Home Business Le Carte del Venditore di Aniello Mancuso. 9: Q di Cuori

Le Carte del Venditore di Aniello Mancuso. 9: Q di Cuori

0
Le Carte del Venditore di Aniello Mancuso. 9: Q di Cuori

In questo momento in cui l’emergenza sanitaria causata dalla diffusione del COVID-19 va di pari passo con le difficoltà delle imprese e delle attività del nostro Paese, a causa delle misure contenitive, abbiamo bisogno anche di segnali positivi. Per questo Horecanews.it, tenendo fede al patto d’informazione con i suoi lettori, ha deciso di non fermare la normale programmazione ma di tenervi aggiornati sulle notizie del settore, anche per concedere un momento di svago dalle difficoltà del momento.

A grande richiesta dei tanti lettori che ci hanno scritto, torna su Horecanews.it l’appuntamento con il progetto Le Carte del Venditore di Aniello Mancuso che troverete nelle prossime settimane ogni lunedì, mercoledì e venerdì.

Come è stato evidenziato già in altre occasioni, per un venditore è molto importante raggiungere l’obiettivo prefissato; l’errore da non commettere, a questo punto, è quello di adagiarsi o di accontentarsi, bisogno vivere ogni traguardo come un incoraggiamento a fare sempre meglio per non restare indietro. Di questo Aniello Mancuso parla approfonditamente nella carta Q di Cuori.

Q di Cuori: Il risultato raggiunto è solo una tappa

Il ruolo del venditore richiede un incremento costante di velocità per evitare di rimanere indietro.
Così come un atleta deve migliorare la prestazione ogni giorno per essere un professionista, anche noi venditori, cominciando dai piccoli clienti che ci vengono affidati, dobbiamo essere sempre più bravi affinché ci affidino i migliori clienti sul mercato. Un cliente che cresce bene non deve distrarci dall’essere sempre più esigenti con noi stessi; preferiamo sempre l’incoraggiamento ai complimenti!

Ci siamo mai chiesti se la nostra crescita sia in linea con quella del cliente? A volte ci gongoliamo non accorgendoci che lui viaggia ad un’altra velocità.
Come si fa ad essere sempre concentrati sull’obiettivo che ci dà l’azienda? Dobbiamo avere un obiettivo personale che vada oltre il 100% cosi saremo sicuri di raggiungere con serenità quello assegnato, anche in presenza di imprevisti.
Lavoriamo in modo costante e troviamo alternative per far crescere ancora il nostro cliente, è anche suo interesse.

Mi piace paragonare il venditore ad un pilota di Formula 1 che vince il Gran Premio. Mentre viene festeggiato da tutta la sua squadra e dai tifosi, il pilota non vede l’ora di rimettersi nella sua vettura monoposto per cercare di migliorarsi ulteriormente. Perché vuole migliorarsi sempre? Perché sa bene che i suoi avversari potrebbero prendere il suo posto già nel prossimo Gran Premio.
Oggi è stato il migliore ma domani, se si distraesse, potrebbe essere l’ultimo, la differenza la fanno pochi millesimi di secondo, ed ecco che l’ultima corsa vinta diventa il suo punto di partenza!
Allo stesso modo anche noi venditori potremmo perdere delle opportunità a causa delle nostre distrazioni, pensiamo a quante volte si perde una promo o un contratto a favore della concorrenza. Possiamo essere oggi i migliori ma domani i peggiori… dipende anche da noi!

Esercitazione: Partiamo dall’obiettivo raggiunto e simuliamo il prossimo alzando l’asticella

Clicca qui per scoprire le Carte del Venditore su Horecanews.it

Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
4.94/5 (71)

Lascia una valutazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here