Home Alberghi Lo chef Wicky Priyan sbarca all’hotel Abi d’Oru a Porto Rotondo
Traduci l'articolo nella tua lingua ArabicChinese (Simplified)EnglishFrenchGermanHindiItalianJapanesePolishPortugueseRomanianRussianSpanish

Lo chef Wicky Priyan sbarca all’hotel Abi d’Oru a Porto Rotondo

0
Wicky Priyan

Dal 10 al 29 agosto, il Giappone meltin’pot di Wicky Priyan incontra la Sardegna più autentica e ne nasce un luogo unico: un pop-up restaurant al Marinella, il ristornate dell’Hotel Abi d’Oru.

Due terre lontanissime, accomunate da cucine che riflettono una straordinaria ricchezza e il rispetto per la materia prima, oltre che dall’arte della convivialità e dalla magia di uno stile di vita iconico si uniscono questa estate.

Wicky’s ため Abi D’Oru, letteralmente Wicky’s for Abi D’Oru, dove il ‘for’ inglese è sostituito dal corrispettivo logogramma giapponese, indica l’apertura dello chef per questa nuova collaborazione, un’ avventura che per la prima volta lo vede lontano dal suo ristorante nel cuore di Milano. Ad accoglierlo sarà il ristorante sulla spiaggia dell’Hotel Abi D’Oru, guidato dallo chef Carlo Piras.

Wicky Priyan

“Ho girato il mondo, e credo nella forza che scaturisce dagli incontri tra luoghi, persone, ingredienti, tecniche. La mia cucina è la concretizzazione di questo approccio – commenta lo chef Wicky Priyan. Arrivare in Sardegna, in questo luogo meraviglioso, mi ha ispirato nuovi sapori. Ha inizio un nuovo corso che sono certo darà vita a un percorso lungo con Abi D’Oru. Come definire la cucina che farò qui? Una parola non basta. Occorre venire a provarla.”

Gli fa eco Alessandro Convertino, direttore dell’Abi d’Oru: “Stiamo facendo un grande lavoro sulla struttura alberghiera ponendo sempre al centro di ogni scelta questa nostra casa: la Sardegna. Lo stesso vale per i nostri quattro ristoranti. Per il nostro gioiello sul mare abbiamo scelto di iniziare la nostra prima collaborazione esterna con Wicky, che ha sposato con entusiasmo l’idea di ‘contaminare’ creativamente la sua cucina con i più rinomati prodotti sardi, dal pecorino al gamberetto. Volevamo qualcosa di speciale che parlasse la nostra lingua, ma non solo. Credo ci siamo riusciti.

Wicky Priyan

Nato a Colombo nello Sri Lanka, si trasferisce a 7 anni a Tokyo dove passa gran parte della giovinezza. I suoi studi in criminologia vengono intervallati da frequenti viaggi in giro per il mondo, finché l’incontro folgorante con i suoi grandi maestri della cucina, da Keller di Bali a Kan di Tokyo e Kaneki di Kyoto, gli faranno rimettere radici in Giappone.
A loro, Wicky deve il suo stile unico e il grande rispetto per la figura dello chef. Nel 2011 apre Wicky’s nel cuore di Milano, per far conoscere al pubblico italiano la grande arte della cucina giapponese e, allo stesso tempo, continuare il suo viaggio di ricerca e scoperta della materia prima, della tecnica e delle tradizioni locali.
La sua è una cucina di grandissimo equilibrio in cui si riassumono tutte le sue esperienze quanto le sue intuizioni, dove la grande devozione alle ricette classiche giapponesi si bilancia perfettamente con le contaminazioni di altre culture gastronomiche, senza risultarne danneggiata, bensì arricchita.

Hotel Abi D’Oru

L’Hotel Abi D’Oru apre nel 1963, a pochi chilometri dalla Costa Smeralda che nasce proprio in quegli anni, per volere del conte Vittorio Cini, patron di Ciga Hotels e mecenate italiano.
Il Conte affida il disegno dell’Abi D’Oru a Simon Mossa, il noto architetto, politologo e scrittore sardo.
Simon Mossa disegna un albergo il cui schema ripete quello degli esagoni degli alveari: un progetto talmente originale da essere pubblicato sulle riviste di architettura più importanti di quegli anni.
L’albergo dispone di 150 tra camere, junior suite e suite, quasi tutte con vista sul Golfo di Marinella a Porto Rotondo. Solo la grande piscina riscaldata, il giardino privato e un laghetto naturale separano le stanze dell’Abi d’Oru dalla spiaggia, che ha una vasta area riservata agli ospiti dell’albergo. Agli amanti dello sport l’albergo offre 2 campi da tennis, 1 campo da calcio a cinque, un campo da pallavolo e numerose opzioni per gli sport d’acqua.

Wicky Priyan

Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
5/5 (1)

Lascia una valutazione

Suggerisci una correzione all’articolo

[recaptcha]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here