Home Pianeta Pizza Impronte di pizza 2019: i nuovi trend dell’Italia in fermento

Impronte di pizza 2019: i nuovi trend dell’Italia in fermento

0

Il connubio ‘bella e buona’ non basta più: in fatto di pizza gli italiani si scoprono esperti di ingredienti di qualità e metodi di lavorazione, pur rimanendo fedeli alla semplicità della pizza margherita.

È quanto ha fotografato un’indagine presentata da Eataly durante la prima edizione di IMPRONTE DI PIZZA – la parola a chi lascia il segno, un grande momento di confronto in cui i grandi maestri del mondo pizza, provenienti da diverse scuole di pensiero, hanno messo in scena le loro personali interpretazioni di un piatto icona del Made in Italy.

La ricerca

L’indagine presentata ha evidenziato come il 65% degli intervistati è ben consapevole di quanto il lievito e il tempo di riposo siano essenziali nel rendere la pizza leggera e digeribile e che il 83% opta con decisione per pizze con ingredienti di qualità come DOP/IGP e Presidi Slow Food, mentre l’88% ritiene “importante” o addirittura “molto importante” conoscere l’origine degli ingredienti.

La ricerca informa inoltre che in Italia si consumano 8,3 milioni di pizze al giorno e che il 60% dei consumatori mangia la pizza almeno una volta alla settimana e il 15% anche più di una volta alla settimana.
Gli esercizi commerciali che trattano il prodotto pizza sono oltre 127.000.
A fronte della sfida napoletana (35%) contro romana (26%) il 14% dice è indifferente, il 35% preferisce ‘quella alta’ rispetto al 26% che predilige ‘quella bassa’.
La margherita è la pizza più scelta dagli italiani (35%), ma un crescente successo lo sta acquisendo la diavola che è indicata come preferenza dal 19% dell’intero campione, con punte del 25% in Emilia-Romagna. Anche la capricciosa ottiene grandi consensi: è ordinata dal 19% degli intervistati a livello globale, ma con forte successo in Sicilia (38%).
Per la qualità si è disposti a pagare. Per una margherita di livello, il 48% degli intervistati è disponibile a spendere 6-7 euro, mentre il 18% arriva agli 8-9 euro. A vincere con il 48% delle preferenze, secondo il sondaggio, è la farina 00, incalzata dalle multi-cereali e/o integrali (32%) sopratutto in Lombardia (37%).  Il 29% degli intervistati ha dichiarato di preferire pizzerie che utilizzano ingredienti di qualità e il 54% sostiene che, se disponibili, sceglie dal menù pizze guarnite con prodotti IGP/DOP o Presìdi Slow Food.

impronte di pizza

Il dibattito

Questi dati, introdotti dal responsabile pizza di Slow Food Antonio Puzzi, hanno dato il ‘LA’ alla sinfonia di pareri ed esperienze di quattro dei più autorevoli maestri pizzaioli italiani – Renato Bosco, Stefano Callegari, Franco Pepe e Ciro Salvo – che, moderati dal giornalista Luciano Pignataro, si sono confrontati su uno dei temi più caldi del movimento della pizza: l’impasto.
Al dialogo hanno partecipato anche Francesco Pompilio, maestro pizzaiolo di Eataly che ha guidato la definizione della ricetta della nuova Pizza Eataly, e Fulvio Marino produttore di farine.

A partire dalle farine utilizzate – argomento che ha acceso subito il dibattito anche a fronte di un 48% degli intervistati che afferma di preferire la 00 –, i maestri pizzaioli hanno pian piano rivelato segreti e scelte anche in materia di idratazione, tempo di maturazione e cottura. Centrale in tutti gli interventi è l’obiettivo che si vuole raggiungere con l’impasto.
Infatti, come ben riassume Stefano Callegari,l’impasto non è una ricetta. Gli stessi ingredienti, le stesse dosi, la temperatura e le tempistiche di riposo e cottura possono dare risultati diversi: sta nell’abilità del pizzaiolo sfruttare la duttilità dell’impasto per ottenere di volta in volta il risultato finale voluto”.
Ciro Salvo offre un esempio pratico di intenzione del pizzaiolo e di questa duttilità dell’impasto quando parla della sua celebre pizza napoletana: “Farina di medio tenore proteico, impasto ben idratato e maturazione da un minimo di 18 ore a un massimo di 24 ore sono i miei tre segreti per garantire una pizza leggera e altamente digeribile”.
E se l’impasto non è una ricetta fissa, sperimentare può diventare una vera e propria filosofia, come nel caso di Renato Bosco per il quale questo significa “mettere le mie conoscenze a disposizione di farina, acqua, lievito e sale, e ricercare quello che questi quattro elementi possono dare a me con un chiaro obiettivo in termini di qualità e caratteristiche del prodotto finale”.
‘Ricerca’ e ‘innovazione’, intesa anche come tecnologica, sono ormai diventate parole d’uso comune nel campo degli impasti e nel corso della tavola rotonda sono state menzionate più volte dai maestri pizzaioli, pur con diverse sfaccettature.IMPRONTE DI PIZZA

Se per alcuni si traducono nel dare spazio alla creatività con nuove consistenze, altri le intendono al servizio della tradizione, come Franco Pepe. Il pizzaiolo campano, che il prossimo 2 giugno diventerà Cavaliere della Repubblica, racconta l’evoluzione del suo impasto così “il mio obiettivo è cercare di bilanciare artigianalità, tradizione e innovazione. Da un lato non si può prescindere dal saper fare proprio dell’artigiano, dall’altro l’innovazione offre nuovi strumenti per valorizzare queste competenze”.
Francesco Pompilio conclude: “La buona pizza è il punto d’arrivo di una filiera estremamente articolata fatta da grandi professionisti appassionati, ottime materie prime e tempo, necessario per le lievitazioni ma anche per imparare, evolversi e creare la propria formula. Alla fine, però la nostra gratificazione deve passare anche attraverso il piacere che riusciamo a trasmettere a chi mangia la nostra pizza.”
Il confronto tra i diversi stili ed esperienze non si è fermato solo alle parole: i maestri pizzaioli si sono alternati al banco di stesura e ai forni per preparare le loro basi pizza offerte in degustazione al pubblico in sala e condite solo con un filo d’olio per riconoscere e apprezzare le varie consistenze.

IMPRONTE DI PIZZA

 

“IMPRONTE DI PIZZA non poteva che partire dall’impasto”, commenta Luciano Pignataro. “Negli ultimi anni è cresciuta la sensibilità del consumatore e l’attenzione dei pizzaioli, molti dei quali hanno puntato su questo elemento della pizza come uno dei fattori di differenziazione rispetto al mercato. L’evoluzione della pizza si gioca anche su altri tavoli e sarà interessante approfondirli nelle prossime edizioni del simposio ideato da Eataly”.

 

Vuoi ricevere maggiori informazioni sull'argomento di questo articolo? Compila il form indicando i tuoi dati e ti metteremo in contatto con chi potrà fornirti le informazioni richieste senza alcun impegno da parte tua.
Print Friendly, PDF & Email
5/5 (4)

Lascia una valutazione

Condividi su:

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here