Home Ristorazione N10 experience Milano: un viaggio nell’eccellenza della ristorazione
Traduci l'articolo nella tua lingua ArabicChinese (Simplified)EnglishFrenchGermanHindiItalianJapanesePolishPortugueseRomanianRussianSpanish

N10 experience Milano: un viaggio nell’eccellenza della ristorazione

0
N10 Experience Milano

Nasce in via Monte Grappa, in prossimità di via Melchiorre Gioia N10 experience Milano: un luogo che può essere definito come un’esperienza a tutto tondo, un viaggio nell’eccellenza, che omaggia con un riferimento già nel nome Alessandro Del Piero.

Il progetto nasce da un gruppo di amici e imprenditori, uniti dalla voglia di creare qualcosa di nuovo e funzionale, che possa fare la differenza.

L’eccellenza si configura a partire dai piatti creati dallo chef Corrado Michelazzo, dalle pizze del maestro pizzaiolo Marcello Costanzo, passando ancora attraverso gli originali cocktail degli esperti bartender. Partner del progetto è Ferrari, che firma la sala superiore del privée.

Una location dal design contemporaneo e allo stesso tempo conviviale completano un’esperienza che coinvolge tutti i sensi. A tal proposito, fortemente caratteristico è il percorso “show cooking” dove lo chef Michelazzo realizza dei “bocconi” fusion fra la cucina italiana e quella asiatica, costruendo attorno a questo viaggio un racconto interattivo con i commensali. Tutto ciò avviene in uno spazio intimo che è il bancone.

A guidare la struttura, Francesco Tafuro, già titolare della Fabbrica di Via Pasubio, nata nel 1996. Tafuro è stato uno dei primi ristoratori in Italia a scommettere sulla qualità delle materie prime, a sperimentare farine ad alta digeribilità e a coinvolgere fornitori di eccellenza del Made in Italy. N10 Milano, di cui è co-fondatore, è l’evoluzione di tutti questi elementi, che si vanno a intrecciare perfettamente con quello che oggi rappresenta Milano: patria dell’innovazione nel settore food e punto d’incontro e di scambio mondiale.

La cucina di N10 è firmata dall’executive Chef Corrado Michelazzo. Corrado inizia a farsi un nome negli anni ’90 nel suo ristorante e in seguito con alcuni stage in Francia con grandi Chef come George Blanc, Mark Veyrat e Trois Gros. Consolida la sua esperienza in Italia, al Bellevue di Cogne dove ottiene una stella Michelin e con il proprio ristorante La Meridiana a Saint Pierre dove entra in diverse guide.
Da quel 2008 la decisione di puntare la bussola sulla Cina, a Shanghai, dove ci resta per quasi 12 anni. La cucina di Michelazzo colpisce perché è molto creativa ma con pochi e semplici ingredienti.

Un format “bite all day”, dal pranzo alla cena, con la possibilità di vivere l’esperienza dell’aperitivo, dalle 3pm alle 19 pm, gustando i “bocconi”. In cucina, a supporto dello chef, oltre al sous chef Giorgio Bresciani, otto elementi di brigata, tutti giovanissimi, ragazzi che N10 ha intenzione di formare, stimolare e far crescere al suo interno.
È previsto, inoltre, un menù degustazione per la sala privée da 10 posti, che verrà studiato e creato su misura per il cliente.

Il menu di N10 è un viaggio nell’esperienza e nella cucina di Corrado Michelazzo, che ha saputo evolvere ricette classiche e adattarle a una cucina attuale, non priva di influenze asiatiche. Come il piccione marinato con spezie orientali con una base di sbrisolona al parmigiano e nocciole, che richiama l’origine piemontese di Michelazzo. Mentre le lumache cotte in umido vanno in seguito in tempura con una spuma di aglio dolce accompagnato da una salsa al prezzemolo.

Ma non c’è solo Oriente e Occidente nei piatti di Corrado Michelazzo, perché è la personalità dello chef che regala un tocco in più alle sue creazioni, come nel caso del raviolo ripieno di salsa alla carbonara, con una crema di broccoli e colatura di alici accompagnato da del guanciale croccante e polvere di broccoli disidratati. Gli spaghetti con i pomodori Flagella, di Castel di Sangro, richiamano l’antica ricetta napoletana della pasta “allo scarpariello”, qui lo chef aggiunge un po’ di nduja e spolvera di ricotta secca. Il risotto alla parmigiana di melanzane accompagnato da una mousse di melanzana affumicata al Josper, mozzarella, olio al basilico e polvere di pomodoro. Tra le spezie e le erbe predilette dallo chef, quelle classiche mediterranee, come timo e rosmarino, ma anche shiso, sakura e qualche pepe orientale, come quello di Sichuan, o il tè affumicato.

La pizza di Marcello Costanzo

La pizza N10 Milano è firmata dal Maestro pizzaiolo Marcello Costanzo che porta con sé un’esperienza trentennale nel settore pizza. Sin da subito la passione è sfociata nella consapevolezza di voler migliorare tutti gli elementi compositivi con studi dettagliati.

Anche per la pizza vale il concetto di stagionalità degli ingredienti, a cui si accosta la scelta del pomodoro Flagella, nelle versioni passata, filetto, pelato, datterino giallo e rosso. Flagella è un piccolo e bravissimo produttore Abruzzese di Castel di Sangro, così come del resto sono piccole le aziende scelte per le materie prime, puntando così su produttori artigianali.

Inizia il nostro viaggio all’interno di N10 experience interamente illuminato da luci iGuzzini. La vera protagonista è la cucina a vista targata Moltenì, prodotta a Lione totalmente a mano, dall’iconico colore rosso corsa.
Il Bar è caratterizzato da una parete dorata a inserti, che ospita una decina di posti. Tra la cucina e il bar, in uno spazio luminosissimo, dove i raggi del sole penetrano dalle ampie vetrate, possiamo ammirare le pareti di ceppo lombardo Marazzi, come tutti i rivestimenti del locale.

Al piano terra si possono vivere due esperienze: quella del bar, aperto dalle 12pm all’1am dove i bartender esprimono le loro esperienze mixologiche con la possibilità di poter gustare un aperitivo attraverso l’esperienza dei “bite ” e quella dello show cooking aperta dalle 12pm alle 3pm e dalle 7pm alle 11pm dove lo chef Corrado Michelazzo propone dei “bocconi” in stile italiano con qualche tocco asiatico. Entrambe le esperienze possono essere vissute nel dehor con uno stile lounge con tavoli, divanetti e zone verdi.

Continuando il viaggio, al piano superiore, aperto dalle 12pm alle 3pm e dalle 7pm alle 00am, si può gustare la pizza preparata con farine superiori ad alta digeribilità e con materie prime ricercate dal Maestro pizzaiolo Marcello Costanzo. In coda al vagone c’è il “N10 priveé” firmato Cantine Ferrari. Il piano interrato è caratterizzato da una sala multifunzionale che sarà utilizzata per eventi aziendali, musicali, lanci di nuovi prodotti, mostre e spettacoli in genere. Ogni 10 del mese si potrà vivere un’esperienza con serate a tema.

5/5 (1)

Lascia una valutazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here