore vitivinicolo. SWR rappresenta un tavolo di lavoro internazionale, indipendente, senza scopo di lucro e che coinvolge i principali stakeholder del settore, al fine di supportare la comunità dei produttori nella creazione di un mercato in cui il vino di alta qualità venga prodotto, scambiato e consumato in modi che conservino e rigenerino gli ecosistemi, proteggano i diritti umani, favoriscano l’uguaglianza e l’inclusione e generino prosperità, orgoglio e passione per l’eccellenza.

Per Riccardo Ricci Curbastro, Presidente di Equalitas e di FEDERDOC, la federazione di tutti i Consorzi di Tutela Italiani del settore vitivinicolo, questa iniziativa è “necessaria per evitare duplicazioni nelle certificazioni internazionali per le aziende vinicole. Questo è stato uno degli obiettivi di Equalitas sin dalla nascita del progetto e la partnership con SWR va nella giusta direzione. Dopo i nostri sforzi a livello nazionale, vogliamo offrire il nostro contributo per favorire una maggiore armonizzazione dei protocolli di sostenibilità su scala internazionale, semplificando gli oneri amministrativi delle nostre imprese esportatrici”.

Riccardo Ricci Cubastro

I membri fondatori della SWR includono: Ahold Delhaize, Alko, Alliance Wine, Amorim Cork, BLB Vignobles, British Glass, BSI, Catena Institute of Wine, Château Léoube, Cloudy Bay, Concha y Toro, Diversity in Food and Beverage, Domaine Bousquet, Dr Loosen, Enotria&Coe, Equalitas, Famille Perrin, Fish Friendly Farming, Food Alliance, Grupo Avinea, Hochschule Geisenheim University, International Wineries for Climate Action, JancisRobinson.com, Journey’s End Vineyards, Napa Green, New York Wine & Grape Foundation, North South Vini, Preferiti dalla Natura, Ramón Bilbao, Gruppo Schenk, Ste. Michelle Wine Estates, Rete per l’agricoltura sostenibile, Sustainable Winegrowing Australia, Sustainable Winegrowing Columbia Britannica, Systembolaget, The Co-op UK, The Fairtrade Foundation, The Porto Protocol, The Wine Society, Treasury Wine Estates, Vingruppen, Vintage Wine Estates, Waitrose & Partners , Whole Foods Market, Wines of South Africa, WWF South Africa.

La SWR è organizzata da Sustainable Wine Ltd, una società senza scopo di lucro creata per aiutare a rendere la sostenibilità consuetudine nel settore del vino

    Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.

    Print Friendly, PDF & Email
    Ancora nessun voto.

    Lascia una valutazione

    Condividi su: