Home Attualità In Italia obesità infantile in calo

In Italia obesità infantile in calo

0
bambini mangiano verdura

L’obesita infantile in Italia è in calo. Lo dice senza mezzi termini Luigi Scordamaglia, presidente di Federalimentare, che commenta i dati sull’obesità infantile apparsi sul Corriere della sera.

I dati ufficiali di OKkio alla Salute – sistema di sorveglianza nazionale gestito dal Ministero della Salute – indicano che solo il 9,3% dei bambini è obeso con una tendenza in netto calo. Invece, una statistica pubblicata dal Corriere fa riferimento a dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, secondo cui il 21% dei bambini italiani e il 14% delle bambine sarebbero obesi, ponendoci al primo posto in Europa“.

Sono dati fuorvianti – dice ancora Scordamaglia – il numero di bambini obesi o sovrappeso in Italia è sotto la media dei Paesi OCSE. L’Italia ha il primato della salute e della longevità, non certo dell’obesità. La pubblicazione di dati allarmistici non sufficientemente verificati o contestualizzati danneggia le oltre 58.000 aziende alimentari della piccola e media impresa italiana e i tantissimi agricoltori che quotidianamente operano nel nostro Paese” – continua il presidente. “Da anni, in stretta collaborazione con le istituzioni e con grande senso di responsabilità, le nostre PMI – afferma Scordamaglia- propongono ai consumatori prodotti sempre più sicuri, di altissima qualità e di elevate caratteristiche nutrizionali, come dimostra il fatto – conclude – che l’obesità infantile in Italia, secondo i dati istituzionali di Okkio alla Salute, è calata del 13% nell’ultimo decennio”.

OKkio alla SALUTE è un sistema di sorveglianza sul sovrappeso e l’obesità nei bambini delle scuole primarie (6-10 anni) e i fattori di rischio correlati. Obiettivo principale è descrivere la variabilità geografica e l’evoluzione nel tempo dello stato ponderale, delle abitudini alimentari, dei livelli di attività fisica svolta dai bambini e delle attività scolastiche favorenti la sana nutrizione e l’esercizio fisico, al fine di orientare la realizzazione di iniziative utili ed efficaci per il miglioramento delle condizioni di vita e di salute dei bambini delle scuole primarie.
Ancora nessun voto.

Lascia una valutazione

Suggerisci una correzione all’articolo

[recaptcha]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here