Home Notizie Attualità La Commissione europea boccia il Piano Pesca per l’Adriatico

La Commissione europea boccia il Piano Pesca per l’Adriatico

Pesca

La Commissione europea ha bocciato il Piano per la pesca in Adriatico approvato dall’Europarlamento, che prevede una riduzione delle catture del 4% l’anno per una durata di tre anni.

Secondo la Commissione il piano indebolisce la proposta della Commissione stessa, in quanto è “nell’interesse dei nostri pescatori, abbiamo bisogno di avere una prospettiva più sostenibile e a lungo termine. Se vogliamo che il Mediterraneo e l’Adriatico si scrollino di dosso l’etichetta di mare più eccessivamente sfruttato al mondo, abbiamo bisogno di prospettive più sostenibili e a lungo termine“.

Il Parlamento ha stabilito che per il 2019 i limiti di cattura degli stock pelagici dovrebbero essere fissati ai livelli di pesca del 2014, e poi ridotti del 4% all’anno per ogni Stato membro interessato, tra i 2020 e il 2022. Tuttavia, questa riduzione del 4% non si applicherebbe se, in un anno precedente, le catture totali per ogni Stato membro fossero inferiori (oltre al 2% in meno) rispetto al 2014. Sono stabiliti inoltre specifici periodi di divieto di pesca per i diversi stock, per le imbarcazioni e per gli attrezzi da pesca, allo scopo di proteggere le aree di vivaio e di deposizione delle uova. I deputati hanno inoltre convenuto di autorizzare in via eccezionale i pescherecci che potrebbero porre fine o ridurre temporaneamente le loro attività per rendere effettive queste nuove norme, a far domanda al Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca (FEAMP) per ottenere un sostegno finanziario fino al 15% al di sopra del massimale esistente. Questa deroga è valida fino al 31 dicembre 2020 e per un massimo di nove mesi. La stragrande maggioranza della piccola pesca pelagica nell’Adriatico riguarda l’acciuga e la sardina. Tutte le attività di pesca pelagica in quella zona sono valutate a circa 74 milioni di euro (2013). Quasi tutte le attività di pesca con acciughe e sardine provengono dall’Italia e dalla Croazia, con alcune imbarcazioni provenienti da Slovenia, Albania e Montenegro. Due piani pluriennali nell’ambito della nuova PCP sono già stati approvati dal Parlamento europeo e dal Consiglio: il piano per il Mar Baltico adottato nel 2016 e il piano per il Mare del Nord adottato nel 2018.

Print Friendly, PDF & Email
Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Condividi su: