Home Notizie Ambiente & Sostenibilità Italia seconda nel Mediterraneo per la pesca sostenibile

Italia seconda nel Mediterraneo per la pesca sostenibile

pesca

L’Italia è al secondo posto dopo il Marocco per aziende in regola con le certificazioni di sostenibilità e responsabilità nel comparto ittico.

La notizia arriva da Paolo Bray, fondatore e direttore di Friend of The Sea, Ong internazionale che opera per la tutela degli ecosistemi marini, intervenuto ad Ecomondo-Key Energy, la fiera della green economy tenutasi a Rimini dal 6 al 9 novembre.
Nel suo intervento Bray ha parlato di oltre 70 organizzazioni di pesca nel Mediterrano che attualmente possono vantare prodotti certificati Friend of the Sea ed il trend è in continua crescita. “Fra i paesi più virtuosi, se al primo posto c’è il Marocco (39%), il secondo gradino del podio spetta all’Italia (28%), seguita da Spagna (19%), Portogallo (10%) e Francia (4%). Nell’insieme questi Paesi pescano e commercializzano quasi 300 specie di pesce selvatico catturato nell’area del Mediterraneo”.

Anche il settore dell’aquacultura si muove nella direzione della sostenibilità con 90 organizzazioni certificate Friend of The Sea presenti nei Paesi del Mediterraneo; quelli con il maggior numero di allevamenti a mare e a terra sono Italia, Spagna, Grecia, Turchia e Francia che allevano e commercializzano in tutta Europa una grande varietà di specie, tra cui orate, branzini, trote e salmerino alpino.

Friend of the Sea è oggi uno dei principali schemi internazionali per la certificazione di prodotti derivanti sia da attività di pesca che da acquacoltura. I prodotti certificati provengono da ogni parte del mondo e includono le specie più commercializzate, mangimi e prodotti Omega 3 a base di olio di pesce.
In linea con le direttive della FAO, i modelli di costo sono contenuti, affinché anche piccoli pescatori e produttori, che attualmente costituiscono circa il 50% dei prodotti certificati da Friend of the Sea, possano sostenere la spesa.
I prodotti certificati Friend of the Sea sono disponibili in tutte le maggiori catene della grande distribuzione in Italia e in Europa, in molti ristoranti e nelle farmacie (con gli integratori alimentari)

Print Friendly, PDF & Email
Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Condividi su: