Home Latte, Latticini & Caseari Mozzarella Brimi: l’unica con latte 100% Alto Adige

Mozzarella Brimi: l’unica con latte 100% Alto Adige

0
brimi. mozzarella brimi, alto adige

La Mozzarella classica di Brimi – azienda altoatesina specializzata nella produzione di mozzarella di alta qualità – racchiude tutta la freschezza e la genuinità che sta alla base della tradizione casearia altoatesina.
La Mozzarella di Brimi è realizzata con il purissimo latte 100% dell’Alto Adige senza OGM proveniente dai piccoli e incontaminati masi di montagna, dove i contadini allevano il bestiame in poche unità.
Il tipico colore bianco del formaggio filato fresco, la consistenza morbida ed elastica e il sapore piacevole di latte fanno della Mozzarella classica di Brimi una vera delizia.
Buona e versatile, simbolo per eccellenza della dieta mediterranea, perfetta da gustare al naturale in gustose insalate estive ma irrinunciabile anche come ingrediente per primi o secondi piatti.
La Mozzarella classica Brimi è disponibile nel banco frigo in formato da 100g, da 125g e nei pratici Multipack.

brimi

Nata nel 1969 grazie alla fusione della piccola Latteria Sociale di Sciaves e la Centrale del latte di Bressanone, Brimi Centro Latte Bressanone rappresenta oggi una delle principali realtà nazionali, e non solo, dei prodotti lattiero-caseari attestandosi quale unica azienda in Alto Adige che si è specializza nella produzione di mozzarella.
La qualità e l’eccellenza sono per l’azienda uno standard irrinunciabile che inizia sin dalle primissime fasi della filiera, controllata interamente dall’azienda. Dall’allevamento del bestiame al foraggio fino alla lavorazione, viene garantita nei prodotti la qualità del latte di montagna 100% Alto Adige, rigorosamente No OGM, che ogni giorno viene raccolto da 1.100 soci-contadini.
Brimi vanta le certificazioni ISO 9001, ISO 14001, BIO, BRC e IFS; le sue tecnologie sono tra le più all’avanguardia nel settore e utilizzano energie certificate e rinnovabili
Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Suggerisci una correzione all’articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here